LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

La vera débâcle di Fini è prettamente politica, la casa di Montecarlo non c’entra. E’ lui che s’è allontanato da principi, valori e idee della destra

Posted by Peppe Caridi su 28, settembre, 2010

https://i0.wp.com/www.meteoweb.it/images/fini_gianfranco.jpgFiniBerlusconi. O meglio, Fini-Pdl. O, meglio ancora, Fini-centro/destra. E’ rottura (ormai inequivocabile) tra l’ex leader di Alleanza Nazionale e la sua vecchia base politica, i suoi “ex” principi e valori. L’attuale Presidente della Camera ha fondato un movimento, Futuro e Libertà Italia, che certo non può e non potrà mai rappresentare la destra italiana dopo le clamorose gaffes di Fini degli ultimi anni. E il problema non è certo quello della casa di Montecarlo: una vicenda senza dubbio poco chiara e trasparente, che riguarda però la sfera privata del partito. Sì, è una porcata, come tante altre porcate quotidianamente infangano la  moralità di moltissimi altri politici. Certamente per uno come Fini, che va in giro professando etica e moralità, è una pesante tegola sulla testa. Ma non è questo il punto: la politica si gioca sui temi politici ed è su questi che Fini può essere imbarazzato. Dopotutto l’ha spiegato benissimo anche il capogruppo Pdl al Senato Gasparri, ex di An e quindi uno di quelli che dovrebbe essere più incazzato per la vicenda della casa di Montecarlo. Ma «non voglio alimentare questa vicenda. Non mi interessa. Parliamo piuttosto di tutti gli errori politici di Fini. Chi dice che noi ex di An siamo incoerenti a non andare con Fli e a rimanere nel Pdl si sbaglia di grosso. Fini ha rivalutato il ’68, difende la libertà di stampa ma fa partire le querele. E ha proposto persino il Corano nelle scuole. Fini ha il diritto di cam­biare idea ma non quello di accusarci di incoerenza con tono truculento e sprezzan­te» Gasparri, nei giorni scorsi parlando con il Gior­nale ha compilato un particolare «alfabeto» delle questioni sul­le­ quali il presidente della Ca­mera ha mutato radicalmen­te posizione:

Ateismo. «In un paio di in­terviste si è definito ateo. Nemmeno Veltroni eD’Ale­ma hanno mai voluto con­trastare un sentimento diffuso nel popolo italiano. Co­nosco Fini dal 1973. Non sia­mo mai stati baciapile ma con Almirante abbiamo sempre rappresentato una tradizione cattolica “ghibel­lina” ».

Berlusconi. «Nel 2008 an­dò insieme a Matteoli da Berlusconi per aderire al Pdl senza consultare nessu­no e dopo aver parlato di “comiche finali”. Ero favo­revole ma quelli che non erano d’accordo poterono solo prenderne atto».

Bindi. «Il presidente del Pd non ha mai detto: “Quanto sono bravi Gasparri, Ale­manno, La Russa”. Se noti esponenti della sinistra hanno lodato Fini, qualco­sa non quadra. Timeo Da­naos et dona ferentes».

Cittadinanza. «Fini ha cambiato idea sulla cittadi­nanza agli extracomunitari e i primi annunci li ha fatti senza consultare nessuno. Né in An né nel Pdl. Questa dialettica democratica che oggi rivendica non l’ha mai praticata» .

Cristianesimo. «Da vicepre­sidente del Consiglio si era battuto per l’inserimento nella Costituzione Ue del ri­ferimento alle radici cristia­ne. Oggi ha persino tronca­to i rapporti personali con esponenti autorevoli della Chiesa».

Etica. «Se si invoca un codice etico, ci vuole coerenza e biso­gna rispondere alle doman­d­e che riguardano una comu­nità e il suo patrimonio. Pri­ma o poi quelle risposte al Co­mitato di gestione del patri­monio ex An bisognerà fornir­le».

Fecondazione assistita. «Nel 1999 Fini si batté in arti­coli a favore della legge. Uno scritto è un impegno forte. Nel 2004 senza consultare nessuno decise di avversare una legge che aveva sostenu­to e contro il parere del 90% di An».

Giornali. «Un giorno si difen­de la libertà di stampa, l’altro partono le querele. Ma non tutte le domande contengo­no una eventuale diffamazio­ne. Ad esempio, potrebbe ri­spondere a Repubblica e Cor­riere se non gradisce il Gior­nale e Libero il cui editore Fi­ni ha portato in Parlamento».

Gheddafi. «A Mirabello si è stigmatizzata la genuflessio­ne a Gheddafi, ma qualche anno fa era Fini a proporre di insegnare il Corano nelle scuole».

Immigrazione clandestina. «Oggi non la vuole più contra­stare con lo specifico reato che prima aveva proposto».

Legge elettorale. «Ha am­messo di aver cambiato idea contro una legge che ha volu­to. Eppure c’è gente con lui che con le preferenze non prenderebbe nemmeno il vo­­to dei familiari, neppure quel­li con i contratti Rai. Comun­que il Pdl non è disponibile a un cambio strumentale della legge».

Omosessuali. «Qualche an­no fa polemizzò sugli inse­gnanti ostentatamente gay. Oggi se ne vergognerebbe. A Mirabello sventolavano le bandiere di Gaylib , associa­zi­one che si batte per il ricono­scimento delle coppie di fat­to e delle adozioni per le cop­pie omosessuali».

Presidenzialismo. «Fini ha criticato un caposaldo della destra, per lui ormai finito in naftalina».

Rutelli. «Da avversario politi­co è diventato partner. Fini va d’accordo con Rutelli di­fensore di principi cattolici e lo avversava nel ’93 quando era laico e radicale. Il Fini di oggi andrebbe più d’accordo con il Rutelli di ieri, il che di­mostra che i suoi discorsi so­no strumentali».

Sessantotto. «Fini ha rivalu­tato il ’68 ma abbiamo scritto assieme documenti e mozio­n­i contro l’eredità sessantotti­na e so bene quello che ne pensava».

Spinelli. «Dichiarò di aver fu­mato uno spinello. È una co­sa che secondo me sì è inven­tato per essere politicamente corretto. Non l’ho mai visto con uno spinello e in passato ha sempre sostenuto posizio­ni contrarie alla droga».

Voto agli immigrati. «Una proposta mai approvata per­ché mai discussa con nessu­no».

Vita. «Noi la difendiamo dal concepimento al suo termi­ne in coerenza con i valori che Fini ha archiviato. Prima di insultarci dovrebbe fare uno sforzo di memoria».

Annunci

2 Risposte to “La vera débâcle di Fini è prettamente politica, la casa di Montecarlo non c’entra. E’ lui che s’è allontanato da principi, valori e idee della destra”

  1. mimmasuraci said

    entra di diritto tra questi motivi anche l’appartamento di Montecarlo, che è un fatto squisitamente politico. Fini per me è stata la più grande illusione e la più grande delusione;avevo sperato che si facesse promotore della formazione di una realtà finalmente di destra, la qualcosa in Italia manca, e invece si è dimostrato debole,variabile,alternativo, poco serio e per niente preparato.sic transit gloria mundi….
    mimmasuraci.wordpress.com

  2. franco said

    Fatemi capire berlusconi sarebbe il portatore delle istanze della destra? Ma vi rendete conto delle corbellerie che scrivete? Io elettore di destra, anzi conservatore per dirla all’inglese, dovrei sentirmi rappresentato da gente come berlusconi o bossi? Fatevi un giro all’estero per capire quanta pochezza di valori, idee, innovazioni sociali c’è nell’italia di berlusconi… 16 dicasi 16 anni di berlusconismo vi hanno fatto vedere il mondo da sotto le gonne delle veline.. Quando le indossano…mamma mia come siete messi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: