LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Caso De Magistris: chiesto il rinvio a giudizio per tre procuatori. Magistratura calabrese nel caos

Posted by Peppe Caridi su 3, settembre, 2010

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/DemDem.jpgChiesto il processo anche per politici, avvocati e imprenditori. De Magistris: «il Csm sapeva» – Sono di poche ore fa i primi “verdetti” legati alle denunce dell’ex Pm di Catanzaro, Luigi De Magistris, oggi europarlamentare dell’Italia dei Valori, in merito a presunti tentativi di delegittimazione ed ostacolo alla sua attività di magistrati nel capoluogo calabrese.
La procura di Salerno, infatti, ha richiesto il rinvio a giudizio per il procuratore della Repubblica Mariano Lombardi, il procuratore aggiunto Salvatore Murone, il procuratore generale facente funzioni Dolcino Favi. Chiesto il processo anche per i presunti beneficiari e istigatori delle condotte illecite, e cioè l’imprenditore Antonio Saladino, l’avvocato e senatore Giancarlo Pittelli (Pdl), l’ex sottosegretario alle Attività produttive Pino Galati (Udc), la moglie di Lombardi Maria Grazia Muzzi, e il figlio di lei, l’avvocato Pierpaolo Greco. Tra i reati contestati ad alcuni magistrati figurano la corruzione, il falso e la corruzione in atti giudiziari.

Secondo la Procura di Salerno, quindi, le inchieste “Why Not” e “Poseidone” furono sottratte illegalmente a Luigi De Magistris nel 2007.

Pesantissimo, anche nei confronti del Csm, il commento dello stesso De Magistris: «nonostante il Csm fosse informato da tempo sulle gravi commistioni e le illegalità che interessavano i vertici degli uffici giudiziari di Catanzaro, non ha mai ritenuto di dovere intervenire. Oggi alcuni di quei magistrati sono saldamente al proprio posto, anche titolari di inchieste delicate, come quella assegnata all’aggiunto Murone sugli attentati al procuratore generale di Reggio Calabria. Quello stesso Csm ha invece dimostrato una solerzia straordinaria quando, al termine di processi disciplinari farsa, ha proceduto all’esecuzione professionale mia, e dei valorosi colleghi di Salerno Luigi Apicella, Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani. La procura di Salerno conferma che Why Not e Poseidone mi furono sottratte illegalmente, in seguito ad un accordo corruttivo, tra i vertici degli uffici di Procura e alcuni indagati».

Pittelli ha subito replicato: «De Magistris dovrebbe sapere, ma sarebbe pretendere troppo dalla sua cultura giuridica, che la richiesta di rinvio a giudizio rappresenta soltanto un’ipotesi di accusa tutta da verificare. La parte più interessante di tutta la storia deve essere ancora scritta. E la verità, su gruppi e manipoli, non tarderà a ristabilire gli esatti contorni della più vergognosa impostura mai verificata in ambito giudiziario-politico».

Le prime risposte giudiziarie sul “caso De Magistris” arriveranno esattamente tra due mesi, il 3 novembre, quando il gip Vincenzo Pellegrino deciderà sulle richieste dei pm.

Annunci

Una Risposta to “Caso De Magistris: chiesto il rinvio a giudizio per tre procuatori. Magistratura calabrese nel caos”

  1. franzmarti said

    mi auguro che “i tempi di giustizia” non siano lunghi…….. come al solito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: