LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Reggio, crisi al Comune: anche i giovani militanti del Pdl stanno dalla parte del partito

Posted by Peppe Caridi su 20, agosto, 2010

https://i2.wp.com/www.radiodiaconia.it/news/admin/uploadpics/994c2ae0e8ecba6.jpgdi Salvatore Palermo * – Aprendo il computer mi sono imbattuto nell’ennesima  nota del centro sinistra prima di A. Castorina che, nonostante sia un caro amico, certamente merita una replica, poi di M. Penna ecc.
Sia ben chiaro, non accettiamo lezioni di governo e amministrazione della cosa pubblica dal centro sinistra, anche perché di governo e amministrazione conosce ben poco.
La mia non è demagogia politica o sperequazioni filosofiche per frasi fatte.
Il modello Reggio non è un modello autoreferenziale, autarchico e senza libertà d’azione, ma è il modello che ha trasformato questa città in quello che oggi è.
Penso siano lampanti e sotto gli occhi di tutti i progressi fatti dalla città in svariati campi: da quello turistico a quello urbanistico, alla gestione stessa del decoro urbano.  Il volto della città è cambiato così come l’immagine che la stessa dà di se.  Basti pensare al lavoro che oggi fanno le municipalizzate e al notevole aumento del flusso turistico. Dati alla mano, credo che tutti possano ritenersi soddisfatti.
Sarebbe stupido non ammettere che c’è ancora molto lavoro da fare, ma purtroppo nessuno di noi possiede la bacchetta magica e con i soldi di un solo comune (visto il menefreghismo nei confronti della città da parte della Regione sotto l’amministrazione Loiero) si può tranquillamente gridare al miracolo e considerare questa la migliore classe dirigente che Reggio, fino ad oggi, abbia avuto.  C’è da dire inoltre che la promozione a città metropolitana è un autentico capolavoro politico e di sviluppo, i cui frutti saranno realmente tangibili nei prossimi 5 anni.
Vorrei ricordare sia ad Antonino che al sig. Penna  che il Pdl non è il Pd, dove chiunque si alza al mattino e va a ruota libera, ma è un partito di governo, strutturato e dove ci sono precise linee condivise da seguire per la realizzazione degli impegni presi con gli elettori.  Certo un discorso del genere potrà suonare strano nella bolgia del centro sinistra, ma è l’esatto motivo per cui fino ad oggi da parte loro non è stata vinta una sola campagna elettorale.
La questione Raffa è sicuramente una questione delicata, ma a mio avviso, e da buon militante, le indicazioni del partito vanno seguite e, se così non fosse, accettare le conseguenti misure sanzionatorie, altrimenti si rischierebbe di trasformare quello che oggi è il miglior partito di governo della storia (dati alla mano) nella bolgia d’interessi  personalistici che invece è il Partito Democratico.

* Dirigente provinciale Azione Giovani – Giovane Italia e Consigliere degli studenti Università Mediterranea

Annunci

2 Risposte to “Reggio, crisi al Comune: anche i giovani militanti del Pdl stanno dalla parte del partito”

  1. ..mi piace la risposta..

  2. Piero Marcianò said

    Non sono ancora riuscito a capire da cosa nasce la convinzione che gli otto anni di Giunta Scopelliti abbiano cambiato la Città al punto tale da poterla definire “modello”
    La dichiarazione che: “il modello Reggio non è un modello autoreferenziale, autarchico e senza libertà d’azione” può provenire soltanto, ovviamente, da una fazione di parte e rimane un fatto fine a se steso, ma non si può pretendere che i Reggini svincolati da qualsiasi legame o appartenenza a gruppi politici accettino come oro colato una presuntuosa supposizione basata soltanto sul fatto di appartenere oggi, allo schieramento di governance. Pretendere un plebiscito in merito sarebbe come voler pensare che i Reggini siano tutti degli imbecilli incapaci di intendere e volere, e sopratutto di giudicare in totale libertà.
    Senza entrare nel merito della vicenda Raffa, la quale fa soltanto vomitare. Voglio puntualizzare per l’ennesima volta(visto che spesso ho utilizzato questo blog per dissentire su alcune dichiarazioni faziose)che: agli occhi di chi vive la Città, le cose appaiono completamente diverse da come con enfasi si vogliono far apparire. La gestione Scopelliti è stata un disastro,(solo fumo negli occhi) e “Dati alla mano” potrei elencare e commentare i disservizi di questa Città, in buona sostanza, l’unica cosa che funzionea è la strafottenza di chi gestisce la Res Publica. Il turismo e il lavoro a Reggio, contraiamente a quanto si vuol far credere sono una chimera.Il volto della Città è cambiato cosi male a tal punto che non si riconosce più e, per quanto riguarda le Società di Servizi, meglio stendere un velo pietoso.
    Il Campanilismo è un sentimento nobile e naturale per gli indigeni, ma siamo serii, cercando di non calpestare la dignità e l’intelligenza di chi vive questa Città e soffre quotidianamente della strafottenza e dell’incapacità di chi la governa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: