LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

A Reggio Calabria arriva l’esercito per combattere la ‘ndrangheta

Posted by Peppe Caridi su 6, ottobre, 2010

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/esercito.jpgA Reggio Calabria arriverà l’esercito per la vigilanza dei palazzi della Procura della Repubblica e della Procura generale. Lo ha detto il prefetto Luigi Varratta al termine della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, alla quale hanno partecipato stamattina anche il procuratore Giuseppe Pignatone e il procuratore generale Salvatore Di Landro, entrambi nel mirino delle intimidazioni mafiose degli ultimi giorni.
“Il Comitato – ha detto il prefetto – ha condiviso all’unanimità la mia proposta di chiedere la presenza dei militari. In questo momento il territorio, alla luce anche del fatto di ieri (la minaccia a Pignatone, n.d.r.), ha bisogno di questa presenza, non molto visibile ma finalizzata alla vigilanza della Procura e della Procura generale”.
Dietro le intimidazioni compiute ai danni dei magistrati di Reggio Calabria “potrebbe esserci una strategia mirata con fini specifici che può essere non solo della ‘ndrangheta, ma anche di ambienti contigui. C’é sempre – ha aggiunto Varrattauna zona grigia su cui si sta indagando da tempo. Qualche risultato è già arrivato ed altri, ne sono sicuro, arriveranno”.

I militari dell’esercito dovrebbero arrivare già nei prossimi giorni. Sempre il Prefetto, infatti, ha spiegato che “non passerà molto tempo. Per i passaggi istituzionali, ci vorranno due o tre giorni, dovrà riunirsi il Comitato nazionale per l’ordine pubblico e poi il provvedimento sarà ratificato dal Governo. Nel frattempo, in attesa della decisione, è già stato annunciato l’arrivo di rinforzi per polizia, carabinieri e Guardia di finanza con gli stessi compiti di vigilanza. L’esercito – ha tenuto a precisare Varrattanon farà controlli del territorio e non ci saranno militari per le strade. Sarà impiegato l’esercito solo per la vigilanza degli uffici giudiziari”.

Pignatone ha detto che “l’intimidazione di ieri non credo sia collegata ad un singolo episodio ma è certamente una risposta all’azione dello Stato. Il Procuratore non ha fatto commenti sull’arrivo dell’esercito, limitandosi a dire di pensare che “il Governo sta approntando le misure necessarie. L’azione dello Stato ha avuto risultati sia contro la ‘ndrangheta, sia con quella parte di società collusa con le cosche”. Pignatone ha anche voluto ringraziare “tutti i cittadini che ieri sono scesi in strada per manifestare solidarietà”.

‘NDRANGHETA: SCOPELLITI, IN PASSATO MI OPPOSI A ESERCITO ORA NO (AGI) – Catanzaro, 6 ott. – All’invio dell’esercito a Reggio Calabria “sono sempre stato contrario, e il ministro La Russa lo sa perche’ in altre circostanze in qualita’ di sindaco mi aveva interpellato ancor prima di avviare qualsiasi procedura”. Lo ha detto ai microfoni di CNRmedia il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti. “Oggi – aggiunge – condivido un altro aspetto, perche’ la presenza dei militari, cosi’ come e’ stata motivata e indirizzata, prevede la presenza nei punti strategici dell’esercito, ma all’interno del palazzo di giustizia. Le forze dell’ordine vengono cosi’ impiegate sul territorio per mansioni e funzioni diverse. Allora questo non e’ un presidio del territorio e quindi una presenza vistosa, e’ una presenza di natura diversa, tende a stare all’interno delle realta’, dei palazzi e dei luoghi dove la magistratura esercita le proprie funzioni”

‘NDRANGHETA: LA RUSSA, SI’ PRESTO I SOLDATI SARANNO A REGGIO (AGI) – Roma, 6 ott – “Si’ e’ vero, presto i militari andranno a presidiare Reggio Calabria. Cosi’ il ministro della Difesa Ignazio La Russa. “Diciamo – precisa – che il provvedimento per l’invio dell’esercito a presidiare gli uffici giudiziari di Reggio e’ in itinere. La decisione finale spetta comunque al Comitato Nazionale per l’Ordine Pubblico”. Il ministro della Difesa, che gia’ ieri si era detto favorevole all’invio dei militari nella citta’ minacciata dalla ‘ndrangheta, poi aggiunge: “Bisogna ora vedere se i soldati che saranno destinati a Reggio possano essere scelti tra i 4250 gia’ impegnati nell’operazione ‘Strade Sicure’ o se invece bisognera’ passare attraverso un Consiglio dei Ministri”. Su un punto pero’ il responsabile della Difesa e’ fermo: qualora si decidesse di agire attraverso la via piu’ breve, ossia di attingere dai soldati gia’ impegnati nei servizi di ordine pubblico “questi non siano scelti tra i militari che pattugliano le strade delle nostre citta’ con polizia e carabinieri, casomai tra le pattuglie che svolgono presidi nei centri di accoglienza degli immigrati o nei cosiddetti siti sensibili: ambasciate, consolati, chiese ecc. ecc.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: