LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

ELEZIONI: COMUNI AL VOTO TRA CURIOSE SPIGOLATURE, CRONACA E STORIA

Posted by Peppe Caridi su 16, aprile, 2011

di Enzo Bonaiuto – Adnkronos – Alle urne il trio minimalista Pizzighettone-Sgurgola-Canicattì e i luoghi di Padre Pio Pietralcina-San Giovanni Rotondo – Non solo aspiranti sindaci e assessori, presidenti e consiglieri, futuri eletti e trombati: nelle pieghe del lungo elenco del Viminale dei 1.344 Comuni chiamati al voto del 15 e 16 maggio, di cui 30 capoluoghi di provincia, fanno capolino eventi storici e fattacci di cronaca, nascite vip e prese in giro, politica e letteratura, cultura e religione, turismo e gastronomia, richiamando alla memoria nomi di piccoli paesi assurti all’onore o al disonore delle cronache presenti o passate: per un omicidio o un disastro sui quali si sono accessi i riflettori dei media o per aver dato natali illustri, o magari anche solo per il nome che ‘portano’. Volendo iniziare proprio da questi ultimi, e’ curioso notare che accanto alle tre citta’ piu’ grandi d’Italia dopo la capitale Roma, ovvero Milano, Napoli e Torino, si voti proprio nei tre comuni che gli italiani hanno la consuetudine burlesca di pronunciare come termine di paragone per indicare un posto ‘improbabile’ e remoto: Pizzighettone, Sgurgola e Canicatti’. Altri piccoli paesi, chiamati anch’essi alle urne, evocano invece nel loro nome toponomastico i grandi che vi sono nati: in testa Grinzane Cavour e Caravaggio, cui potrebbero aggiungersi quasi automaticamente Bussetto per il ‘cigno’ Giuseppe Verdi e Arpino per Cicerone, noto appunto come ‘arpinate’. Spazio anche alla religione. Basti pensare che si vota sia a Pietrelcina, dove e’ nato padre Pio, sia a San Giovanni Rotondo, luogo dove ha svolto la sua vita da santo, fra veri o presunti miracoli e guarigioni e dove la sua tomba e’ veneratissima e meta di pellegrinaggi. Per i piu’ tradizionalisti, si puo’ osservare che si vota a Loreto, sede del grande santuario dedicato alla Madonna.
La Pozzuoli della Loren e la Subbiaco della Lollobrigida, eterne rivali – Passando dalla storia e dalla religione ai temi piu’ prosaici dello spettacolo, sono attesi al voto Goro, paese natale della ‘pantera’ Milva; Bagnara Calabra che ha dato i natali alle sorelle Mia Martini e Loredana Berte’; Fiano Romano dove e’ cresciuta, bene, Sabrina Ferilli. Ma nel cinema, il derby nazionale piu’ atteso e’ sicuramente quello che porta al voto sia Pozzuoli che Subiaco, le citta’ delle due indiscusse ‘regine’ della bellezza in celluloide ed eterne rivali Sophia Loren e Gina Lollobrigida. E’ breve, o dovrebbe auspicabilmente esserlo, il passo fra cinema e cultura. Cosi’, puntando sempre un occhio alle urne e l’altro alla letteratura, troviamo nell’elenco del Viminale sui Comuni dove si vota Capua, sede dei famosi ‘placiti capuani’ primo documento scritto in volgare che attesta il passaggio dal latino all’italiano; e Lentini dove Jacopo, esponente di spicco della Scuola Siciliana, fu il primo a comporre un sonetto. Per venire ai giorni nostri, e passando per Carmagnola che richiama i ricordi scolastici sul locale conte descritto in un romanzo di Alessandro Manzoni, si puo’ arrivare in Sicilia, scegliendo fra la Bagheria che ha dato i natali alla scrittrice Dacia Maraini, nonche’ al pittore Renato Guttuso e al regista Giuseppe Tornatore, e Porto Empedocle, di cui e’ figlio Andrea Camilleri, a sua volta padre del commissario Montalbano.
Da Vajont a Garlasco e Avetrana, passando per Arcore e Casoria – Anche la cronaca nera non e’ avara di ‘proposte elettorali’. Si comincia con Vajont dove il cedimento di una diga provoco’ nel 1963 la cifra agghiacciante di 1.918 morti. Si prosegue poi con le faide della ‘ndrangheta calabrese a Locri e a Taurianova. Si arriva quindi ai fattacci di cronaca dei nostri giorni, dove il nome di due paesi richiama immediatamente i due omicidi che vi si sono consumati: Garlasco e Avetrana, ovvero l’assassinio di Chiara Poggi il 13 agosto del 2007 e quello di Sarah Scazzi il 26 agosto del 2010. Un piccolo spazio, fra cronaca e politica, se lo ritagliano anche altri tre piccoli comuni: Castiglion Fibocchi, dove fu rinvenuto l’elenco degli iscritti alla loggia massonica deviata della P2 guidata da Licio Gelli; Arcore con la residenza berlusconiana di Villa San Martino al centro del caso Ruby e dintorni; Casoria, dove il Cavaliere festeggio’ il compleanno di Noemi Letizia.
Il Derby Mare-Monti delle località turistiche e gastronomiche – Numerosi i ‘derby’ turistici. Se i patiti della montagna possono schierare elettoralmente Bormio, Livigno, Ovindoli, Roccaraso, Gran Sasso e Tagliacozzo; i fan del mare possono replicare con Portofino, Alassio, Grado, Cattolica, Castiglion della Pescaia, Sperlonga, Amalfi, Ravello, Vieste, Porto Cesareo, Soverato, Capo d’Orlando, Terrasini e Orosei. Puo’ mettere d’accordo tutti l’arte, con le medievali Assisi e Gubbio e la perla del barocco Noto, il ‘giardino di pietra’ patrimonio dell’umanita’ tutelato dall’Unesco. E per finire a tavola questo giro elettorale fra i comuni minori chiamati alle urne, il menu’ e’ bello che pronto: pasta di Fara San Martino e porchetta di Ariccia, il tutto innaffiato da un vino bianco Barbaresco o da un rosso Ciro’ e, per gli astemi, da un’acqua frizzante San Pellegrino. Insomma, in queste urne elettorali, spigolando per i 1.344 Comuni chiamati al voto del 15 e 16 maggio, ce n’e’ davvero per tutti i gusti…

Advertisements

Una Risposta to “ELEZIONI: COMUNI AL VOTO TRA CURIOSE SPIGOLATURE, CRONACA E STORIA”

  1. vincenzo debenedetto said

    1344 Comuni -Elezioni;<comuni al voto.Spigolature cronaca ,storia
    di Enzo Bonaiuto Adnkrons. pubblicato.peppe caridi
    PAESAGGIO MULTICOLORE,ILLUSTRATO,PENNELLATO DA QUADRO D'AUTORE
    Un ricco ed esauriente repertorio letterario della società contemporanea in cui si riportano processi ed avvenimenti di avvenuta trasformazione,mutamenti di luoghi e abitudini alimentari,ritrovo su palcoscenici con attori cantanti e varie, rifrimenti di trasformazioni di luoghi, di Santi e Santuari Mariani con le immagini. Insomma, è una carrellata culturale che si richiama alla memoria degli elettori di un passato trascorso non molto lontano, cui soggetto è la difficile politica italiana.
    Nel ricordo, l'italiano và a votare! (osservaorio romano dbv)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: