LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Reggio, adesso Raffa prova anche la marcia indietro morale: «Il Modello Reggio ha consentito alla città di diventare punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo»

Posted by Peppe Caridi su 28, agosto, 2010

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/Reggio.pngIl sindaco f.f. prova a mostrare una situazione tutta rose e fiori dopo aver varato la nuova Giunta, ma non è così. La crisi avrà ancora gravi strascichi, specie all’interno del Pdl – Dopo tante frecciatine, critiche più o meno velate, parole pesanti contro l’Amministrazione Scopelliti (di cui anche lui aveva fatto parte) e contro il “Modello Reggio”, adesso che Raffa ha varato la nuova Giunta e “incassato” l’appoggio esterno da parte del Pdl (che è ciò che voleva e che gli basta per continuare a governare 8 mesi evitando il commissariamento del Comune), adesso il sindaco f.f. prova anche a fare la retromarcia “morale”, quella che – l’ha capito nelle ultime settimane – potrebbe fargli recuperare un pò di consenso e immagine rispetto ai reggini che sono rimasti sbigottiti da certe affermazioni contro alcune realtà che, in città, sono ormai certezze inequivocabili.
Adesso, con la nomina della nuova Giunta Municipale, sembra sia chiusa la crisi politico – istituzionale che ha comunque creato un senso di sfiducia nei cittadini e appannato l’immagine della coalizione di centro-destra che per otto anni ha governato la più grande città della Calabria.

«Il “modello Reggio” – dice adesso Raffanon è certo un’invenzione giornalistica o un eufemismo, ma una realtà che ha consentito alla Città di diventare punto di riferimento nel Mezzogiorno e nel bacino del Mediterraneo. La crisi politica, che stava per vanificare quanto di buono è stato fatto in questi anni, è coincisa con un diffuso clima di tensione per via dei reiterati attacchi intimidatori nei confronti della classe politica. Al centro dell’azione destabilizzante da parte di forze retrograde che vivono ai margini della società si sono trovate le istituzioni ed alcuni suoi rappresentanti che si spendono per la crescita della comunità e la diffusione della legalità. Il senso di sfiducia si è ulteriormente manifestato dopo l’ennesimo attentato contro il Procuratore generale Salvatore Di Landro».

Raffa, quindi, prova a dare la colpa della crisi alla ‘ndrangheta, come se la politica non c’entrasse nulla, come se non fosse tutto un affare di poteri interno al Pdl, come se non esistesse la regia di Nino Foti con le sue ambizioni di coordinatore regionale del partito e candidato a sindaco di Reggio. Come se gli errori fatti da tutti gli elementi interni al Pdl per non ricucire subito lo strappo non avessero acuito questa situazione delirante e vergognosa che ha gettato fango, per più di un mese, su tutta la Città.

Raffa dice che è stato convinto, nei giorni scorsi, «della necessità impellente di un superamento della crisi politica. L’Amministrazione civica aveva urgentemente bisogno di una ricomposizione nell’ottica di un rinnovato equilibrio. E lo testimoniano le improcrastinabili scadenze amministrative. Dalle consultazioni interpartitiche, poi, è emersa la comune volontà di risolvere la crisi tenendo tenuto conto delle indicazioni contenute in un documento congiunto del Pdl e del Pri e di quelle dell’Udc e Noi Sud. Responsabilmente e per amore dei reggini, al fine di evitare un ulteriore logoramento della città, stanca di questi continui rimbalzi, ho proceduto secondo le intese già raggiunte. Ho sempre avuto rispetto dei partiti. Continuo ad averne».
I partiti, però, e soprattutto il principale partito di maggioranza, il Pdl, non la pensa così. Tanto che s’è ritirato dalla Giunta e ha concesso solo l’appoggio esterno alla nuova Amministrazione di Raffa. Anche Udc e Pri stanno dalla parte del Pdl e non hanno compreso alcune decisioni del sindaco f.f.
Dopo il documento di ieri in cui Tuccio spiegava i motivi della scelta, un altro esponente del coordinamento cittadino del Pdl, Franco Germanò, tuona contro Raffa: «A seguito della formazione della nuova Giunta Comunale decretata dal Sindaco f.f. Giuseppe Raffa, condivido quanto dichiarato dal nostro Coordinatore Grande Città Luigi Tuccio e quanto contenuto nel documento a firma dei vertici del PdL, UDC e PRI. Sorprende, poi, per una serie di motivazioni, l’esternazione del neo amministratore Paolo Gatto che dichiara “di essere il nono assessore in quota PdL”. Intanto non mi risulta che egli, né in documenti ufficiali né per le vie brevi, sia mai stato indicato dal partito al Sindaco Raffa. D’altronde, lo stesso Gatto è stato di recente deferito ai probiviri del nostro partito per valutarne l’eventuale espulsione per gravi comportamenti e atteggiamenti non corrispondenti alla linea del PdL, nonostante egli si sia difeso dichiarando addirittura di non “essere iscritto al PdL”. Peraltro, lo stesso Sindaco f.f. Raffa, nella nota trasmessa alle segreterie dei partiti, oltre alla conferma degli otto assessori uscenti del PdL e di quelli indicati dagli altri partiti della coalizione (1 UDC, 1 PRI, 1 NOI SUD), ribadisce “l’autonomia che mi è stata riconosciuta dai partiti nell’indicare due esterni in sostituzione di quegli stessi assessori fiduciari in tal senso nominati dal mio predecessore”, riferendosi a Giuseppe Capua e appunto Paolo Gatto. Non abbiamo mai fatto una questione di numeri o di incarichi – conclude Germanòma nessuno può autonomamente definirsi assessore del PdL, in assenza dei necessari requisiti politici e di appartenenza».

Ma Raffa prova a far finta di nulla: «arrivati a questo punto sono fiducioso che la scelta da me effettuata sarà rispettata dai partiti e sarà giustamente intesa come funzionale alla ricomposizione di un equilibrio politico in Giunta ed in Consiglio, atto a consentire un rilancio dell’azione politica ed il proseguo dell’attuale esperienza amministrativa per la durata rimanente di questa fine legislatura. Una impostazione che, nel rispetto reciproco dei ruoli, potrà consentire alle prossime elezioni comunali al centrodestra di riconfermarsi come guida politica del Governo della città. Ho chiesto sempre ed è quello che rivendico oggi, con forza e determinazione, nel fermo convincimento di operare nell’interesse della collettività, di essere un sindaco normale in una città normale».

E se da un lato, a livello istituzionale, la crisi potrebbe essere finalmente risolta, certamente non lo è a livello politico, dentro il Pdl, dove questa situazione fatta di divisioni interne lascerà a lungo delle ferite insanabili che potrebbero anche compromettere la “corsa” alle prossime elezioni comunali.

Certo che, adesso, dopo tutto quello che è accaduto nelle ultime settimane, anche la nuova Giunta difficilmente riuscirà a lavorare sotto i migliori auspici: più che una squadra che “fa gruppo” e che si considera omogenea e amalgamata, sembra l’unione di vari elementi che tra essi hanno poco a che vedere e che, anzi, alcuni non possono neanche guardarsi in faccia.

La prossima primavera, quando saranno nuovamente i cittadini a scegliere chi è il Sindaco e chi entra in Consiglio Comunale, è sempre più vicina. E i reggini non vedono l’ora di tornare a votare.

LA NUOVA GIUNTA VARATA DAL SINDACO F.F. GIUSEPPE RAFFA

Paolo Anghelone (PDL)- Politiche Economiche e Produttive ed Area dello Stretto
Amedeo Canale (PDL) – Polizia Municipale e Sicurezza Pubblica;
Giuseppe Capua (ESTERNO) – Sport ed edilizia sportiva;
Paolo Gatto (PDL ?) – Manutenzioni opere pubbliche e rapporti con le società miste;
Rocco Lascala (PRI) – Risorse Umane – Organizzazione;
Clotilde Minasi (PDL) – Politiche Sociali e della Famiglia;
Giuseppe Plutino (PDL) – Politiche Ambientali;
Demetrio Porcino (UDC) – Urbanistica – Patrimonio Edilizio – Politiche abitative;
Francesco Sarica (PDL) – Programmazione e Progettazione OO.PP.;
Vincenzo Sidari (PDL) – Turismo e Spettacolo;
Domenico Giovanni Suraci (NOI SUD) – Politiche Comunitarie e del Mediterraneo e Cooperazione Internazionale;
Sebastiano Vecchio (PDL) – Pubblica Istruzione – Edilizia scolastica;
Pasquale Zito (PDL) – Servizi Demografici e decentramento.

IL DOCUMENTO DEI PARTITI: «SOLO APPOGGIO ESTERNO, VEDREMO CHE SUCCEDERA’ IN CONSIGLIO»

Con un comunicato congiunto, tutte le forze di maggioranza (Pdl, Pri, Udc, e il movimento ‘Patto per la Calabria’), hanno espresso il loro punto di vista rispetto alle ultime scelte di Raffa.
«Pur di porre fine a questa infinita telenovela riguardante la crisi al Comune, avevano concordato di proporre al Sindaco f.f. la soluzione in due opzioni. Una prima prevedeva una Giunta concordata con i partiti che avrebbe garantito un’ampia maggioranza in Consiglio Comunale e una seconda che lasciava ampia autonomia di scelta al sindaco f.f. In questo secondo caso, i partiti sottoscrittori di quel documento avrebbero garantito il loro appoggio esterno. Il sindaco f.f. ha scelto di percorrere la seconda ipotesi». I partiti del Pdl, Pri e Udc «doverosamente prendono atto di tale scelta». E annunciano che «manterranno fede a quanto hanno sottoscritto valutando, di volta in volta, il rispetto della attuazione del programma nella continuità della Giunta Scopelliti, come d’altronde lo stesso sindaco f.f. aveva trasmesso alla stampa». Poi avvisano che «naturalmente in questa situazione i partiti non possono avere alcuna responsabilità sull’atteggiamento che andranno a tenere i singoli assessori».
E concludono: «Aspettiamo, pertanto, che il sindaco f.f. si presenti in Consiglio Comunale con il suo programma di fine consiliatura sulla base del quale i partiti Pdl, Pri e Udc si determineranno».
E un appello a Peppe Scopelliti «affinchè ci risparmi l’onta possibile di presenze in Giunta di forze che contraddicono quanto da lui e noi, predicato in campagna elettorale. Dentro i partiti nominati ci sono a iosa persone oneste e utili per far governare il nostro territorio: almeno, sul piano dei valori etici», lo firma anche Peppe Aprile dell’Udeur.

E LA PIVETTI SI TIRA INDIETRO: «NON VOGLIO ESSERE ELEMENTO DI DIVISIONE, SO DI ESSERE UNA RISORSA»

Ecco la stringata nota con cui Irene Pivetti ha espresso la propria volontà di non essere Assessore di Reggio Calabria.
«Caro Giuseppe, sono al corrente di quello che succede a Reggio. Per la stima che ho per te, per la stima che ho dei Reggini, per l’amore che porto alle Istituzioni non posso permettere che il mio nome diventi occasione di divisione invece che di costruzione di cose positive, se non addirittura di stallo di un’Amministrazione. So di essere una risorsa, e voglio continuare ad essere considerata come tale, Per questo motivo, ti prego di accettarele mie dimissioni dall’incarico che hai avuto la determinazione di affidarmi. Ti sono e ti sarà vicina nel tuto sforzo coraggioso di servire il bene della tua città. con stima e affetto, Irene».

Annunci

2 Risposte to “Reggio, adesso Raffa prova anche la marcia indietro morale: «Il Modello Reggio ha consentito alla città di diventare punto di riferimento nel bacino del Mediterraneo»”

  1. Piero Marcianò said

    REGGIO CALABRIA MODELLO DI COSA??

    Non sono ancora riuscito a capire da cosa nasce la convinzione che gli otto anni di Giunta Scopelliti abbiano cambiato la Città, al punto tale da poterla prendere come “modello”.
    Dichiarare che “ il modello Reggio non è un modello autoreferenziale, autarchico e senza libertà d’azione” è legittimo se l’esternazione proviene da una fazione di parte, ma, pretendere che i cittadini di Reggio svincolati da qualsiasi legame a gruppi politici, accettino come oro colato una semplice supposizione, basata soltanto sul fatto di appartenere oggi, allo schieramento di governance, sarebbe come voler pensare che i Reggini siano tutti degli imbecilli incapaci di intendere e volere e soprattutto di giudicare.
    Senza entrare nel merito della vicenda Raffa, la quale, fa soltanto vomitare. Voglio puntualizzare che: agli occhi di chi vive la Città come semplice cittadino le cose appaiono completamente diverse da come con enfasi si vogliono far apparire. La gestione Scopelliti è stata un disastro e “Dati alla mano” potrei elencare e commentare tutti disservizi della Città. In buona sostanza, l’unica cosa che funziona è la strafottenza di chi gestisce la Res Publica. Il turismo e le opportunità di lavoro a Reggio sono ridotte al lumicino, il volto della Città è cambiato così male a tal punto che non si riconosce più e, per quanto riguarda le Società di Servizi, meglio stendere un velo pietoso.
    Il campanilismo è un sentimento nobile e naturale per gli indigeni, ma siamo seri, cercando di non calpestare la dignità e l’intelligenza di chi vive nella Città di Reggio Calabria e soffre quotidianamente della strafottenza dell’incapacità di chi la governa.

  2. La Reggio Civile said

    MANCU LI CANI…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: