LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Bronzi bulli e tamarri? Sì, come il Nettuno raffreddato, il David ciccione, la Statua della Libertà depressa…

Posted by Peppe Caridi su 8, giugno, 2011

PietSi infiamma la polemica sullo spot turistico della Regione Calabria che ha nei Bronzi di Riace i testimonial d’eccellenza. Lo spot pubblicitario sta “girando” su tutte le tv, sui giornali, sulle radio e nelle grandi città d’Italia per promuovere le bellezze Calabresi in vista della stagione estiva, ma c’è chi storce il naso. C’è chi proprio non ha mandato giù una raffigurazione dei Bronzi di Riace che si animano, parlano, scelgono tra mare e montagna come se fossero turisti qualsiasi, sfogliando un album fotografico con alcuni scorci Calabresi.

Tra questi c’è il Commissario di Confindustria di Reggio Calabria, Pippo Callipo, che ha parlato dello spot come un «filmato demenziale», dicendo di sentirsi «offeso e indignato come se avessero deriso la mia dignità di calabrese». Per Callipo, lo spot è stata una «visione grottesca» perchè «pubblicità più dissacrante e irriverente non potesse essere ideata. E’ vergognosa, i Bronzi vengono ridicolizzati».

Stamattina sul Corriere della Sera, in prima pagina, Gian Antonio Stella ha scritto un articolo in cui dice che i Bronzi, nello spot, «mostrano chiappe e pudenda come due bulli di un club nudista» (come se nella realtà fossero con mutandine, canottiera e blue-jeans…), citando poi l’archeologo calabrese Salvatore Settis che ha criticato la scelta di «calabresizzare» i Bronzi.

Settis aggiunge che «lo spot che arrossendo di vergogna ci tocca vedere in tv esibisce i due venerandi Bronzi trasformati in giovanottoni volgarissimi e abbronzati, degni del seguito di Cetto La Qualunque, che fanno a pari e dispari esibendo chiappe e quant’altro».

Settis ha anche detto che «questo uso irrispettoso e volgare dei Bronzi rischia di dar ragione a chi, come il ministro Galan, dice che la Calabria non li merita» e si accoda a chi ha criticato, nelle ultime settimane, la spesa della Regione per questo spot: 2,5 milioni di € (quasi la metà rispetto alla campagna pubblicitaria di Oliviero Toscani realizzata nel 2007), che però non è il “prezzo” o il “costo” dello stesso spot (nessuno sarebbe così pazzo da poterlo solo pensare), ma bensì, ovviamente, la somma dell’investimento per veicolare lo stesso spot sui media nazionali.

Ma Settis non si ferma qui, e intervistato da Stella sul Corriere intraprende una vera e propria crociata contro i Bronzi o meglio, contro il fatto che stiano a Reggio, dicendo che «la nave che portava i Bronzi, molto probabilmente attici o peloponnesiaci e strappati dalle loro basi durante una razzia, affondò casualmente davanti a Riace ma avrebbe potuto affondare da qualsiasi altra parte. Esattamente come l’Apollo di Piombino, una scultura greca di Rodi trovata nel mare di Populonia che se fosse recuperata oggi non sarebbe al Louvre ma a Piombino. O come l’Atleta di Fano attribuito a Lisippo e trovato davanti alla costa delle Marche: mica è marchigiano! Allo stesso modo, del resto, l’Auriga di Delfi forse fu fatto da uno scultore reggino…».

A prescindere da giudizi assolutamente soggettivi sull’estetica, sulla simpatia e sull’efficacia dello spot (che sarà comunque verificabile alla fine della stagione estiva presso le sedi competenti degli operatori turistici Regionali), comunque non è la prima volta che opere d’arte, statue e luoghi-simbolo vengono utilizzati per scopi pubblicitari, spesso e volentieri anche molto meno “nobili” rispetto alla promozione turistica.

E’ il caso della Fontana del Nettuno di Bologna, utilizzata nello spot del Lisomucil che è possibile osservare su Youtube anche con altre versioni e poi riprodotto in una veste aggiornata, qualche anno dopo, considerata la sua efficacia commerciale.

Ma non solo … c’è anche la Statua della Libertà “depressa”. Sì, stanca, spossata, fiacca e abbacchiata sempre lì, dritta, in piedi al sole e al caldo dell’Oceano Atlantico. Nel 2001 l’ha utilizzata “Polase” con uno spot molto divertente a cui ha fatto seguito, nel 204, questa nuova versione aggiornata.

Ma la Statua della Libertà diventa danzante e ballerina nello spot della Panasonic Lumix TZ7, che farà anche “distruggere” il Golden Gate.

E che dire del David di Michelangelo (Firenze) che ingrassa in uno spot Russo realizzato per evidenzare gli effetti collaterali della birra, con l’intento di combattere l’abuso di alcolici?

Non abbiamo ancora finito … c’è anche la Monna Lisa che parla e saluta dalla sua cornice, il pubblico di una mostra artistica di Pechino.

A questa grande carrellata di opere d’arte e luoghi-simbolo in un certo qual modo «ridicolizzati» (come direbbe qualcuno) o meglio, utilizzati da pubblici e privati per trasmettere un messaggio o pubblicizzare un prodotto, non poteva mancare il Colosseo, scenario unico per uno degli spot Nike più famosi.

Nell’immagine principale a corredo dell’articolo c’è la foto pubblicitaria utilizzata per una delle campagne di sensibilizzazione della LAV – Lega Anti Vivisezione. C’è uno scimpanzé che tiene tra le braccia il corpo senza vita, e martoriato, di un cucciolo avvolto in una sorta di sudario. La posa dei due animali, e la parola ’pietà’ al di sotto di essi, alludono in modo esplicito al gruppo marmoreo della Pietà scolpito da Michelangelo nel 1499, e conservato nella Basilica di San Pietro in Vaticano.
Ma qui, di bullo e tamarro, nessuno ci ha visto mai nulla …

Advertisements

5 Risposte to “Bronzi bulli e tamarri? Sì, come il Nettuno raffreddato, il David ciccione, la Statua della Libertà depressa…”

  1. .vincenzo said

    Dove sono le commissioni di Lavoro, i manager in che via abitano… ecco perchè il sud ha bisogno di una scuola politica manageriale.

    Quale intellettuale ha preso una cos’i delicata decisione. La commisionni nel visionare con quale competenza hanno dato il loro parere?
    E’ così’ bella la Calabria di non aver bisogno quella “sfortunata rappresentazione”

    Nessuna accusa, un errore di percorso… ma per il futuro , una più attenta visione collegiale “USANDO” dei manager
    osservatorio romano dbv

    • marco said

      ma per favore, uno spot così se lo sognano gli altri, ma hai visto gli spot delle altre regioni? tipo sardegna, sicilia, toscana, pessimi direi orrendi

    • Save said

      criticare… criticare… criticare… ma godiamoci un pò la vita e ridiamoci su… tra l’altro, bisognerebbe imparare a scrivere… forse questo è più importante…

  2. Andrea De Franco said

    Il corriere & c. esagerano. Lo spot è simpaticissimo ma riduttivo. Sappiamo che è necessario una campagna di destagionalizzazione dell’offerta perchè è questo il vero problema invece, e lo si può capire dal messaggio, si promuove la solita cosa. La Calabria non è solo mare e monti ma anche natura, sport, storia e tradizioni e soprattutto ha una propria identità che non viene assolutamente promossa. Per poter competere (ormai è storia vecchia) bisogna valorizzare e promuovere gli elementi di unicità di un territorio e quindi puntare su quelle che sono le risorse tangibili e non, reperibili e fruibili solo in quel contesto. Mare e monti stanno ovunque e i bronzi non sono nemmeno calabresi. Pensiamo invece alle tradizioni locali, al folklore, alla storia della gente di Calabria come qualcosa che non si può trovare altrove ma solo andando lì. Prima di lanciare una campagna di comunicazione turistica di un territorio bisogna studiarlo non solo a tavolino (magari girando solo su internet) ma anche sul campo; individuarne quindi la “vocazione” e promuoverla come tale così che il messaggio non sia solo “Calabria, mare montagna e bronzi” ma “Calabria, una storia unica” e che trasmette emozioni.

  3. A proposito di Pietà , solo questo sentimento va a chi non è in grado di capire ! A parte la Stella che si è frantumata sui Bronzi quanti Soloni …vengono fuori ! chi si vergogna di essere calabrese per uno spot ben fatto, piacevole, efficace, si può accomodare nell’altrove….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: