LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Ponte, “obiettivi 2008-2010 raggiunti, opera pronta nel 2017”. Pietro Ciucci confermato ad della Società “Stretto di Messina”

Posted by Peppe Caridi su 6, aprile, 2011

Il Consiglio di Amministrazione della Stretto di Messina, rinnovato dall’Assemblea degli Azionisti tenutasi lo scorso 30 marzo, ha confermato Pietro Ciucci Amministratore delegato attribuendogli i poteri per la gestione della Societa’. Il Consiglio di Amministrazione risulta dunque composto da Giuseppe Zamberletti (Presidente), Stefano Granati (Vice Presidente), Pietro Ciucci (Amministratore delegato), Massimo Averardi, Maurizio Ballistreri, Rosario Maria Infantino, Antonio Pappalardo, Ercole Pietro Pellicanò, Folco Quilici, Guglielmo Rositani, Matteo Maria Triglia. Nel Collegio Sindacale siedono il Dottor Lucio Mariani (Presidente), Antonino Lanza, Giuseppe Russo. Supplenti Paolo Caron e Fabrizio Mario Condemi.
Nell’occasione l’Amministratore delegato Pietro Ciucci ha fatto il punto sullo stato dell’opera: “Il triennio 2008 – 2010 e’ stato intenso e decisivo per il progetto del ponte sullo Stretto di Messina, sono state poste in essere tutte le condizioni per la ripresa delle attivita’ dopo l’ingiustificato blocco che l’opera subi’ nel 2006. Conseguentemente sono stati raggiunti nei tempi tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati. A partire dal 2008, anno nel quale il Ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha ridato il via al ponte, sono stati firmati gli accordi con le imprese coinvolte nella realizzazione dell’infrastruttura, e’ stato varato l’aumento di capitale che completa la copertura del 40 per cento del fabbisogno dell’opera ed e’ stata approvata la Convenzione con il relativo piano finanziario“.
A dicembre del 2009 sono stati aperti i cantieri della prima opera propedeutica del ponte, la cosiddetta “variante di Cannitello” per risolvere le interferenze con il futuro cantiere della torre del ponte, lato Calabria. La principale attivita’ del 2010 ha riguardato la progettazione definitiva, l’esecuzione delle indagini topografiche e geognostiche nonche’ il monitoraggio ambientale ante operam e il relativo controllo delle varie attivita’. A fine dicembre, in linea con il crono programma, il Contrante generale ha consegnato alla Stretto di Messina il progetto definitivo del ponte e degli oltre 40 chilometri di raccordi stradali e ferroviari. Questa fase ha consentito di attivare importanti ricadute economiche, con un valore della produzione per l’anno 2010 pari a 110 milioni di euro immessi direttamente sul mercato, come risulta dal bilancio approvato nei giorni scorsi dall’Assemblea degli Azionisti della Stretto di Messina. Infatti l’avvio delle attivita’ operative da parte del Contraente generale, del Monitore Ambientale e del Project Management Consultant ha comportato oltre 160 contratti con aziende italiane, molte di queste calabresi e siciliane” ha sottolineato l’ad Ciucci. “Grazie all’impegnativo lavoro preparatorio svolto abbiamo firmato pochi giorni fa con il Comune di Messina l’accordo sulle procedure e metodologie per la determinazione delle indennita’ di espropriazione, analogo accordo a breve sara’ firmato con Villa San Giovanni. Abbiamo raggiunto importanti accordi per la gestione delle aree di cantiere e dei siti di conferimento delle terre che interesseranno il versante siciliano e in parte di quello calabrese, per il quale tali intese saranno completate nei prossimi giorni” prosegue Ciucci che sottolinea: “Sul fronte della formazione per il coinvolgimento delle forze lavorative locali, tema prioritario per la societa’ Stretto di Messina, e’ stato elaborato un piano che riguarda la manodopera di base e specializzata, i professionisti e gli universitari. A questo ultimo riguardo uno specifico accordo firmato nel 2010 con le Universita’ di Messina e Reggio Calabria ha permesso di avviare i primi stage formativi per i laureandi dei due atenei.Per le prossime tappe ci aspetta un percorso altrettanto impegnativo e sfidante. Prevediamo a breve l’approvazione del progetto definitivo da parte della Societa’ a conclusione di una complessa attivita’ di verifica che, oltre all’area tecnica della Stretto di Messina, vede coinvolti diversi soggetti adeguati alla complessita’ dell’opera come, l’ente validatore Rina, il Project Management Consultant ed il Comitato Scientifico. Cio’ consentira’ il successivo avvio dell’istruttoria da parte del Ministero delle Infrastrutture che si concludera’ con l’approvazione da parte del Cipe. Secondo i tempi di legge tale procedura potra’ essere ultimata entro l’estate, il che consentira’ di aprire i cantieri per fine 2011, inizio 2012. Entro il 2011 saranno completati i lavori della “variante di Cannitello”. Inoltre sempre nel corso del 2011, nell’ambito del project finance, sara’ strutturata l’operazione finanziaria, la negoziazione con il mercato e la successiva definizione dei finanziamenti. Si prevede di aprire l’opera al traffico per la fine del 2017“.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: