LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Berlusconi: il 28 rogito per la villa di Lampedusa, sciolto nodo terreno demaniale. Non era una finzione …

Posted by Peppe Caridi su 16, giugno, 2011

FOCUS (Il Sole 24 Ore Radiocor) – Roma, 16 giu – Il prossimo 28 giugno il presidente del Consiglio potra’ coronare il sogno, presagito lo scorso 30 marzo, di essere proprietario di una villa anche a Lampedusa. Lo annuncia lo stesso Silvio Berlusconi in una conferenza stampa a Palazzo Chigi. Della villa il cavaliere ha parlato in queste ore anche col sindaco dell’isola, Bernardino De Rubeis. Il primo cittadino di Lampedusa chiarisce come si e’ risolta la spinosa questione e annuncia a Radiocor che “il maestro e architetto Claudio Baglioni – curera’ l’abbellimento artistico della nuova proprieta’ del presidente del Consiglio”. La villa “Due Palme” a Cala francese, 330 metri quadrati tra superficie coperta e terrazze, sorge su un terreno demaniale. “Come un semplice cittadino – dice De Rubeis – Berlusconi si e’ messo in fila, come tutti gli altri, e ha atteso i due-tre mesi della procedura burocratica con la Regione”. L’iter amministrativo prevede, spiega il sindaco, un versamento alla Regione “per affrancare qualsiasi immobile o terreno” dal Demanio. “Una procedura normale – ribadisce – che vale per tutti”. Gia’ qualche giorno dopo l’annuncio del blitz immobiliare (il Cavaliere aveva rivelato di averla acquistata su internet la notte precedente alla sua prima visita in una Lampedusa in pieno caos-immigrazione) l’operazione appariva offuscata dal nodo-Demanio. Dubbi fugati prima dal legale del Cavaliere, Niccolo’ Ghedini, che il 7 aprile dichiarava: “Espletati alcuni ulteriori necessari passaggi burocratici da parte dei venditori, si provvedera’ in breve al rogito”; poi da ‘il Foglio’ che, il giorno successivo, mostrava foto di preliminare di vendita e relativi assegni a supporto. Il quotidiano diretto da Giuliano Ferrara pubblicava cosi’ i tre assegni, da trentamila euro ciascuno, firmati dal presidente di Idra Giuseppe Spinelli come caparra, e rendeva pubblico che il prezzo offerto per l’acquisto dell’immobile, che annovera anche 1.500 metri quadrati di giardini, era stato fissato in 1,5 milioni. Offerta che sarebbe decaduta il prossimo 30 giugno, data “improrogabile per tutte le verifiche del caso: alienabilita’ immobile, liberta’ da pesi e vincoli, pratica affrancazione”. Ebbene, tutto cio’ non impedi’ a un (apparentemente) rassegnato Berlusconi di ammettere, il 5 maggio scorso: “Ho messo li’ i soldi, ma non si possono spendere, pare che sia una casa costruita su un territorio demaniale e quindi, appartiene allo Stato”. Ma oggi il sindaco di Lampedusa, ancora impegnato nella Capitale per una serie di incontri istituzionali, a due giorni dalla scadenza del preliminare di acquisto e’ in grado di annunciare, come poi ha confermato lo stesso Berlusconi: “Il presidente del Consiglio il 28 giugno si rechera’ dal notaio per la stipula dell’atto di acquisto della villa”. E, secondo De Rubeis, questo costituisce “un positivo motivo di interesse in piu'” da parte di Berlusconi nei confronti dell’isola. Nel corso del colloquio di ieri sera, oltre a ottenere l’impegno a sostenere finanziariamente la manifestazione ‘O’Scia” di Claudio Baglioni, De Rubeis ha incassato rassicurazioni sulla candidatura di Lampedusa al Nobel per la pace. La procedura, assicura, e’ stata attivata. Il nuovo illustre cittadino dell’isola pare intanto concentrato a risolvere, dopo quella dell’immigrazione, una nuova emergenza. Proprio oggi il Consiglio dei ministri ha varato un provvedimento della Protezione civile per interventi sul territorio pari a 26 milioni. Ormai, a stagione avviatissima, non sembra infatti che la campagna promozionale lanciata dal ministro Michela Vittoria Brambilla (che verra’ riproposta) abbia risollevato le sorti del turismo in Lampedusa. “Un mezzo collasso” e’ la asciutta ma efficacie diagnosi consegnata a Radiocor dall’operatore locale Gennaro D’Agata Alfredo: un vero esperto, se si considera che e’ il titolare della ‘Vulcano Consult’, l’agenzia immobiliare che ha portato sul mercato il nuovo buen retiro del Cavaliere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: