LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Serie B: Albinoleffe-Reggina rinviata per un nubifragio al 14° minuto sul risultato di 1-0 per i lombardi

Posted by Peppe Caridi su 30, aprile, 2011

Il gol è arrivato al 12° minuto su una sfortunata deviazione di Cosenza, ingannato da una pozzanghera. Ancora incerta la data in cui si disputerà l’importante match, ma di certo c’è che si ricomincerà dal 14° sul risultato di 1-0. In classifica, la Reggina resta al 5° posto – Che lo stadio ‘Atleti Azzurri d’Italia’ di Bergamo non abbia un buon drenaggio è risaputo, e anche la Reggina nella sua storia ha già subito sulla propria pelle gli effetti dei violenti nubifragi che spesso e volentieri colpiscono la città Bergamasca: era il 1° giugno del 2003 e la gara di ritorno dello spareggio-salvezza di serie A tra Atalanta e Reggina veniva rinviato al giorno successivo proprio a causa di un forte temporale con conseguente grandinata.  Quella notte oltre un migliaio di tifosi amaranto arrivati a Bergamo per una trasferta che valeva la serie A, dormirono ospitati in una palestra della Città. Il giorno dopo, gli amaranto vincevano 1-2 con gol di Ciccio Cozza, oggi dirigente, ed Emiliano Bonazzoli, ancora oggi capitano dopo 8 lunghi anni.
E anche oggi la Reggina ha ritrovato la grandine e il temporale di Bergamo sulla sua cavalcata verso un’altra serie A, stavolta ancor più lontana dato che bisogna prima di tutto ottenere i play-off. La gara contro l’Albinoleffe (che gioca a Bergamo, 40 i paganti tra i tifosi di casa mentre circa 100 erano i tifosi reggini presenti allo stadio) è stata sospesa e rinviata al 14° minuto a causa di una nuova violenta tempesta con pioggia torrenziale, grandine e tuoni talmente tanto forti da poter essere ascoltati anche dai tifosi collegati su Sky in diretta Tv.
In questa stagione la Reggina è ormai abituata a condizioni meteorologiche proibitive, basti pensare alla trasferta di Pescara o alle gare casalinghe con il Frosinone e con lo stesso Pescara nel girone d’andata, oppure la trasferta di Cittadella.

Oggi, comunque, era un’altra data importante della recente storia amaranto: il 5° anniversario del famoso 30 aprile 2006, giorno del fatidico derby dello Stretto in cui la Reggina vinse 3-0 sul Messina condannandolo a una retrocessione matematica. Corsi e ricorsi storici. Fatto sta che a Bergamo non s’è giocato, e che la partita sarà recuperata chissà quando.
Infatti non è ancora stata decisa la data a causa di un calendario molto fitto: una decisione attesissima, considerando l’importanza del match che vede i padroni di casa impegnati nella lotta per non retrocedere in Lega Pro e gli ospiti, invece, a dover difendere il 5° posto valido per l’accesso ai play-off.
Non si sa quando, ma si sa come: a Bergamo, Albinoleffe-Reggina ricomincerà al 14° minuto sul risultato di 1-0. Infatti i padroni di casa erano passati in vantaggio al 12° minuto con un tiro da fuori, assolutamente innocuo, di Mingazzini, su cui però Cosenza si fa ingannare da una pozzanghera che stoppa il pallone e lo costringe a un intervento svirgolato che inganna Puggioni.
Il temporale è stato micidiale: ha iniziato a piovere proprio nei primi minuti di partita, infatti le condizioni del terreno di gioco all’inizio del match erano ottimali. E su quel campo, la Reggina stava facendo valere la sua evidente superiorità tecnica, tanto che aveva sfiorato il vantaggio in due occasioni, in modo clamoroso con Danti al 2° minuto, su un fantastico cross di Bonazzoli dalla sinistra, e poi ancora con un colpo di testa di Bonazzoli al 4° minuto, su cross di Nicolas Viola. La Reggina sembrava padrona del campo a partire da difesa e centrocampo, dove Cosenza e Adejo erano già stati protagonisti di un paio di interventi che avevano fatto capire ai giocatori dell’Albinoleffe che scardinare quel muro difensivo sarebbe stato molto difficile.
A centrocampo Viola e De Rose impostavano bene con il supporto di Campagnacci e Danti, pericolosi in più occasioni al servizio di Bonazzoli. Ma nel giro di pochi minuti il campo si allaga, la partita diventa difficile, si scivola, il pallone non rimbalza più e sembra di giocare a rugby. L’Albinoleffe guadagna metri, all’11° conquista un calcio d’angolo su un’azione molto confusa sulla sinistra, e proprio sui rocamboleschi effetti di quel calcio d’angolo riesce a passare in vantaggio.
Trascorrono meno di due minuti dopo il gol, e l’arbitro decide che non si può più giocare. E sono tutti d’accordo tra Albinoleffe e Reggina, dai dirigenti ai giocatori. I due mister, Mondonico e Atzori, nel “dopo-gara” diranno che le condizioni del campo erano assolutamente impraticabili.

Il Presidente Amaranto Lillo Foti ha detto che “ci sono difficoltà a trovare una data per recuperare questa partita, l’unica sul calendario disponibile è quella tra la penultima e l’ultima giornata di campionato. I posticipi di Reggina e Albinoleffe, già in programma nelle prossime giornate, ci creano dei problemi alla luce degli impegni che sono in calendario. Abbiamo preso un gol per una palla che si è fermata su una pozzanghera, mi pare che l’arbitro abbia tentato in tutte le maniere di far riprendere il gioco ma il campo non si prestava ad una partita di campionato. Gli stessi dirigenti dell’Albinoleffe dicono che il drenaggio delllo stadio di Bergamo non è ottimale. Adesso c’è da fare una trasferta in più, l’approccio da parte nostra a questa partita era stato buono con la clamorosa occasione di Danti, poi la loro realizzazione è arrivata con un pò di casualità determinata dal fattore meteorologico”.

In classifica, intanto, la Reggina conserva il 5° posto perchè il Torino, pur con l’uomo in più per quasi tutto il secondo tempo, non riesce ad andare oltre il pareggio con il Piacenza e realizza il suo terzo 1-1 consecutivo, dopo quelli con Reggina e Modena. Dietro vince solo il Pescara (1-2 sul campo del Portogruaro) che si avvicina a -1 da Reggina e Torino, e il Livorno (2-1 sull’Atalanta) che è a quota 50 come il Crotone (vittorioso 1-2 sul campo del Vicenza) e il Padova (0-0 a Varese). Più lontane Empoli e Vicenza a quota 49, Grosseto e Modena a 48.

Il prossimo turno prevede partite vibranti e scontri diretti importantissimi come Pescara-Livorno, Crotone-Novara, Siena-Torino e Reggina-Varese, che si giocherà domenica 8 maggio alle ore 12:30 al Granillo. Possibilmente senza pozzanghere o temporali.

Risultati della 38^ giornata

Livorno-Atalanta 2-1
AlbinoLeffe-Reggina (rinviata al 14° minuto per impraticabilità di campo sul punteggio di 1-0)
Ascoli-Frosinone 3-1
Cittadella-Modena 1-1
Grosseto-Triestina 2-0
Portogruaro-Pescara 1-2
Sassuolo-Empoli 1-0
Torino-Piacenza 1-1
Varese-Padova 0-0
Vicenza-Crotone 1-2
Novara-Siena (posticipo di domani, domenica 1 maggio ore 12:30)

La Classifica

Siena 72*
Atalanta 71
Varese 61
Novara 60*
Reggina 53*
Torino 53
Pescara 52
Crotone 50
Livorno 50
Padova 50
Empoli 49
Vicenza 49
Grosseto 48
Modena 48
Sassuolo 45
Cittadella 44
AlbinoLeffe 43*
Ascoli 43 **
Piacenza 43
Portogruaro 40
Triestina 37
Frosinone 35

* = una partita in meno
** = 6 punti di penalizzazione

Prossimo turno (sabato 7 maggio ore 20:45)

Pescara-Livorno (venerdì 6 maggio ore 20:45)
Atalanta-Portogruaro
Crotone-Novara
Empoli-Albinoleffe
Frosinone-Vicenza
Modena-Grosseto
Padova-Ascoli
Piacenza-Sassuolo
Siena-Torino
Triestina-Cittadella
Reggina-Varese (domenica 8 maggio ore 12:30)

Annunci

Una Risposta to “Serie B: Albinoleffe-Reggina rinviata per un nubifragio al 14° minuto sul risultato di 1-0 per i lombardi”

  1. iw8rrd. said

    Che svortuna ha questa Reggina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: