LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

“Reggio al mare”: inaugurata la mostra storico–fotografica sul Lido Comunale alle Poste di via Miraglia

Posted by Peppe Caridi su 3, agosto, 2011

Un tuffo nel mare dei ricordi. Quelli legati ad uno dei luoghi simbolo dell’estate nella nostra città: il Lido Comunale. Ce li riporta alla memoria, in un ideale “amarcord”, la mostra “Reggio al mare”, promossa dalla filiale di Poste di Reggio Calabria in collaborazione con l’Associazione culturale Anassilaos ed inaugurata questa mattina nell’atrio delle Poste di via Miraglia. Presenti alla cerimonia: il Presidente della Provincia Giuseppe Raffa, l’Assessore provinciale alla Cultura Edoardo Lamberti Castronuovo, il presidente del Consiglio provinciale Antonino Eroi, il Capo di Gabinetto, Prefetto Bagnato, il direttore della Filiale Carolina Picciocchi, il presidente di Anassilaos Stefano Iorfida, e di Anassilaos Giovani Tito Tropea.
In esposizione cartoline, foto e documenti, tratti dall’archivio privato del collezionista reggino Giuseppe Diaco, che riportano ai nostri giorni le immagini e gli avvenimenti più importanti della vita del  Lido Comunale tra gli anni ’30 e i mitici anni ’60.
Ritroviamo, tra il materiale esposto, una locandina del 1932 con il programma della stagione balneare che andava da giugno a ottobre. Un invito sicuramente irresistibile per quei tempi: “Spiaggia incantevole e soleggiata. Panorama suggestivo sullo stretto azzurrissimo. Meravigliosa vista sull’Etna. Capanne con tutti i conforti. Barche per gite. Trampolini. Verande a mare. Caffè e ristorante con orchestra. Grandioso teatro sulla spiaggia. Spettacoli di prim’ordine”. E poi, in questo itinerario nostalgico, leggiamo una lettera del 1934,  con cui la sezione reggina della Croce Rossa comunica l’apertura, all’interno del Lido, di un posto di pronto soccorso per i bagnanti; ma anche un documento che racconta della cerimonia di commemorazione dell’anniversario della morte del comandate Tommaso Gulli, che l’Accademia Navale di Livorno svolge all’interno del Lido nel luglio del 1935. Piccoli frammenti di vita vissuta sono i biglietti d’ingresso per assistere agli spettacoli dell’Arena Lido; ma anche i giornali che riportano gli eventi mondani che venivano organizzati al Lido, come l’elezione di Miss Cinema, o la presenza, negli anni ’50 e ’60,  periodo del suo massimo splendore, dei cantanti e musicisti più importanti del momento: Nilla Pizzi, Gino Latilla, Carla Boni, Mike Bongiorno, Corrado. E da non dimenticare le serate danzanti, i concerti bandistici, le sale per esposizioni, le gare di tennis.
“Con questa mostra si rinnova il rapporto tra Poste Italiane e il territorio – ha dichiarato il Presidente Raffa – le cartoline illustrate che, insieme ai francobolli, rappresentano la tradizione di Poste, ci consentono di far riscoprire ai visitatori luoghi e momenti della nostra città forse per alcuni sconosciuti”.
Se le immagini suscitano immediatamente emozioni e nostalgia, per l’assessore Lamberti devono anche rappresentare un momento di riflessione:“Tutte le città – afferma – costruiscono il proprio futuro valorizzando il patrimonio storico, culturale e artistico che hanno la fortuna di possedere. Reggio purtroppo dopo il terremoto e la sua ricostruzione non sempre è riuscita a conservare e valorizzare l’eredità del passato, un esempio ne è il Lido: le bellissime cabine in legno sono state abbattute e sostituite da strutture moderne ma certamente di minor fascino”.
A integrare la mostra, anche una serie di documenti visivi, curati dall’Anassilaos Giovani, che ricostruiscono il complesso rapporto della città con il suo mare, da cui Reggio ha ricevuto nei secoli doni preziosi (l’arrivo dei Greci, il passaggio di San Paolo) ma anche elementi negativi (dalle incursioni arabe e turche al maremoto del 28 dicembre 1908, fino allo sbarco degli angloamericani il 3 settembre del 1943, prima dell’armistizio.).
In occasione dell’inaugurazione, è stato anche presentato il francobollo dedicato ad uno dei Manifesti storici dell’ENIT, l’Agenzia Nazionale del Turismo, emesso come attestato di riconoscimento per la sua attività di promozione nel mondo dell’immagine dell’Italia e delle sue eccellenze turistiche.
Il francobollo – ha spiegato la Direttrice Picciocchi –  stampato in un milione di esemplari, riproduce un manifesto del 1955, intitolato “Etè in Italie”. La storia del Manifesto turistico in Italia è da sempre legata a quella dell’Enit, la cui data di nascita, il 1919, coincide con una stagione di straordinario splendore dell’arte dell’illustrazione. Le immagini dei Manifesti storici, realizzati dai maggiori artisti dell’epoca, hanno rappresentato uno degli strumenti più efficaci di propaganda dell’Italia e si riaffacciano al presente con effetto di straordinaria attualità.

Una Risposta to ““Reggio al mare”: inaugurata la mostra storico–fotografica sul Lido Comunale alle Poste di via Miraglia”

  1. Vincenzo De Benedetto said

    UNA ROTONDA SUL MARE

    Lido Comunale Ammiraglio ZERBI – Reggio Calabria

    Il 3 agosto la città di Reggio rinnova la memoria delle sue bellezze e di parte della sua storia, attraverso una mostra filatelica e di altro materiale quale Cartoline d’epoca.

    Gi amanti di questo settore del collezionismo diffondono cultura nel tempo, con dei piccoli pezzi di carta, i francobolli o con dei talloncini di carta pesante 14.5×9.5, riportanti una rappresentazione grafica di un tema, di un personaggio o di altro, come pure qualsiasi attività umana: natura, arte, agricoltura, urbanistica, sociologia, costumi, cambiamenti di vita, mutamento dei luoghi ecc.
    Con l’analisi del francobollo o della cartolina nel presente si può rivivere un passato ormai inesistente che può essere glorioso o anche deprimente e depauperato della bellezza che vi esisteva.

    Pino DIACO, amante della sua città, collezionista, è sempre disponibile a valorizzare la città di Reggio con il materiale della sua ricca collezione. Stimato collezionista negli ambienti filatelici e delle cartoline d’epoca, ha fornito ampia illustrazione della realtà ludica-balneare del più bello e accogliente stabilimento balneare: il Lido Comunale di Reggio, opera di architettura moderna che negli anni anteguerra fino al ‘40/’ 50 primeggia tra gli stabilimenti balneari d’Italia.
    Quanto riferisce nell’articolo Peppe Caridi rispecchia un nobile passato, precisando “le meraviglie per lo scandaloso due pezzi” introdotto durante lo sbarco dagli americani nel lido di Reggio.
    Il lido completato nel 1937 offriva alla città l’opportunità a essere frequentato dalla popolazione ma non di tutta. Privilegiava la classe borghese, si poteva accedere con il pagamento del biglietto o con la tessera. Cancelli controllati, ricco di attività sportive, ricreative, canore e orchestrali: permetteva a pochi giovani il gioco della palla a nuoto, sport in cui primeggiava per la sua bravura e statura una figura storica di un certo rilievo, Castorino.
    Tuffi da trampolini e dalla ROTONDA SUL MARE, testo disponibile su internet ( il SASSO di Mimma Suraci) orchestre e cantanti allietavano la scalinata del Tempio dello Stretto.
    La poesia che ivi si riporta nel testo, ha finalità di far conoscere un mondo che sembra molto lontano ma che rimane vicino a noi. Si registra grande vivacità nell’impianto balneare, che raggiunge l’apogeo negli anno ‘50 ma che decade per incuria, con l’avvento della macchina, mancanza di cultura e di managerialità degli amministratori e politici che declassano e impoveriscono la struttura balneare in un contesto politico sociale di decadenza degli anni1970 che continua a tutt’oggi
    L’impianto non viene utilizzato a tempo pieno facendolo rimanere nel più completo abbandono. Merita essere ricordata la Meravigliosa ARENA LIDO, unico teatro del meridione dal quale passavano raccogliendo successo le più importanti compagnie teatrali menzionati nell’articolo da Caridi.
    Valorizziamo il Lido reggino, facciamolo ritornare agli antichi splendori! Il 22 luglio, alle ore 22 le luci erano spente, gente passivamente presente, non un sorriso, non un brio, non
    c’è più quel sax che diffondeva le dolce note sui tetti della città arrivando sulla via Reggio campi…
    A testimonianza un collage su internet di Cartoline della Veranda SUL MARE demolita che vide piangere tanti cuori affranti d’amore

    Osservatorio romano, dbv 20 agosto 2011

    Leggetemi: su Il sasso, o sul sito peppe caridi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: