LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Posts Tagged ‘PD’

L’ultima folle ipocrisia del Pd: “la Calabria è troppo isolata, stop al Ponte sullo Stretto”. Ma si rendono conto che è un controsenso?

Posted by Peppe Caridi su 25, luglio, 2012

La sapete l’ultima? Il Pd è impazzito! Direte che non è una novità? Sarà, ma che arrivasse a questo punto era difficile immaginarlo. La politica è fatta di idee, confronti e opinioni ma c’è una logica di base su cui non si può prescindere, e senza la quale i cittadini fanno davvero fatica a capire le cose. E se il Partito Democratico in Calabria è sotto il 10% dei consensi, evidentemente, un motivo c’è.
Ma voi immaginate se, tanto per fare un esempio, il Milan volesse risolvere i suoi problemi dell’attacco dopo la partenza di Ibrahimovic, acquistando un portiere? O se un diabetico volesse risolvere il suo problema di salute, mangiando nutella e cannoli siciliani?
No, Bersani e Minniti non hanno detto questo. Ma quasi. Hanno detto che la Calabria è troppo isolata dal resto del mondo, che mancano infrastrutture e che quindi bisogna risolvere il problema. La soluzione? Bloccare l’iter del Ponte sullo Stretto! Sì, avete sentito bene. Il problema della Calabria isolata dal resto del mondo è del Ponte dello Stretto, il Ponte che però non c’è …
Stamattina proprio Marco Minniti, deputato calabrese del Pd, insieme al segretario del partito Pier Luigi Bersani e il capogruppo alla Camera Dario Franceschini hanno presentato una mozione per chiedere al Governo misure tempestive contro la situazione “insostenibile” della “Calabria che sta morendo” per carenza di infrastrutture che la colleghino al resto del Paese.
In una conferenza stampa a Montecitorio, gli esponenti del Partito Democratico hanno detto che “serve una ripresa del tema sud in una chiave di reciprocità, chiave devastata dalla cultura della destra in questi anni. In particolare, va chiuso il capitolo del ponte sullo Stretto. E’ venuto il momento di chiudere quel miraggio, la società ponte sullo Stretto andrebbe sciolta“.
Come al solito, la sinistra addossa a qualcosa che non esiste le “colpe” di uno status quo di cui è quantomeno complice nelle gravi responsabilità politiche. Negli ultimi 7 anni, ad esempio, la sinistra ha governato per 5 anni la Regione Calabria. E negli ultimi 12 anni, è stata al governo nazionale per 7 lunghi anni, senza contare l’ultimo in cui il Pd sta comunque appoggiando il governo tecnico guidato a Mario Monti. Qual’è la “cultura della destra di questi anni“? Quale destra?
Fatto sta che il Ponte non c’è. E una cosa che non c’è non può essere causa dei problemi esistenti.
Dopotutto il vecchio PCI negli anni ’70 criticava aspramente, sulle pagine de “L’Unità“, la realizzazione dell’A3 Salerno-Reggio Calabria. La motivazione? “Questa Regione è piena di mulattiere, costruire un’autostrada non serve, bisogna fare le stradine interne“. La stessa solfa di questi anni. Cambiano le persone, ma non l’atteggiamento. Eppure ne è passato di tempo …

L’A3 Salerno-Reggio Calabria è invia di completamento

Che fine ha fatto la vecchia sinistra, rivoluzionaria e progressista? Vogliosa di fare e di cambiare il mondo?
Dire “no” a tutto e a tutti, senza motivo e anche andando contro ogni logica, evidenzia una carenza di idee, di stimoli, di progetti.
Adesso più che mai, con l’A3 sempre più moderna e in via di completamento definitivo, bisognerebbe sostenere la realizzazione di una grande opera come il Ponte sullo Stretto, che stravolgerebbe in positivo l’economia di tutta l’Italia meridionale, e in modo particolare della Calabria.
Dopotutto l’idea del Ponte la sinistra, nel corso degli anni, l’ha sempre sostenuta e portata avanti. Lo storico “sì” del Cipe arrivò nel 1999 grazie al governo D’Alema. Ma da quando Berlusconi è arrivato al governo nel 2001 e ha continuato nell’iter del Ponte, fuori dalla logica delle parti che devono per forza contrapporsi, la sinistra ha smentito se stessa e improvvisamente ha iniziato a dire “no” a un’opera che, sin dai tempi di Craxi e poi di Prodi, aveva sempre sostenuto con piena convinzione.
Insomma, se vengono a chiedervi perchè in Calabria non riescono ad arrivare neanche al 10%, sapete bene cosa rispondergli …

Annunci

Posted in Ponte sullo Stretto, Stretto di Messina | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Leo Pangallo: «il Pd calabrese è un malato terminale, nessun progetto di rinnovamento. Che errore attaccare Scopelliti quando realizzava opere positive!»

Posted by Peppe Caridi su 21, settembre, 2010

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/pdpdpd.jpgdi Tonio Licordari –  http://www.gazzettadelsud.it/ – Deluso dalla sinistra, in particolare dal suo partito, il Pd, l’ing. Leo Pangallo decide di abbandonare per adesso la scena politica, passando da possibile protagonista a distaccato osservatore. E intanto in questa intervista a “Gazzetta del Sud” spiega le ragioni del suo disimpegno. Già comunista e poi diessino, l’ingegnere-manager è stato per 20 anni consigliere comunale di opposizione e successivamente ha assunto il ruolo di direttore generale dell’Ama (poi Atam) ai tempi di Falcomatà sindaco e di recente dell’Azienda ospedaliera Bianchi-Melacrino-Morelli con Loiero governatore. Era anche uno dei papabili candidati a sindaco, ma dopo questa presa di posizione si esclude automaticamente dalla corsa ad eventuali primarie del centrosinistra. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

PD = Partito Disperato

Posted by Peppe Caridi su 3, aprile, 2010

https://i1.wp.com/www.ilcalcestruzzo.it/images/stories/2alvarofebbario/manifesto%20pd%20lacerato.jpgdi Fausto CariotiLibero – Per capire cosa accade a sinistra di questi tempi tocca recuperare la summa filosofica del “furbettoStefano Ricucci, che non sarà il più fine degli analisti ma ha l’indubbio pregio della sintesi: «È facile fare i froci col culo degli altri». Perché due cose sono chiare nell’opposizione dal momento in cui si sono saputi i risultati delle regionali. La prima è che Pier Luigi Bersani è già bollito. Non solo nessuno pensa di farne il candidato premier del centrosinistra nel 2013 (cosa non troppo normale per il leader del principale partito d’op – posizione), ma è anche chiaro a tutti, dalla figlia di Walter Veltroni in su, che come segretario del Pd ha già fallito. La seconda certezza – che ci riporta alla metafora evocativa di Ricucci – è che nessuno osa fare un passo avanti e dire: tocca a me, mi candido io. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Grillo si candida a guidare il Pd per disperazione (sua e della sinistra)

Posted by Peppe Caridi su 16, luglio, 2009

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/grigiriri.jpgdi Francesco Lenerhttp://www.loccidentale.it/Passata l’estenuante quanto innocua settimana del G8, il week end ha sfornato finalmente due notizie di rilievo: il comico Beppe Grillo si candida a concorrere per la leadership del Partito Democratico e la pornostar Milly D’Abbraccio si candida a partecipare alla nuova edizione dell’Isola dei Famosi. Un parallelismo perfetto, e forse non del tutto casuale, che palesa una volta per tutte alcune tendenze già in atto: la prima è l’ingresso sempre più evidente delle dinamiche e del linguaggio dei reality show nelle vicende politiche, la seconda è il mesto crepuscolo del fenomeno Grillo, almeno del Grillo guastatore feroce e immusonito degli ultimi anni, incapace di superare la logica contestatrice dei V-Day per provare a formulare proposte costruttive o semplicemente per trovare quel consenso popolare solo sognato in tutte le occasioni in cui ha fatto comparire il suo nome nelle schede elettorali. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Grillo, tutte le sue battute che fanno piangere la sinistra

Posted by Peppe Caridi su 15, luglio, 2009

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/images/ggrii1.jpgdi Federico Novellahttp://www.ilgiornale.it/La domanda ontologica è piuttosto fondata: può diventare leader del Pd uno che considera il Pd medesimo «una nave che affonda con le pantegane che fuggono in cerca della scialuppa»? Il sottile richiamo roditorio è evidentemente riferito a quelli che adesso vorrebbe come compagni di partito, i quali nella retorica grillesca diventano guappi da Muppet Show con i nomi storpiati: oltre all’indimenticabile Valium Prodi, il Pd è un bim bum bam politico ove ammirare le magnifiche entusiasmanti avventure di Topo Gigio Veltroni, Napolitano «Morfeo», Massimo Volpe-nel-deserto D’Alema «servo del padrone di Arcore», e poi Dario Boccon-del-prete Franceschini, Piero «Globulo» Fassino, senza contare il temibile Bersanetor, lo sterminatore dei tassisti. Gente che «non prende voti neanche dai parenti». Luciano Violante diventa «il ministro ombra di Mediaset», e neanche i quadri più innocenti vengono risparmiati dalla furia grillina: come il nuovo sindaco di Firenze, «l’ebetino Rienzi, paladino degli inceneritori». O come il professor Pietro Ichino, liquidato come «Jachino, un incrocio con Japino, quello della Carrà». Più che dirigenti, «rifiuti tossici della sinistra di cui ci libereremo solo con una purga». Parola del candidato Beppe Grillo, che oggi si erge dunque a Guttalax della situazione.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Le sue ultime parole: «La guerra? Sporco lavoro ma qualcuno deve farla»

Posted by Peppe Caridi su 15, luglio, 2009

https://i0.wp.com/www.meteoweb.it/images/ggrii.jpgdi Fausto Biloslavohttp://www.ilgiornale.it/«La guerra è uno sporco lavoro, ma qualcuno dovrà pur farla» ha scritto Alessandro Di Lisio su Facebook prima di morire in Afghanistan. Non mancherà chi utilizzerà questa frase per la solita propaganda spicciola contro le missioni militari sui fronti più caldi. Invece sono le parole vere e crude di un soldato, il caporalmaggiore Di Lisio, che non si è mai tirato indietro. Un parà tutto d’un pezzo, nato a Campobasso. Un ragazzo che ha sacrificato la sua vita per quello in cui credeva. «Mentre altri alla sua età si fanno prendere da mille distrazioni, Alessandro ha affrontato una missione in cui sapeva che rischiava la vita. Era un ragazzo convinto, che faceva onore ai suoi 25 anni», racconta il colonnello Vittorio Stella. Comandante dell’8° reggimento guastatori paracadutisti di Legnago, l’unità del parà caduto in terra afghana. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Ecco il piano segreto di Di Pietro: usare il comico per sbranare il Pd

Posted by Peppe Caridi su 15, luglio, 2009

https://i0.wp.com/www.meteoweb.it/images/grilldipi.jpgdi Paolo Bracalinihttp://www.ilgiornale.it/Vedete? Si candida a guidare il Pd ma parla come un vice-Di Pietro, versione comica del tribuno Idv. È lui il cavallo di Troia dell’Italia dei valori, il virus letale iniettato nel corpo già moribondo del Pd, stretto tra lo stupratore del Torrino e gli agguati del Tonino. Può sembrare che Grillo stia lì solo per creare confusione nel Pd, ma attenzione perché c’è una strategia tutt’altro che balzana dietro la trovata grillesca di sostituirsi ai Franceschini e ai Bersani. È da tempo che Di Pietro lavora all’eliminazione del Pd, già fin dalle elezioni, con l’alleanza più micidiale che i Democratici potevano scegliere, e il boom Idv delle Europee non ha fatto altro che rafforzare in Tonino – che nutre ambizioni pari solo alla sua veemenza – l’idea che l’Idv possa diventare una forza popolare alternativa al Pdl, il Popolo dei valori, in altre parole: la soluzione finale per il Pd. Beppe Grillo, con il composito universo che a lui riporta (movimenti, bloggers, delusi dalla sinistra e dal Pd), è una pedina chiave in questa partita di scacchi. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Pd, porta chiusa a Beppe Grillo

Posted by Peppe Caridi su 15, luglio, 2009

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/images/gryll.jpghttp://www.ilgiornale.it/A chi gli dice no, lui risponde sì. Cerca sempre una scappatoia che aggiri gli ostacoli che ogni giorno la dirigenza del Pd gli para davanti. L’ultimo carpiato del partito è stato: “Non ci si può iscrivere dove non si è residenti”. Beppe Grillo si spezza, ma non si piega: “Domani mi iscrivo al Pd a Nervi. A casa mia. Allora spero che la Vincenzi, che è la sindaco, non mi tolga la residenza da Genova, sennò per iscrivermi a ’sto cazzo di partito devo diventare un apolide!”. Dal suo blog Beppe Grillo torna a far sentire la sua voce per protestare contro il rifiuto del Pd di farlo iscrivere ad Arzachena, dove il comico genovese è in vacanza, e ribadire che ci riprova.Ma la commissione di garanzia del partito glielo vieta.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Questa sinistra isterica fermi la caccia al premier

Posted by Peppe Caridi su 5, luglio, 2009

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/images/giornale.jpgdi Giampaolo Pansahttp://www.ilgiornale.it/A sinistra troppa gente sta diventando isterica? Comincio a pensarlo dopo una serie di indizi che, insieme, fanno una prova. Mercoledì 1° luglio Il Giornale ha pubblicato due lettere inviate al direttore, Mario Giordano. Erano firmate o siglate, venivano entrambe da Milano e raccontavano le disavventure di due lettori del suo quotidiano.
Vediamo la prima. Il venerdì 26 giugno un signore sale sull’Eurostar Roma-Milano, si siede al posto assegnato e comincia a leggere Il Giornale. Passano pochi minuti e viene insolentito da un altro passeggero. Costui ringhia: «Odio quelli che leggono Il Giornale!». Dopo qualche altro minuto, l’odiatore esclama: «Non posso sopportare la vista dei fascisti!». E si alza, cambiando posto nella carrozza. Nessuno reagisce. Nessuno sembra aver sentito nulla. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | 1 Comment »

PD: CHIAMPARINO RINUNCIA, BERSANI AVANZA

Posted by Peppe Caridi su 30, giugno, 2009

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/images/pd1.jpgSINDACO TORINO NON SI CANDIDA, EX MINISTRO APRE COMITATO ELETTORALE Roma, 30 giu. – (Adnkronos) – Un candidato ai blocchi di partenza (Pierluigi Bersani), un altro (Sergio Chiamparino) che si chiama fuori dalla corsa alla segreteria. Giornata di conferme e di rinunce nel Pd, che a sei giorni dalla decisione di Dario Franceschini di far parte del novero dei concorrenti, ha conosciuto una nuova intensa giornata di avvicinamento al congresso di ottobre. Oggi l’ex ministro dello Sviluppo economico ha presentato la sede del suo ‘comitato elettorale’ con l’endorsement di Rosy Bindi e Enrico Letta, anticipo di un altro evento sull’agenda di Bersani: l’llustrazione del suo programma, prevista per domani al teatro Ambra Jovinelli e alla quale sara’ presente anche Sergio Chiamparino. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Politica e Attualità | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: