LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

ENERGIA: TERNA, 700 MLN PER UN PONTE TRA SICILIA E CALABRIA

Posted by Peppe Caridi su 24, giugno, 2011

Messina, 23 giu. – Un ponte dell’energia che unisce la Sicilia con la Calabria, una grande opera che sara’ il nuovo collegamento elettrico tra le due sponde dello Stretto. Il progetto, per il quale Terna prevede un investimento di 700 milioni di euro, e’ stato presentato a Messina dal presidente della societa’ Luigi Roth e dall’amministratore delegato Flavio Cattaneo, presente anche il ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. Alcuni numeri: 800 milioni di euro l’anno in meno sulla bolletta energetica nazionale, 170 chilometri di vecchi elettrodotti eliminati, 700 megawatt di energia pulita in piu’, 38 chilometri di collegamento sottomarino nello Stretto di Messina, record mondiale di lunghezza per cavi a corrente alternata. I lavori del nuovo elettrodotto tra Sorgente (Messina) e Rizziconi, in Calabria, dovrebbero essere ultimati entro il 2013. La capacita’ potra’ raggiungere i 2.000 megawatt. A Favazzina sulla costa calabrese, dove approderanno 6 cavi sottomarini che si stanno iniziando a posare, partono gli scavi di una galleria di 3 chilometri, di cui 350 metri si svilupperanno completamente in verticale, che colleghera’ il punto d’approdo con la stazione elettrica in Sicilia posta ad oltre 600 metri sul livello del mare. E’ un progetto senza precedenti al mondo per complessita’ ingegneristica ed elettrica. In Sicilia nella stazione elettrica di Sorgente, snodo strategico della rete regionale, iniziano invece i lavori per l’installazione delle apparecchiature da dove fisicamente partira’ il nuovo elettrodotto. Con il Sorgente-Rizziconi ci sara’ anche un risparmio nella bolletta perche’ si abbattera’ il differenziale di prezzo del 40% che oggi esiste tra la Sicilia e il continente, che determina un maggior costo in bolletta di 800milioni di euro l’anno. Si ridurranno anche i rischi di black-out in Sicilia e aumentera’ la sicurezza, l’efficienza e la qualita’ del servizio elettrico in tutta l’area. Importanti anche i benefici ambientali: l’opera, infatti, consentira’ di utilizzare produzione rinnovabile, soprattutto eolico e fotovoltaico, per oltre 700 megawatt e rendera’ piu’ efficiente la gestione dei flussi delle centrali presenti nel Sud Italia. Il collegamento comportera’ anche minori emissioni di CO2 e una consistente bonifica della rete elettrica nelle province di Messina e Reggio Calabria: verranno dismessi oltre 170 chilometri di linee obsolete e 540 vecchi tralicci. Il nuovo elettrodotto avra’ anche un ruolo cruciale in un’ottica europea, per una rete all’avanguardia della tecnologia. Insieme agli altri ponti elettrici che Terna ha in programma, il nuovo elettrodotto e’ un tassello in piu’ nella strategia di fare dell’Italia un vero e proprio “hub elettrico” del Mediterraneo per la trasmissione dell’energia elettrica, piattaforma ideale per connettere tra loro il Nord Africa e la sponda Sud del bacino con l’Europa. “Vogliamo investire molto in Sicilia – ha affermato Cattaneo – per nuove centrali e nuovi collegamenti elettrici nelle altre regioni. La Sicilia per noi e’ un nodo strategico perche’ e’ l’inizio della creazione di un ponte energetico con il Nord Africa”. (AGI)

Annunci

Una Risposta to “ENERGIA: TERNA, 700 MLN PER UN PONTE TRA SICILIA E CALABRIA”

  1. […] Vai alla fonte Condividi questo post: […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: