LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Adesso dal Pd al Fli sono tutti amici della Lega, ma lo fanno solo per cacciare Berlusconi…

Posted by Peppe Caridi su 18, giugno, 2011

Gli stessi che fino a ieri accusavano il Pdl di essere al traino del Carroccio oggi fanno ponti d’oro al Senatùr, promosso da impresentabile a salvatore. La metamorfosi di Pontida: da carnevalata a capitale della politica – di Francesco Cramer http://www.ilgiornale.it – Adesso tutti spingono il Carroccio affinché travolga Berlusconi: «Ve lo diamo noi il federalismo» è il senso dell’ultima ipocrita garanzia offerta dalle opposizioni, in cambio della spallata definitiva al Cavaliere. Sembra di sentire la canzone di De Andrè, La guerra di Piero, rivisitata per l’occasione: «Sparagli Umberto, sparagli ora, e dopo un colpo sparagli ancora». Trattasi di un remake di un film già visto, andato in onda nel dicembre del 1994. All’epoca Bossi staccò la spina al primo governo Berlusconi e divenne l’idolo delle sinistre. A suggellare l’assassinio dell’esecutivo, il celebre «patto delle sardine» nella casa romana del Senatùr. Attorno al tavolo, Massimo D’Alema per il Pds e Rocco Buttiglione per il Ppi: sardine in scatole, pancarrè, birre e Coca Cola e il governo Dini ottenne l’appoggio esterno. Subito dopo furono salamelecchi ed encomi per il buzzurro padano, considerato fascista e razzista fino a due minuti prima. D’Alema arrivò a giurare, ottobre ’95, che la Lega era «una costola della sinistra» e che tra sé e il leghismo c’era «una forte contiguità sociale».
Ora si assiste allo stesso interessato e spudorato corteggiamento. Il capo del Pd, Bersani è mellifluo: «Faccio un augurio alla Lega che questo appuntamento di Pontida l’aiuti ad andare a fondo del problema. Riflettano se è il caso di rilanciare sulla vecchia strada o cercare una strada nuova, come credo sia indispensabile». Cioè la virata a sinistra. Più chiaro il suo vice, Enrico Letta: «La Lega rimane con Berlusconi per il federalismo? È dimostrato che quello vero, realizzabile e concreto, siamo molto più in grado di farlo noi piuttosto che Berlusconi». E ancora: «La Lega è una forza politica importante e rappresentativa – dice sdolcinato Letta – che svolge un ruolo significativo in una parte del Paese». Tutti pronti a discutere con Bossi, adesso. Tutti insieme, come auspica Napolitano: «Non si deve aver paura di unirsi per perseguire i grandi obiettivi comuni».
Abbraccia il Senatùr persino – udite udite – il siculo Carmelo Briguglio, autorevole falco delle truppe di Fini. Zuccheroso il suo appello all’odiato ex alleato: «Bossi può diventare protagonista del cambiamento insieme a Fini e Casini, rifondando l’area politica e culturale del centrodestra italiano e dando vita a un governo di larghe intese a tempo, per ridisegnare l’architettura istituzionale dello Stato e adottare la ricetta Draghi per l’economia». Individua, poi, l’anello debole del leghismo governativo: «Maroni, Calderoli, Giorgetti, Zaia e Tosi, un ceto politico giovane e di grandi ambizioni – liscia il pelo Briguglio – vogliono davvero finire come pretoriani dell’ancien régime o essere attori dell’Italia post-berlusconiana? Non rimane ormai molto tempo per decidere».
Ma come? Fini e i finiani non hanno mandato a quel paese Berlusconi accusandolo di essere troppo sdraiato sulle posizioni del Carroccio? A Bastia Umbra, per esempio, il presidente della Camera gridò nel microfono che «per troppo tempo s’è sottovalutato l’egoismo strisciante e territoriale della Lega Nord». Venne giù il palazzetto. E ancora: «A loro non interessa nulla di ciò che accade sotto il Po… E questo è un governo in cui, piaccia o meno, l’iniziativa politica è della Lega». Per cui sbattè la porta e fece dimettere i suoi uomini dall’esecutivo. Insomma, ieri Bossi era un baluba della politica, un orribile egoista. Ora che ha in mano la pistola capace di sparare al premier è «il protagonista del cambiamento» e quindi «governiamo insieme». Con chi poi? Col terzo polo, ossia assieme a Casini, forse il più fiero, deciso e intransigente antifederalista che c’è in Parlamento. Le ultime pillole del leader Udc sul Carroccio: «È un partito parolaio che al Nord ha fatto solo chiacchiere». E ancora: «Siamo stati gli unici a votare contro il federalismo fiscale che è solo uno spot e non possiamo fidarci finché non siamo d’accordo sul fatto che il Po non è un dio ma un fiume, che Roma non è ladrona ma è la capitale del nostro Paese, che la Padania è una pianura e non una regione». Ma forse ha proprio ragione Casini che, da vecchio dc, ha l’occhio lungo: «A Pontida? Non succederà nulla».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: