LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Archive for the ‘Scienza e Natura’ Category

MeteoWeb racconta il devastante tsunami di Scilla e del basso Tirreno del 6 febbraio 1783

Posted by Peppe Caridi su 18, novembre, 2011

Lo Speciale Tsunami Italiani di MeteoWeb oggi si arricchisce di un nuovo preziosissimo capitolo, dedicato interamente allo storico evento del 6 febbraio 1783 a Scilla (RC) & dintorni. Dopo aver visto quali sono stati gli tsunami Italiani antichi, dal neolitico al ’500 e, ieri, quelli del ’600, adesso lo Speciale si sofferma su un singolo evento particolarmente devastante e ben documentato, con il solito validissimo contributo del geologo Giampiero Petrucci, che ha analizzato a 360° quanto accaduto quel terribile giorno.

L’approfondimento parte dalla crisi sismica Calabrese del 1783-1784 e fa riferimento anche al maremoto del 5 Febbraio 1783 che interessò Messina città e molte zone dello Stretto.

Per l’articolo completo con tutte le immagini:

Annunci

Posted in Meteorologia, Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

MeteoWeb lancia lo speciale “Tsunami Italiani”, per sensibilizzare sui rischi dei maremoti di casa nostra

Posted by Peppe Caridi su 14, novembre, 2011

Da oggi su http://www.meteoweb.eu/, giornale online di scienza e meteorologia, è online uno speciale chiamato “Tsunami Italiani“, realizzato grazie al lavoro della Redazione e dei suoi collaboratori, in modo particolare il geologo Giampiero Petrucci e il prof. Franco Ortolani, ordinario di Geologia e direttore del Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio della prestigiosa università “Federico II°” di Napoli. Nella nuova rubrica, chiamata appunto “Tsunami Italiani“, MeteoWeb ha già raccolto tutta una serie di articoli storici già pubblicati nel corso degli anni su questi eventi, e settimanalmente inseriremo altri approfondimenti storici, didattici e scientifici in un percorso teso alla sensibilizzazione su questi fenomeni che, purtroppo, non riguardano soltanto l’oceano Pacifico (come recentemente accaduto, l’11 marzo dopo il terreomto del Giappone) o l’oceano Indiano (devastante lo tsunami generato dalla violenta scossa di Sumatra del 26 dicembre 2004). Questi due recenti fenomeni hanno contribuito a scuotere la popolazione mondiale su questi argomenti delicati su cui è assolutamente importante conoscere per prevenire. Le coste Italiane sono praticamente tutte a rischio maremoti, non perchè lo dica qualche uccellaccio del cattivo augurio ma perchè nel corso della storia se ne sono verificati tanti, anche devastanti, un pò su tutti i litorali delle Regioni del nord, del centro e soprattutto del sud. Allora conoscere questi fenomeni, le loro dinamiche, la loro storia e i loro rischi significa prevenirli dal basso, in un sistema di auto-difesa sempre più essenziale se manca, nelle autorità competenti, la sensibilità e l’interesse di investire sugli adeguati sistemi di prevenzione consentiti dalle moderne tecnologie, o anche soltanto da un sistema massiccio di informazione e sensibilizzazione. Senza alcuna presunzione, ma con tanta voglia di mettere al servizio della comunità in modo propositivo la loro passione, è quello che MeteoWeb proverà a fare e stamattina è già online il preziosissimo contributo di Giampiero Petrucci, Gli Tsunami Italiani antichi, dal neolitico al ’500. Nei prossimi giorni saranno pubblicati nuovi approfondimenti e la speranza di MeteoWeb è quella di di coinvolgere i lettori in domande, riflessioni, contributi. Con la speranza che ne venga fuori un lavoro di valore che potrebbe vedere la luce su un volume in carta stampata.

Ecco, intanto, gli altri articoli d’archivio della rubrica “Tsunami Italiani“:

Posted in Meteorologia, Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Matteoli e Ciucci a Palmi per il Cda straordinario dell’Anas confermano: “Finiremo l’A3 entro il 2013”

Posted by Peppe Caridi su 13, ottobre, 2010

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/MC1.JPGdi Peppe Caridi –Finiremo i lavori dell’A3 entro il 31 dicembre 2013“: è la promessa ribadita anche oggi, a Palmi, dal Presidente dell’Anas Ciucci e dal Ministro Matteoli.

Ovviamente, finchè l’A3 non sarà definitivamente ammodernata, sarebbe assurdo anche solo pensare di far pagare il pedaggio“, ha detto Matteoli rispondendo alle domande dei giornalisti nella conferenza stampa organizzata a margine del Consiglio di Amministrazione dell’Anas, presieduto da Pietro Ciucci,  riunito oggi alla presenza dello stesso Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti presso il cantiere del V Macrolotto della nuova A3 Salerno-Reggio Calabria, a Palmi (RC), per discutere della situazione dei lavori e della iniziative per il contrasto degli atti criminali e intimidatori. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

SPECIALE METEOWEB CENTENARIO TERREMOTO DELLO STRETTO: 1908/2008: il terremoto dello Stretto cent’anni dopo. Lo Speciale di MeteoWeb. GLI ARTICOLI

Posted by Peppe Caridi su 20, dicembre, 2008

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/images/terremoto1908/1.png

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

Il Vaticano si dota di un impianto fotovoltaico, e anche la papamobile sarà convertita all’energia solare

Posted by Peppe Caridi su 27, novembre, 2008

La Basilica di San Pietro - foto di Peppe Carididi Peppe Caridi – Non è il concilio vaticano più importante della storia della Chiesa, ma possiamo leggerla comunque come una rivoluzione. La rivoluzione verde di Papa Benedetto XVI°: è stato inaugurato ieri in Vaticano l’impianto fotovoltaico istallato sulle volte della Sala Paolo VI progettata da Pierluigi Nervi.

San Pietro si illumina dell’energia pulita proveniente da sole, e, come leggiamo dalle colonne de L’Osservatore Romano la prima udienza ecologica della storia della Chiesa.
L’impianto si compone di due mila e quattrocengo pannelli solari che si estendono su una superficie di cinque mila metri quadrati e che saranno in grado di fornire trecento megawattora l’anno: 300 kWh di energia pulita, che consentiranno di risparmiare all’ambiente l’emissione di 225 tonnellate annue di anidride carbonica e l’utilizzo di 80 tonnellate di petrolio.
Buona parte delle attività del vaticano, infatti, sarà fornita dell’energia completamente pulita proveniente dall’impianto fotovoltaico. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seapower, energia dal mare. Lunedì le prove generali nello Stretto di Messina

Posted by Peppe Caridi su 25, ottobre, 2008

Il progetto che prevede di produrre energia dal mare sta per prendere il via

Energia rinnovabile: aria, acqua, terra e fuoco. Dopo il fallimento dell’eolico, i Paesi che stanno investendo tantissimo sulle risorse della cosiddetta “energia pulita” lo fanno principalmente sull’idroelettrico e sul solare.
Ma c’è un tipo di energia, quella marina, che è ancora in fase embrionale ma potrebbe dare grandi risultati.

L’acqua marina ha un moto che può essere sempre della stessa direzione (come nei fiumi o nel caso delle correnti marine permanenti) oppure può cambiare direzione come accade nel caso delle correnti di marea, e come accade anche nello Stretto di Messina a causa della rema montante e della rema scendente.

Esistono alcune sperimentazioni scientifiche per trarre energia con le turbine dal mare, e sono quelle sperimentate in Portogallo, Galles e Scozia. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 3 Comments »

La Nasa ha 50 anni. E crede agli Ufo

Posted by Peppe Caridi su 30, luglio, 2008

Washington – La Nasa compie 50 anni e ha ancora tanta speranza di stupire con le sue conquiste. E con anche qualche rivelazione scomoda. «Gli alieni esistono», ha svelato pochi giorni fa un ex astronauta Nasa. Una dichiarazione choc che spezza una tradizione di sobrietà mantenuta dall’agenzia fin dal 29 luglio 1958, quando il presidente Eisenhower con un firma in calce al National aeronautics and space act ha sanzionato l’esistenza della Nasa. L’agenzia che oggi spegne 50 candeline ha nel suo dna un’altra data: il 4 ottobre 1957 quando i russi hanno lanciato la sonda Sputnik. Per gli americani significava che Mosca li stava superando nel campo tecnologico in piena guerra fredda. Un anno dopo la Nasa partiva con 4 laboratori e 80 dipendenti, compreso Wernher Von Braun, l’inventore dei razzi nazisti che bombardarono Londra. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Sicilia, l’ultima frontiera dell’eolico: 115 mega torri in mezzo al mare

Posted by Peppe Caridi su 20, luglio, 2008

https://i0.wp.com/www.meteoweb.it/images/eolicosicilia.jpgdi Natale Bruno – http://www.ilgiornale.it/

Il parco eolico marino off-shore immaginato nel golfo di Gela è avveniristico e destinato ad essere uno dei primi del Mediterraneo: 115 pale eoliche produrranno energia elettrica per 1.150 chilowattora, un «tot» capace di soddisfare la richiesta di 390mila famiglie, evitando emissioni di anidride carbonica per oltre 800mila tonnellate. A realizzarlo sarà una joint-venture composta da Enel, che farà la parte da leone, con il 57%, e «Moncada costruzione» che detiene, invece, il 43%. «Questo innovativo progetto – ha affermato l’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti – raddoppierà la capacità installata di Enel nel settore eolico in Italia e rappresenta un esempio virtuoso di collaborazione tra impresa, istituzioni locali e associazioni amiche dell’ambiente. Crediamo nell’eolico e vogliamo giocare un ruolo da protagonisti nello sviluppo di questa fonte di energia anche nel nostro Paese». Leggi il seguito di questo post »

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Energia e Ambiente: parco Eolico a Gela, in Sicilia: il commento di Franco Battaglia: “UNO SCEMPIO CHE COSTA TANTO E PRODUCE POCO”

Posted by Peppe Caridi su 20, luglio, 2008

Sebbene il costo dell’energia salga, all’Enel non sanno fare niente di meglio che proporre progetti per parchi eolici. Naturalmente non gli viene in mente che se il costo dell’energia sale è proprio perché insistono a installare parchi eolici (e fotovoltaici). L’Enel è in buona compagnia: le Ferrovie dello Stato, ad esempio, si vantano di installare pannelli FV sui treni. Li chiamano treni fotovoltaici, e poco importa se gli scompartimenti sono nidiate di cimici. Pare che non abbiano denaro per rinnovare le tappezzerie che, indifferentemente dalla classe, sono maleodoranti per lo sporco accumulato in non si sa quanti anni. Per forza che gli manca il denaro: i pannelli FV sono oggetti che andrebbero venduti in gioielleria e, come i gioielli, non hanno alcuna funzione. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 4 Comments »

Astronomia, Reggio: stasera al Planetario l’antropologo ed etnoastronomo Ciancia

Posted by Peppe Caridi su 20, luglio, 2008

https://i0.wp.com/upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/9e/Reggio_calabria_planetario_panorama.jpg/300px-Reggio_calabria_planetario_panorama.jpgParlerà dell’Astronomia delle popolazioni andine, stasera alle 21, l’antropologo e etnoastronomo Giuseppe Ciancia, ricercatore presso l’università di Glasgow, al Planetario Provinciale Pitagora di Via Salita Zerbi a Reggio Calabria (nella foto a corrdo dell’articolo).

Ciancia coinvolgerà il pubblico nell’affascinante viaggio del mondo precolombiano, in cui  gli astronomi   conoscevano il movimento di precessione della Terra e marcavano i solstizi, gli equinozi, e le date agricole attraverso i calendari solari.

Della loro cosmografia ci restano ancor oggi delle testimonianze di come disegnassero costellazioni che marcavano gli avvenimenti e i cicli della vita naturale e la loro mitologia.

Posted in Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: