LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Aruba, blackout record: come funziona il 1° operatore dei siti internet Italiani. Più di un milione nei suoi server

Posted by Peppe Caridi su 29, aprile, 2011

https://i0.wp.com/www.meteoweb.it/cgi/uploads/news/40048/foto/Aruba.jpgdi Vittoriano Vancini – ANSA – ROMA, 29 APR – Internet senza pace in questi giorni. Dopo il grande guasto ai server di Amazon la settimana scorsa, oggi e’ toccato all’Italia con il blackout da record, causato da un incendio, per un milione e piu’ di siti ospitati da Aruba, il primo operatore italiano di web hosting. Aruba, infatti, ospita sui suoi server, provvedendo a connetterli a Internet, piu’ di 1,25 mln di siti web e gestisce piu’ 1,65 mln di domini registrati (un sito ‘fisico’ puo’ infatti avere anche uno o piu’ indirizzi virtuali) e cinque milioni di caselle di posta elettronica, anche certificata. Nato nel 1994, come provider di connettivita’ Internet con il nome di Technet.it, Aruba ha preso poi questo nome nel 2000, cominciando ad ospitare siti sui propri server. In seguito ad una serie di acquisizioni, avvenute in questi ultimi anni il gruppo oggi conta piu’ di 14 marchi nel settore dell’hosting e della gestione dei domini, ovvero degli indirizzi Internet dei siti web. Quella di Arezzo, dov’e’ avvenuto questa notte l’incendio, e’ la principale ‘webfarm’ della societa’, che vi opera piu’ di 10.000 server su un’area di duemila metri quadrati, ed e’ connessa ad Internet con un collegamento da 50 Gigabit al secondo, attraverso tre carrier (Wind, Telecom e Cogent). Aruba ha anche altri datacenter a Bologna e Milano che pero’ hanno funzioni specifiche, rispettivamente di recupero dei dati e di supporto, e una seconda ‘webfarm’, nella Repubblica Ceca, che pero’ serve principalmente l’Europa Orientale. L’incendio, domato intorno alle 8,00 di questa mattina, a quanto si e’ appreso online e’ avvenuto nell’area UPS, quella dei gruppi di continuita’ che assicurano l’energia elettrica ai server in caso di blackout, e ha obbligato l’operatore a spegnere, letteralmente, tutti i server, mandando offline per diverse ore centinaia di migliaia di siti italiani. Il blackout non ha pero’ riguardato solamente i siti ospitati, ma anche le caselle di posta elettronica. Numerose le proteste comparse sui vari siti Internet specializzati, da parte degli utenti per il servizio di webmail che risultava ancora sospeso nel primo pomeriggio. Quello di oggi per Aruba non e’ il primo incidente di questo tipo. Un fermo di minore rilevanza si era gia’ verificato il 6 ottobre dell’anno scorso, a causa di un errore umano, anche se in un primo tempo si era data la colpa al maltempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: