LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Arietta senese

Posted by Peppe Caridi su 16, agosto, 2010

https://i1.wp.com/www.meteoweb.it/images/palio-di-siena.jpg

di Gianni Basi – “Ecco cosa può accadere di romantico durante il Palio di Siena

Siena, palio di luglio.

Oooooops!, Scheisse!, Fuck!… Ehi, si tu dai mano a salire, io vedère meglio!

Dici a me?

Jaa!, dico a te!

Io la mano te la do, ma guarda che stare  sullo  steccato  è  pericoloso!… Questo poi è l’ultimo giro, ci sarà una confusione tremenda!

…Non capire!… Dare mano per fafòre… si, così… oooops! …aua!, fatto male!… Chi è primo cafallo?

Ma sei un bel tipo! Lo chiedi a me che sono qua sotto?… Dimmelo tu piuttosto!

Io non sapere nomi contràte! C’è colore rosso, bianco, ciallo… blu e arancio… nein…arancio con verde… e daai!, dicci me nome contràte, chi prima?, dimmelo! …Stanno arrivanto!

…Allora, se sposti questi capelli… uhm, vediamo… ci dovrebbe essere…allora…uhm… Mi pare che l’Onda, che è la mia preferita, o non c’è o non la vedo…

Ma tu dire chi cè chi cè chi cè!!!
Ma come faccio! Vedo solo le teste dei fantini… c’è qualcosa di verde… Drago?, Selva?… il Bruco non mi pare… forse è un gialloblu,  la Tartaruga… cioè Tartuca o come diavolo si chiama…  e  poi c’è anche un cavallo da solo… oh!, ma vuoi stare ferma?, se ti muovi e ti sporgi come una pazza non vedo niente!, …e insomma, il fatto è che non sono di Siena e i colori delle contrade non li so riconoscere bene bene, ecco!…

…Tu no Siena? Ohhh!

Ohhh che? Ma questa è bella!

Scheisse! Io fidàrmi di te per conoscere nomi contràte e chi ora arrivato prima… e invecce… Ohhh, ohhh! io stare per cadére!…

E te lo dicevo di non sporgerti, non sporgerti che cadi davveroooo!, oh, no!

Uh!, Entschuldigung, scusa me, dispiaciuta, non fato apòsta… Tu fato male? Ucciso piede?

No, no, …insomma…tutto apposto… Ho solo perso una scarpa… dove sarà?

Forse è qvella dove cadùta aranciata di mia pottiglia?…

Eh, si, ehm,  è quella, grazie. Pensa, se non c’eri tu non so come avrei fatto  a trovarmi la scarpa…

Ma allora! tu voli dirmi o non voli dirmi chi vinto?

Coosa? Ma come puoi pensare che mentre mi cadevi addosso io riuscissi a vedere chi ha vinto? Ma sei scema? E poi, volevo proprio vedere te, con un peso come il tuo che si molla all’improvviso!…

“Peso”?: cosa essere “peso”?

Vuol dire che pesi, you are heavy, capisci l’inglese?

Io capire anche tuo pazzo italiano, tu parla italiano e io imparare meglio. E io non pesi!

Senti, dal primo momento che ti ho vista non mi hai creato altro che problemi, non mi hai fatto vedere il palio e… e… ma perché ridi?

Perché tu puffo!, con scarpa in mano!

Puffo a me? Senti un po’, bella bionda o come ti chiami…, io sarò buffo ma…

Mio nome è Harriet.

…Come? …Arlet?, Arnet?… C’è confusione e non capisco!

-Uff!… Si tu voi, tu dire “Arietta”, ok?

Arietta?, come l’aria? Ma dove l’hai preso un nome così strano! Mi fa proprio ridere!

Oh, stronzo!

Come “stronzo”? …Certe parole le sai bene, però!

So parola che servìre!

E “stronzo” ti serve spesso, eh?

Ja, con italiani servìre molto, credimelo!

Uhm… Come hai detto che ti chiami perciò?

Mi chiamo A-rie-tta, e qvesto nome a me piace buono perché io chiamata così da amicci simpaticisimi italiani, e si tu non piace buono tu non chiamare me! Capito?,  italiano di Siena?

Ti ripeto che non sono di Siena… Ma tu, a proposito, di dove sei?

Indofìna!

Beh… o tedesca o austriaca, o svizzera o del Lussemburgo, oppure del Liechtenstein, da qui non si scappa! E allora?

Vuoi fare che cioco con me, eh?, italiano?

Eh, no! Caso mai sei tu che non si sa che gioco vuoi fare con me! E’ da mezzora che con te non sto capendo niente! E poi: dove accidenti lo hai imparato questo italiano così impossibile? Sbagli gli accenti, la costruzione, tutto!

Ah!, Tu sempre pronto a ferire me, tu volère guera?

Ma quale guera! E poi si dice “guerra”, con due erre! …Ne dicessi una giusta!

Ora io ando… vando… vato… vva-ddo, ja?, a manciare picci e bere vino cratis… ho apuntamento  con  qvesti amicci italiani simpaticisimi…Tu fenìre…(scheisse!), tu vve-ni-re?

E dove stanno questi amicci?

Qvi, apuntamento a fontana Piazza del Campo.

Ma ci sono di già?, li vedi?

Nein, non vedèrre niente…

E allora?

Lo stesso andare per picci e vino, e tu, si voi, tu ve-ni-re con Arietta…

Oddio, dato che sei sola, vuol dire, e vabbè, vengo, massì, che magari ti faccio compagnia… Sempre se  vuoi davvero…, insomma se ti fa piacere…

Ohhh! Si non volèfo non dicèfo!

Senti, Ariel…

Ariel?,  oh,  mein  Gott!, Arietta!, Arietta!!

Oh, si, scusa, per noi italiani è un nome insolito… Ma…

Ma?

Ma… lo sai, lo sai che a pensarci bene non ti avevo ancora guardato bene bene bene gli occhi?…

Cosa tu voi dire pene pene… bbene!, inzomma exactamente?…

Si, lo so…, è difficile dirlo così su due piedi… Neanche ci conosciamo, lo so, ma io…

Ma cosa di complicatevole tu volère dire! Daai, bevi vino così più facilo parlare…

No, grazie, non mi va…

Cosa essere?, forse tu qvalche problèma?

Beh, il problema sono… praticamente… i tuoi occhi. Ecco, sissignore, i tuoi occhi. E devo dirti che hanno un colore che sta a metà fra il mio mare e il mio cielo, il colore dell’acquamarina…

Oh!, tu padròne di un cielo e di un mare?…

Ma come si fa a parlare con te che non capisci niente!… Lascia stare, come non detto…

Sei tu a non capire nichts, nichts! e io capire, capire…! Anzi ti dico grazia,  …tu molto gentile pe’ colore miei occhi… Ma… inzomma inzomma, tu da dove sei? dove essere qvesto mare e qvesto cielo come occhi di me?

Sono… sono di un posto lontano da qui… della Calabria, sai, alla fine dell’Italia, dove c’è lo stretto, dove devono fare il ponte, forse… Uh, e che è, com’è che ti sei fatta più bella mentre ti parlo?… Mica sei già stata in Calabria?

Ma tu non sapere quanta cioia in tue parole! Io proprio domani partire per Calabbria e Siccilia, oh!, belisimo, oh, che bello vedère prima volta uno di Calabbria!

Oddìo, mica siamo così diversi… o strani… o chissà che… ma, un… un momento… ma… hai detto che parti proprio do… domani??…

Ja, ja, con amicci teteschi simpaticisimi che aspettano a Roma, e io prendere treno alle sette…

Ah! …Ma, ma…Arietta, ora  è già mezzanotte, e se… se proprio… devi partire, non dovresti…   tornare a casa, o che so, in albergo?

Oh, no, stasera solo festa, e io domani directamente a stazione perché valìcia già a deposito…

… Ah, la valigia ce l’hai già lì?… ho capito…E… adesso… insomma adesso… fino alle sette… che fai?

Ma non stai vetendo? Bbbevo, mancio, e sto con te! E mancia, mancia i picci anche tu! Buonisimo vino di Siena!

Già.

Ma… cosa tu pensare? …Tu pensare a chi vinto palio?

Vinto palio? Ma ti sembra che io, ora, qui con te, abbia l’aria di pensare a chi ha vinto il palio!

Sììì!!

Ah si, eh? E perché lo dici ridendo?

Perché io ora non volère essere nella melanconia come tu, io felìcce, qvi, a Siena, con te!

Ma scherzi?, tu felice? E allora io come sono? Io sì che sono PAZZAMENTE felice di stare con te!…

Mah, non sembrare…

Non sembrare, non sembrare… Il fatto è che domani… tu parti. Anzi, fra poche ore…

Perché tu pensare cose che non sono adèsso? Io qvesta notte Piazza del Campo con te e niente dormire, perché voglio prèntere felicità…

Cosa? Vuoi davvero restare qui tutta la notte? …Ma sei sicura?…

Oh, si! Tutta la notte a cantare con te. Conosci O sole mio?, conosci Azuro?

Sssi, conosco… Ma forse era meglio… che so, riposarsi un pochino da qualche parte…

…Anche tu tipico italiano latin lover!

Ma guarda che pensi male… Io dicevo davvero di riposarci un po’! …Dormire, fare zzz…zzz… ron… ron… capito?

…Uh…, tu dicci dormìre e tuoi occhi granti granti con lucce rosa… e… foco uscire ora da tuo naso…

Eccola la’!, mi mancava la luce rosa e il fuoco dal naso! Ma gli occhi, per la miseria,  saranno grandi per il buio… e dal naso uscirà caso mai il fumo di questa sigaretta… E poi si dice “luce” e non “lucce”, e “rossa” e non “rosa”! …Rossa con doppia esse, esse ripetuta come due esse di seguito tipo esse esse, capisci? ((Oddìo, se è proprio “tetèsca tetèsca” sono fritto!)). …Ehm, Arietta, in due parole ho solo gli occhi stanchi e poi, con la sigaretta, mi bruciano un po’…. E insomma… a quest’ora… a dire il vero sono anche un po’ stanco di mio…

Uhm… io non te lo credere tutto… Io pensare che tu un piccolo po’ arabiàto… E poi: come tu stanco se tu maschio se io per niente stanca se io femina?, guarda!, ora io balla…: Vorrei tanzar con te, Vorrei tanzar  con  te…  Conosci  My  Fair Lady?

No, o meglio, qualche volta l’ho sentita… Però ora tu mi fai venire in mente la canzone di Battiato, quella che fa  ”voglio vederti danzare… fra i suonatori bulgari… sui bracieri ardenti…” o qualcosa di simile. Ora che balli tu capisco “le balinesi nei giorni di festa”, o anche i “riti tribali” e perché “gira tutt’intorno la stanza finchè si danza”… Sì, è proprio bella questa canzone…

Oh, wunderbar, no capito niente di qvello tu dicci, ma… che  bella  questa piazza di notte, guarta che cielo, e che luna! Romantisch! Voglio aspettare prima lucie con te!

…Prima luce?, cioè vuoi dire l’alba? Ma non sarai a pezzi, domani?

…Pezzi pazzi pozzi puzzi!

Che??

Filastrocca di miei amicci italiani!

Quelli  simpaticisimi immagino… Ah, già che per te sono tutti simpaticissimi,  italiani,  tedeschi,  marziani, tutti !

Anche tu simpaticisimo!

Sarà! …Ma intanto questi amici simpaticisimi se ne sono fregati di te…!

Oh, tu non crederlo… Sai, c’è piccola verità…

Ah sì? E qual è sta’ verità?

Che apuntamento non era a fontana…
?!… Come non era a fontana?, tu mi avevi detto…

Sssst, tu non parlare …pppiùppiùppiù! …E bàsta guardare me come spafentapassero! Dai, parla ti te, dimi di tua vita, tue tonne…

…Ora sono pure spaventapassero, tonni di mezzo, cos’altro ti frulla in testa?… Ma sarai stata allo zoo, o dove?

Su’, dai! Spiega tua vita, tue tonne… tante penzo, come tutti italiani, o no?

Ma quali donne! Storie da niente, stupidaggini…

Non mi dire che tu scopare con uomini…

Coooosa? Ma tu devi essere proprio pazza! Certo che le parole giuste le conosci tutte eh!

…Pezza pazza pozza puzza…!

Oh, Arietta!…

E va bbene, …scusa me, era Spiel. cioco, ciochino… Io curiosa…

E sì!, tu ti diverti, tu stai giocando con me… l’ho capito eh!, e con chissà quanti altri… Tu ti diverti… E io invece…

…Tu… non… felìcce?

Senti Arietta: poche ore e stai per andare via… Noi stiamo parlando un po’ capendoci e un po’ non capendoci, tu vuoi sapere della mia vita e, certo, io magari della tua ma… Ma a che serve? E’ vero, è anche vero che…che…, insomma, ogni nostra cosa di prima potrebbe scomparire se solo per esempio lo volessimo… Ma sei tu, ora, che stai per scomparire da me, come un sogno che svanisce alla mattina… Ma, aho’, Arietta… Arietta?, Harriet, Ariettina!…ma che fai, dormi? Io parlo, mi sto ammazzando a mettere insieme certe parole così difficili da farti capire… così… così… insomma, importanti, e tu, porca la miseriaccia, dormi??

…Mmmmmm, uaaaaa!

Insomma. dormi o sbadigli o cosa?

Oh. tu continuare, te lo prego. …Parlame… continua, così io ascoltare e qvesta piazza più bella, …qvesta tore,  la luna, tua vocce…

Mia voce mia voce mia voce! E con la mia voce ti addormenti a pera cotta!

Nein, io non dormentiapperacòtta la’ la’, io non dormentiapperacòtta la’ là la’… Non ti sembra canzonetta? … Oh… io serena atèsso… Ja, serena. Molto tempo io non serena, ora sì.

S…sì, anch’io Harriet, …Arietta, anch’io. …Ma, ma mi stai sentendo o ti riaddormenti proprio quando parlo?

Ssst, guarda, ora è prima lucce! E’… bellisimo! Che sogno. Piazza del Campo in prima lucciiie! Uau!, ua ua uau! E qvesta arietta senese, dolcisima…

Co… come hai detto? Arietta senese? Ma sì, ma certo!! Ecco cosa sei, sei un’arietta senese! Oh Dio!, una dolcissima, dolcissima, dolcissimissima arietta senese come nient’altro al mondo…

…Brr… ma anche un po’ freddina, a qvest’ora…

Ma dici veramente?, …hai davvero freddo? …di luglio? … E cosa potrei fare… ah, ti dò la mia maglietta?

…Forse più meglio abraciàre…

…Hai detto “abbracciare”?, …avrò capito bene?

Jaa… abraciàre, tu capire sighnificàto? …Brr…dormentiapperacòtta la’ lu’ la’ li’ la’… forse tu non capire e allora io cantare e passare freddo…

Ah, sì? Passare freddo? …Vieni qua, girati un po’, ecco, così… oh sì che è più meglio abraciàre… Oh, quaaaanto è più meglio!

Mmmm, calda tua bracia… Ma fra un piccolo po’ io andàre… Sono qvasi le sei! Prima, te lo prego, tu canta per me Azuro, me lo canti?

…Vuoi davvero? Proprio ora che stiamo così bene zitti zitti e caldi caldi?…

Ach so, zitti zitti caldi caldi… ma tu cantare…

Uff.. Però non la so molto bene…

Fa niente, tu cantare per me…

E va bene. …”Cerco l’estate tutto l’anno e all’improvviso eccola qua”…

…”e il treno dei desitèri nei miei penzieri all’incontrario fa!”…

…Ah, ma allora la sai anche tu!

Mi piace buono… molto, qvesto fatto di “treno dei desitèri” che fà all’incontrario, chissà, forse un ciorno io tornare… Oh, ma ora devo prèndere mio treno! Puoi accompagnarmi a stazione?, hai macchina?

Si, si, ho macchina, vieni, è dietro la piazza…

…Ecco, arrivati,  ecco mia valìcia… Allora… ciao simpatico italiano. Grazia per qvesta notte così bella, ok?, anche se picolisima…

Arietta, io…

Ciao, non dire niente, te lo prego…

Io…

Io pure, come te, ora. Ma non servìre parlare… io partire, ora…

Arietta…

Ssst, tu non dire…  scrive me Műnchen,  Monaco…

Ah!, allora sei proprio tedesca tedesca!…

Oh, tu stupitisimo non capire!

Ma no, ma no, scherzavo, l’avevo capito subito che eri proprio di Monaco Monaco… Uh, il tuo treno si muove… tienimi ancora un attimo la mano…  Ma scappi così?… Aspetta!, dammi l’indirizzo, address! Sennò come faccio a ritrovarti… Arietta!, Harriet!, l’indirizzo!!…

Mia casa e telefono in tuo pachetto di zigarette!… messo mentre tu dormire ….

Io dormire? Ma quando mai??

Anche russare, qvasi. Arrivetèrla. Ah, scriveme chi vinto Palio!

Arrivederla?… Palio?…

Aspettare a Monacooooo!

Arietta…, Ariettaaaa!, non lo trovo, non  trovo il  pacchetto di sigaretteeee!!!

Ciaoooo italianoooooo! …Ma …tuo nome?? Qvale essere tuo nomeeeee? Was?…  oh!, non ricordo… tu mi hai detto o non mi hai dettolooo?! Come?… Oh, scheisse!, troppo rumore trenooo! …Tanni? …Johnnyyy?…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: