LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

C’è Mediterraneo e Mediterraneo

Posted by Peppe Caridi su 10, marzo, 2011

di Lois Vàzquez Barciela – http://www.strill.it/ Ci sono due “Mediterranei”. Uno, rappresentato da spiagge e mari azzurri, da barche a vela e yacht di lusso, da bicchieri di champagne, anelli e diamanti. L’altro è fatto di povertà, ingiustizia, disuguaglianza e fame, dominato da tensioni politiche e recentemente da una nuova lotta per la democrazia.
Mediterraneo. Due sponde, due realtà molto vicine, forse troppo per alcuni che non vogliono che un Mediterraneo contamini l’altro. Tuttavia, i due “Mediterrenei” sono legati fino al punto più profondo del mare, e le sue implicazioni vanno molto oltre l’esistenza stessa di questo specchio d’acqua circondato da terra. Oggi più che mai, a tutti coloro che non vogliono che i due mari si incontrino, è inevitabile sottolineare che non c’è linea di confine, e non è possibile costruire un muro che li divida.
Fino ad ora i politici europei, consapevoli più di chiunque altro di questa dualità del Mediterraneo, avevano sempre cercato il modo di tenerli separati, per quanto possibile, attraverso un’ingegnosa e malvagia strategia. Non c’è niente che piace di più a un dittatore che essere venerato dagli altri capi di stato. In questo caso i dittatori dei paesi nordafricani (e ce ne sarebbero da scegliere da un intero catalogo di tutti i colori e forme), sono stati per decenni sostenuti dei governi europei. L’Europa ha sempre mantenuto un rapporto stretto con questi dittatori, cercando di consolidare il potere, perché è sempre stata consapevoli del fatto che mentre i paesi nord africani sono stati governati da dittatori egocentrici ed egemoniaci, la divisione tra i due mondi sarebbe stata al sicuro.
E’chiaro che per i paesi europei è molto più facile usufruire di un governo dittatoriale (perché in questo caso basta solo guadagnarsi la simpatia del dittatore) che negoziare con un governo democratico. Ecco perché alcuni politici come Berlusconi hanno rilasciato dichiarazioni come: “Sono onorato di essere stato invitato il prossimo anno in Libia il 30 agosto, la Giornata di amicizia tra il popolo italiano e libico, e sarò felice con voi per celebrare il 40 ° anniversario della vostra grande rivoluzione”, parole rivolte a Gheddafi il 3 Marzo 2009. Così come gli altri politici, lo spagnolo Aznar, che nei giorni in cui era Presidente del Governo ha ricevuto in dono un cavallo da parte del dittatore libico. Aznar ha prestato poca attenzione al cavallo, al contrario si è preso molta cura dei suoi rapporti con Gheddafi. L’ex presidente spagnolo è stato il primo leader occidentale a far visita a Tripoli ed incontrare Gheddafi dopo l’abolizione delle sanzioni delle Nazioni Unite sulla Libia. Nel 2007 il presidente Zapatero si è anche intrattenuto a cena con il dittatore libico. Ed all’appuntamento sono stati invitati anche i rappresentanti delle maggiori compagnie petrolifere spagnole e qualche altra del Nord Africa. Evidentemente questa cena ha dato esiti positivi perché pochi mesi dopo, la Spagna è riuscita a vendere armi al governo di Tripoli per 3,8 milioni di euro. Situazioni simili a questa riflettono chiaramente una determinata strategia: basta rendere il dittatore felice e i rapporti si gestiranno senza troppe difficoltà. Un Mediterraneo continuerà a soffrire la fame, mentre l’altro godrà nella sua beata opulenza.
Ma i tempi stanno cambiando, nuovi strumenti di comunicazione sono nati, Internet ad esempio, e adesso sono giunti nelle disponibilità di quelli che vivono nell’ “altro Mediterraneo ”. E’ vero che hanno ancora fame, che ancora non hanno un lavoro, che sono ancora oppressi, ma ora hanno un computer, e possono collegarsi col mondo. Adesso possono comunicare con persone con le quali prima non era possibile, con una velocità prima neanche immaginabile. Adesso possono condividere le loro preoccupazioni, le paure e la rabbia contro tutti coloro che sono responsabili della loro situazione. Improvvisamente arriva un’arma che nessun leader può controllare. Almeno per ora. E’, forse, l’arma più potente vista fino ad ora.
Come nel gioco del domino, i dittatori cadono l’uno dopo l’altro, spinti dall’ira implacabile dei popoli che hanno passato decenni sotto il loro giogo. Intanto, i governi europei rimangono in attesa di capire quale sarà la nuova realtà che potrebbe minacciare la “frontiera virtuale” tra i due “Mediterranei”. La Calabria, come la Sicilia, come Malta, come le altre realtà che si trovano nel cuore del Mediterraneo e che quindi per prima hanno i contatti e le influenze tra i due “Mediterranei”, vive questa situazione con sentimenti contrastanti. Da una parte la paura e la preoccupazione per quello che può essere provocato dalle attuali rivoluzioni democratiche, innanzitutto dal punto di vista umano perché la fine del controllo del territorio nord Africano da parte dei governi che fin qui l’hanno gestito, potrebbe determinare la “fuga” di centinaia di migliaia di disperati proprio verso il sud dell’Italia, ma anche dal punto di vista economico perché – specie con riferimento alla Libia – l’attuale rivolta potrebbe determinare (e in parte lo sta già facendo) una crescita dei prezzi di gas, corrente elettrica e benzina. Dall’altro lato, però, c’è anche chi guarda al fut uro con prospettiva, e considera quella del Mediterraneo una grande sfida. Proprio lo Stretto di Messina, e nello specifico la Città di Reggio Calabra, è l’esatto centro geografico del Mediterraneo. E proprio intorno allo Stretto, tra Calabria e Sicilia, potrebbero essere valorizzate quelle grandi risorse strutturali come il porto di Gioia Tauro, per iniziare a considerare l’ottica di baricentricità Mediterranea qualcosa di funzionale alla produttività economica, anche e soprattutto nei confronti di questi Paesi nord Africani in cui tutti speriamo possano nascere vere democrazie, che avranno senza dubbio bisogno di investimenti per la crescita e lo sviluppo un po’ come avvenne in Europa con il piano Marshall dopo la seconda guerra mondiale.
Il sud dell’Italia non può e non deve lasciarsi sfuggire questa grande occasione, e deve trasformare lo scetticismo in entusiasmo, la paura in sfida, il distacco in vicinanza, aiutando il popolo nord Africano e aiutando se stessi, per scrollarsi di dosso l’attuale situazione di disagio e marginalità rispetto all’Italia centro/settentrionale e all’Europa tutta, per poter diventare il polo-guida dello sviluppo e della crescita dell’ “altro Mediterraneo”.

Annunci

2 Risposte to “C’è Mediterraneo e Mediterraneo”

  1. mimmasuraci said

    Bel pezzo.Bravo Lois, che fa un’analisi profonda e circoscritta dell’attuale situazione nel Mediterraneo.

  2. […] C’è Mediterraneo e Mediterraneo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: