LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Reggio, grandi manovre in vista delle amministrative. Il Pdl ha scelto per la Provincia, il centro/sinistra si frantuma per il comune. Intanto la Città è abbandonata a sa stessa

Posted by Peppe Caridi su 23, marzo, 2011

Sarà Giuseppe Raffa (nella foto), attuale Sindaco Facente Funzioni, il candidato del centro/destra alla Provincia. Per il Comune si prospettano almeno 3 candidati interni al centro/sinistra – Mancano meno di due mesi alle elezioni amministrative di maggio in cui si voterà per il Comune e la Provincia di Reggio Calabria, e i partiti politici sono in subbuglio per le consuete grandi manovre pre-elettorali. Il Pdl prova a far quadrare il cerchio, e dopo la scelta condivisa da tutte le anime del partito sulla candidatura di Demy Arena per la corsa a Palazzo San Giorgio, è arrivata poche ore fa l’ufficalità della candidatura alla Provincia nella figura di Giuseppe Raffa, attuale Sindaco facente funzioni. Lo stesso Raffa ha convocato una conferenz stampa per “ratificare” la sua candidatura, e ha espresso “apprezzamento per il sostegno ricevuto sia dal Presidente del Gruppo del Pdl alla Camera dei Deputati, on. Fabrizio Cicchitto, sia dal coordinatore nazionale del partito, on. Denis Verdini, in relazione alla mia designazione per concorrere alla carica di Presidente della Provincia di Reggio Calabria. I due autorevoli esponenti del partito cui orgogliosamente aderisco hanno confermato la fiducia nel mio operato politico, sostenendomi e incoraggiandomi nei momenti di difficoltà che ho incontrato nel difficile compito di Sindaco. La loro esperienza e il loro senso di equilibrio rappresentano per me un importante, forte e autorevole punto di riferimento per i futuri processi di sviluppo sociale, economico e culturale del territorio di Reggio Calabria e della sua provincia”.

Il Pdl, quindi, prova a ricompattarsi superando le tante fratture interne emerse negli ultimi mesi, e la partita non è ancora chiusa almeno all’interno della coalizione di centro/destra perchè il ruolo dell’Udc non è chiarissimo. Dopo il commissariamento del partito, l’evoluzione delle alleanze è difficile da prevedere e c’è il rischio concreto che anche l’Udc si spacchi in due tra coloro che vogliono continuare insieme al Pdl nel segno dell’alleanza “di ferro” stipulata in occasione delle Regionali e mai messa in discussione, e invece quelli che vogliono dar vita al terzo polo in alleanza con Fli.

Nell’altra sponda, nel centro/sinistra, la situazone è – se vogliamo – ancor più ingarbugliata. Il candidato ancora non c’è nè per la Provincia nè per il Comune, anche se più che “candidato” dovremmo parlare di “candidati” perchè, almeno al Comune, ce ne saranno tanti. C’è Massimo Canale che ha il sostegno di Rifondazione Comunista e di tanti movimenti civici e associazioni di volontariato che lo sostengono da più di un anno in una campagna elettorale fatta tra la gente, e c’è il Pd che è lacerato da lotte intestine e che non ha ancora deciso cosa fare. La corrente di “Calabria a Testa Alta” guidata da Giuseppe Bova potrebbe correre con una lista propria e un proprio candidato, ciò che resterebbe del Pd non sa ancora se appoggiare Canale o se presentare un ulteriore candidato singolo. Gli altri partiti? Poche ore fa hanno ufficializzato una scelta di ulteriore rottura: andranno da soli. Italia dei Valori, Sinistra e Libertà, Verdi e PdCI (che è il partito di Massimo Canale!!!) correranno insieme con un altro candidato sindaco e con liste proprie. Quindi il centro/sinistra presenterà almeno 3, ma probabilmente 4, candidati sindaci per la corsa di Palazzo San Giorgio.

Per quanto riguarda invece la Provincia, aumentano le quotazioni di Giuseppe Morabito, Presidente uscente, ma non c’è ancora l’ufficialità. E le divisioni per il Comune potrebbero anche avere ripercussioni su quanto accade alla Provincia.

Intanto la Città è abbandonata a se stessa. La spazzatura non viene raccolta da giorni, e intorno ai cassonetti si posono “ammirare” cumuli di sacchetti di plastica colmi di rifiuti. Le strade sono zeppe di buche, dossi e avvallamenti dovuti a una totale assenza di manutenzione che si prolunga ormai da moltissimi mesi, con un grande rischio per la sicurezza e l’incolumità dei cittadini. Sono mesi bui, in cui Reggio sembra aver fatto molti passi indietro rispetto al livello di servizi che era stato raggiunto negli scorsi anni, e sembra quasi di rivivere quanto già accaduto nei primi mesi del 2002 quando, dopo la morte di Italo Falcomatà, indimenticato Sindaco della “Primavera di Reggio”, l’Amministrazione Comunale visse un periodo di transizione fino alle successive elezioni comunali che spianarono la strada alla stagione di Scopelliti, oggi Governatore Regionale.
La speranza di tutti i cittadini di Reggio è che queste elezioni arrivino al più presto possibile per ridare alla Città un Sindaco eletto dal popolo che possa occuparsi dei problemi e della quotidianità, anche ordinaria, di cui ogni città ha bisogno.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: