LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Ponte: presentati i progetti dell’architetto Daniel Libeskind per le opere connesse sulla sponda calabrese

Posted by Peppe Caridi su 3, gennaio, 2011

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/cgi/uploads/sezioni/3907/foto/Scheda.jpgdi Peppe Caridi – Il Ponte sullo Stretto di Messina piace bianco ghiaccio, anche se non sarebbe neanche male l’idea di realizzarlo con i colori del cielo e non viene disdegnata l’ipotesi che alla fine la struttura sia di colore ‘rosso corallo’, mentre raccoglie meno consensi l’ipotesi ‘acciaio brunito’.
E’ quanto emerge da un sondaggio lanciato sul sito web http://www.pontemessina.it il primo dicembre del 2009. In un anno le adesioni alla consultazione non sono state molte, ma il 42 per cento degli utenti del sito web che ha raccolto in tutto 2.900 click, non ha dubbi: la struttura dovrà essere color ghiaccio.
Intanto la società Stretto di Messina prevede di poter avviare il cantiere principale del ponte proprio in questo 2011, con l’obiettivo di aprire l’opera al traffico nel 2017 dopo che un anno fa si è registrato l’avvio dei lavori della “Variante di Cannitello”, opera propedeutica che prevede la deviazione della esistente linea ferroviaria tirrenica in corrispondenza di Cannitello per risolvere le interferenze con il futuro cantiere della torre del ponte, lato Calabria. 
Il 20 dicembre 2010 la Società Stretto di Messina ha ricevuto dal Contraente generale Eurolink il progetto definitivo del ponte sullo Stretto di Messina e degli oltre 40 chilometri di raccordi stradali e ferroviari. Le prossime tappe prevedono l’approvazione del progetto definitivo da parte della Società Stretto di Messina e l’avvio dell’istruttoria da parte del Ministero delle Infrastrutture che si concluderà con l’approvazione da parte del Cipe.
Intanto proseguono i lavori sulle opere connesse. L’Amministratore delegato della Stretto di Messina, Pietro Ciucci, insieme con il direttore generale della Società, Giuseppe Fiammenghi, ha incontrato a Roma l’architetto Daniel Libeskind per approfondire il progetto presentato dall’architetto di rilievo mondiale per le principali opere connesse alla realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina.
In particolare le opere, comprese nel progetto definitivo, riguardano l’area del centro direzionale presso la località Piale di Villa San Giovanni, la fascia dal blocco di ancoraggio alla torre del ponte di Cannitello, il lungomare di Villa San Giovanni con l’obiettivo di offrire un ulteriore valore aggiunto agli aspetti paesaggistici e urbanistici della costa calabrese interessata dalla realizzazione del ponte e dei suoi collegamenti.
Nell’occasione l’Amministratore delegato della Stretto di Messina, Pietro Ciucci, esprimendo grande ammirazione per il lavoro presentato ha dichiarato: “Con l’intervento dell’architetto Libeskind si aprono nuovi scenari di assoluto rilievo non solo per l’area polifunzionale del centro direzionale del ponte, destinata ad ospitare strutture espositive, commerciali, congressuali ed alberghiere, ma anche per il lungo mare di Villa San Giovanni. Il progetto potrebbe essere arricchito con alcuni interventi sul lato messinese nel segno della continuità tra le due coste. Si tratta nel complesso di una ulteriore grande opportunità per valorizzare il territorio dal punto di vista paesaggistico ed urbanistico e, nell’ottica dell’effetto ‘ponte laboratorio scientifico’, anche per la crescita professionale. Infatti l’architetto Libeskind si avvarrà delle competenze locali per interpretare al meglio la cultura e la storia dello Stretto di Messina. Inoltre, l’intervento di Libeskind determinerà un plus valore in termini di attrattiva turistica, già esercitata di per sè dal ‘manufatto’ ponte, ed in termini di attenzione internazionale sul nostro Paese ed in particolare sul Mezzogiorno in ordine alla capacita’ italiana di realizzare un’opera altamente complessa. Ciò può determinare anche importanti riflessi sulla possibilità di attirare investimenti nell’area”.
“Il progetto architettonico – ha spiegato Daniel Libeskind nel corso della presentazione – deve comunicare l’integrità spazio temporale della memoria del Mediterraneo, testimoniando la sua importanza come epicentro della storia e della cultura europea e del mondo. L’opera di attraversamento dello Stretto di Messina crea una connessione unica fra le due coste, offrendo al contempo una nuova possibilità di sosta in un luogo straordinario, un luogo fatto di contemplazione ma anche divertimento. Infatti il ponte è di per sè un oggetto che ‘unisce’, simbolizzando la libertà di movimento; l’idea alla base del progetto è quindi di introdurre un ulteriore valore per il pubblico, creando un luogo di gioia e partecipazione capace di entrare nella vita di tutti i giorni. Un’opera così ambiziosa e meravigliosa deve saper dialogare con i cittadini e diventare centro di aggregazione e incontro tra culture. Questa è l’importanza e il significato del ponte del XXI secolo” – ha concluso Libeskind, accomunando l’opera dello Stretto di Messina alla ricostruzione di Ground Zero a New York City nel quale è attualmente impegnato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: