LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Serie B: Reggina inarrestabile, vince anche a Grosseto e ipoteca i play-off

Posted by Peppe Caridi su 15, maggio, 2011

Decisivo Bonazzoli, nonostante le precarie condizioni di salute: è suo il gol-vittoria, su punizione al 5° minuto. Poi tanta sofferenza in difesa e grandi parate di Puggioni – E’ tempo di verdetti calcistici, e la Reggina sente sempre più intenso il profumo dei play-off di questo campionato di serie B, ormai vicinissimi. Di certo c’è che nel prossimo campionato cadetto giocheranno Sampdoria, Brescia e Bari, retrocesse dalla serie A, e Gubbio e Nocerina, promosse dalla prima divisione della Lega Pro. Non ci saranno, invece, Siena e Atalanta, promosse in A dalla B. Bisogna ancora capire quali altre due squadre dalla Lega Pro saliranno in serie B (ci sono i play-off), quali 4 squadre dalla B scenderanno alla Lega Pro (Portogruaro, Triestina e Frosinone sono ormai spacciate, solo la matematica non le condanna ma è questione di tempo. Tanta incertezza e baragge per l’ultimo posto utile che vedrà due squadre fronteggiarsi nello spareggio play-out, verosimilmente due tra Cittadella, Piacenza, Albinoleffe, Ascoli e Sassuolo) e, soprattutto, bisognerà ancora capire quale sarà la 3^ squadra a salire in Serie A dopo Siena e Atalanta. Lo decideranno i play-off, che saranno disputati senza dubbio da Novara e Varese, che ne hanno ormai la certezza matematica, e poi da due tra Reggina (60), Torino (57), Padova (56), Livorno (56) ed Empoli (55). Mancano due giornate alla fine del campionato, e queste 5 squadre si giocheranno gli ultimi due posti utili per andare ad affrontare Novara e Varese negli spareggi per la Serie A. Il calendario della Reggina non è facile: gli amaranto dovranno affrontare prima l’Ascoli e poi il Sassuolo a Modena, due squadre impelagate fino al collo per la corsa alla salvezza, che combatteranno con il coltello fra i denti per evitare i play-out. Però il calendario delle altre 4 dirette concorenti è, se vogliamo, ancor più difficile, in quanto constellato da tanti scontri diretti. Già nella prossima giornata, si affronteranno Empoli-Torino e Padova-Livorno. Nell’ultima giornata, poi, c’è Torino-Padova mentre il Livorno ospiterà il Frosinone (che sarà con tutte le probabilità già retrocesso) e l’Empoli andrà sul campo di un Vicenza che non avrà verosimilmente più nulla da chiedere al campionato. Empoli-Torino e Padova-Livorno di venerdì sera e sabato pomeriggio decideranno tutto, e la Reggina potrebbe conquistare matematicamente i play-off già vincendo contro l’Ascoli sabato al Granillo, con una giornata d’anticipo.
Dopo la vittoria odierna a Grosseto, però, Atzori è stato deciso: “Ancora non abbiamo fatto niente, dobbiamo stare calmi e preparare la partita con l’Ascoli in modo molto meticoloso”.
Dovrebbe succedere, però, qualcosa d’incredibile per buttar fuori la Reggina dai play-off.

Ma parliamo un pò della partita: la Reggina ha vinto a Grosseto con il risultato di 0-1 grazie all’acuto di Emiliano Bonazzoli al 5° minuto. Il bomber di Asol da ieri stava molto male, la scorsa notte non ha chiuso occhio con forte mal di testa tanto che è stato sostituito nel secondo tempo sul punto di svenire.
S’è giocato su un campo reso quasi impraticabile per la pioggia che cadeva fitta, con veri e propri pantani nelle due aree di rigore e in altre aree del campo. Ma di pioggia, la Reggina, ne ha avuta tantissima in questa stagione e le ha sempre portato bene, da Cittadella alle gare casalinghe con Pescara e Frosinone, da Pescara ad Albinoleffe. Quando piove, la Reggina non perde mai.
Dopo lo 0-1 di Bonazzoli la partita la fa il Grosseto, che prova a pareggiare. Spinge, in qualche occasione si rende anche pericoloso soprattutto con Caridi, fantasista nato proprio a Reggio Calabria, Sforzini e soprattutto Soncin, il migliore dei suoi, ma non riesce mai a impegnare seriamente Puggioni.
La Reggina prova a pungere solo in contropiede ma ogni volta che attacca è pericolosa e in un paio di occasioni sfiora il pareggio.
A fine primo tempo l’arbitro Nasca espelle Mora per doppio giallo, dopo una brutta entrata su Campagnacci (ancora una volta il migliore della Reggina!), e i padroni di casa rimangono in inferiorità numerica.

Inferiorità numerica che però non pesa al Grosseto nella ripresa, quando i Toscani continuano a fare la partita e si rendono più volte pericolosi, stavolta in modo serio, soprattutto con Immobile e Caridi che impegnano Puggioni in due grandissimi interventi a difesa della porta.
Intanto Zizzari, che aveva sostituito da pochi minuti un Bonazzoli a dir poco epico, come già accennato, si procura un clamoroso calcio di rigore su cross di Colombo, ma l’arbitro concede un vantaggio che sarebbe da dare solo in caso di gol, ma Rizzato sbaglia incredibilmente. A quel punto, quanto tutti si aspettano il rigore, l’arbitro decide di lasciar correre. E allora il Grosseto continua a provarci finchè, a pochi minuti dalla fine, non viene espulso anche il difensore Rincon per un fallo bruttissimo, pericoloso e plateale al tempo stesso, su un martoriato Campagnacci, imprendibile, che rimane a terra per diversi minuti. Il Grosseto resta in 9, la Reggina prova a sfruttare qualche contropiede ma anche lo 0-1 va bene e finisce così, con il 7° successo esterno del campionato e con i play-off in cassaforte.

Dopo la partita, il Presidente Lillo Foti ha detto che “questo risultato conferma che il gruppo ci crede, che dall’inizio del campionato porta avanti un’immagine positiva della Reggina. Oggi nonostante la gara di mercoledì e con poco tempo per recuperare, la squadra ha dimostrato di essere viva e presente. Siamo stati agevolati dalla punizione di Bonazzoli, da lì in poi abbiamo costruito la vittoria. Adesso possiamo guardare con maggiore fiducia a quello che è l’obiettivo che ci eravamo prefissati fin da gennaio. Non era facile contro una squadra che non ha mai mollato, bisogna dare merito alla Reggina per quello che ha fatto vedere sul campo. Sabato mi aspetto un Granillo che torni ad emozionarsi, che riesca a dare sostegno a questo gruppo e che lo faccia con lo spirito di sacrificio e di appartenenza che ha già dimostrato questa squadra”.
Ennesimo appello, quindi, nei confronti di un pubblico che continua a latitare dagli spalti del Granillo, ma che adesso non può mancare nella partita contro l’Ascoli.

Atzori in sala stampa, dopo la partita, ha detto che “non è stata una grande partita la nostra, abbiamo sofferto troppo pur essendo in superiorità numerica. Abbiamo pagato a livello fisico gli impegni ravvicinati, per fortuna abbiamo fatto gol subito, riuscendo a difendere a denti stretti un risultato importantissimo. Altre volte abbiamo raccolto meno di quanto avremmo dovuto. Oggi contavano i punti, dopo i risultati delle altre lo stato d’animo dei ragazzi non era dei migliori, ritrovare le distanze con le nostre dirette concorrenti ci permette di preparare meglio la gara”.
Infatti ieri avevano vinto tutte: Novara, Varese, Torino, Padova, Livorno, Empoli … dopo quei risultati, i giocatori Reggini si erano preoccupati capendo che l’unico risultato utile per mettere al sicuro i play-off, oggi, sarebbe stata la vittoria.
Una vittoria non facile, contro un Grosseto che non ha lasciato certo gioco facile agli amaranto, nonostante possa considerarsi ormai salvo a metà classifica.

Acerbi, anche oggi tra i migliori in campo, ha detto che è stata “una partita difficile, su un campo pesante. A loro bastava un punto, per noi era importante vincere e per fortuna siamo subiti andati in vantaggio grazie al gol di Emiliano, ci siamo difesi bene meritando di vincere. Forse, dopo i risultati delle altre, avevamo pià voglia di vincere rispetto ai nostri avversari, i playoff non sono ancora certi, ma ci siamo vicini”.
Cosenza ha aggiunto che “avevamo più motivazioni rispetto al Grosseto, la vittoria di oggi ci permette di fare un passo importantissimo verso i playoff, anche se adesso dobbiamo fare necessariamente risultato contro l’Ascoli. Avevamo il vantaggio di sapere i risultati delle altre, questo ci ha caricato e dopo la gara di Bergamo, secondo me, questa è stata la gara più importante dell’anno. Non era facile difendersi oggi, davanti loro sono veramente una grande squadra, soprattutto Nando Sforzini, con cui ho giocato per due stagioni”.

E il capitano Bonazzoli ha detto che “Non sono stato bene durante la notte, a parte il gol mi pare si sia visto. E’ il mio primo gol in carriera su calcio di punizione, la palla ha fatto aquaplaning ed è schizzata davanti al portiere. Abbiamo conquistato i tre punti con convinzione. Speriamo di giocarci questi playoff, non abbiamo nulla da temere. Novara e Varese sono due ottime squadre che meritano di essere terze e quarte. Venti gol? Vorrei arrivarci, me ne mancano tre, la voglia di farli c’è e non vedo l’ora di arrivarci”.

E’ infatti a quota 17 il bomber maranto, che in carriera non ha mai segnato così tanto in una sola stagione. Ma a Reggio quest’anno si sono create le condizioni ideali affinchè potesse esprimere il meglio di sè.

In campo l’ha sostituito Zizzari che ha detto: “sapevamo che loro avrebbero fatto di tutto par pareggiare, per noi era importante fari tre punti che ci permettono di fare un passo importantissimo verso i playoff. Volevamo vincere ci siamo riusciti. C’era un rigore abbastanza evidente per noi”.

Puggioni, ancora una volta decisivo, ha detto che “su un campo pesante che non agevolava la nostra condizione atletica, siamo subito andati avanti grazie ad una palla inattiva e siamo stati bravi a gestirla, su un terreno che non ci dava una mano. La Reggina ha offerto una prova importante, perchè anche in superiorità numerica può succedere di tutto, soprattutto quando loro buttavano la palla dentro sfruttando un’ariete come Sforzini”.

Per la Reggina è il 5° risultato utile consecutivo (tre vittorie e due pareggi nelle ultime 5 partite, giocate in casa contro Novara (1-0) e Varese (1-1) e fuori casa contro Torino (1-1), Albinoleffe (1-3) e Grosseto (0-1).

E adesso sotto con l’Ascoli. Con i play-off all’orizzonte.

LE PAGELLE

Puggioni 7 Decisivo con due grandi parate nel secondo tempo.
Costa 6,5 Da centrale gioca meglio, nel secondo tempo commette un paio di ingenuità ma per il resto è sempre efficace.
Cosenza 5,5 Rischia di compromettere tutto con un grave svarione nel finale, in piena area di rigore. Provoca quantomeno un brivido di paura sulla schiena dei tifosi amaranto.
Acerbi 6,5 E’ sempre tra i migliori, insuperabile.
Colombo 5,5 Sbaglia un gol facile, e tanto altro …
Rizzo 7 Torna ad essere sontuoso come a inizio stagione.
Tedesco 6,5 Ordine tattico, esperienza e qualche errorino di troppo, altrimenti sarebbe eccellente.
De Rose 6,5 Ringhia tanto, sembra quasi Gattuso. E’ a lui che si ispira, può fare strada.
Rizzato 6 Solito motorino instancabile sulla sinistra, ma sbaglia il facile gol dello 0-2 a metà ripresa, che chiuderebbe la partita.
Campagnacci 7,5 Stavolta il gol non arriva, ma è comunque il migliore in campo. Provoca le due espulsioni del Grosseto, è la spina del fianco della difesa avversaria.
Bonazzoli 7 Un gol su calcio piazzato e nulla più. Ma un altro, nelle sue condizioni, avrebbe deciso di rimanere a casa. Invece lui è ancora decisivo.
Zizzari 6 Entra, si procura qualche fallo importante e soprattutto un rigore grande come una casa non visto dall’arbitro.
Castiglia 6 Entra nel finale per dare ulteriore compattezza al centrocampo.
All. Atzori 7 Quando la squadra ottiene il vantaggio, riesce a difendersi per 85 minuti con tanta sofferenza ma riuscendo a raggiungere ciò che conta di più, e cioè il risultato trionfale.

La classifica a 2 giornate dal termine

Siena 74
Atalanta 74*
Novara 67
Varese 65
Reggina 60
Torino 57
Padova 56
Livorno 56
Empoli 55
Pescara 53
Crotone 50
Vicenza 50
Modena 49
Grosseto 49
Cittadella 47
Piacenza 46
Sassuolo 45
Ascoli 45 **
Albinoleffe 43*
Portogruaro 40
Triestina 40
Frosinone 38

* = una gara in meno
** = 7 punti di penalizzazione
Atalanta e Siena già matematicamente promosse inserie A

Prossimi incontri:

Albinoleffe-Atalanta (lunedì 16 maggio ore 20:45)

Prossimo Turno (sabato 21 maggio ore 15:00)

Atalanta-Cittadella
Crotone-Grosseto
Empoli-Torino (venerdì 20 maggio ore 20:45)
Frosinone-Sassuolo
Modena-Portogruaro
Padova-Livorno
Pescara-Novara
Piacenza-Albinoleffe
Reggina-Ascoli
Siena-Varese (lunedì 23 maggio ore 20:45)
Triestina-Vicenza

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: