LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Elezioni 2008: etica e politica

Posted by Peppe Caridi su 16, marzo, 2008

«Io duro perché faccio» aveva affermato Romano Prodi il 28 dicembre 2007, parlando con alcuni giornalisti.
Non l’avesse mai detto.
Dopo quella profezia ottimistica, per il Governo di centro sinistra – che ha sempre avuto una salute cagionevole – la situazione è letteralmente precipitata: prima l’emergenza rifiuti in Campania, poi le dimissioni del Ministro della Giustizia Clemente Mastella e l’abbandono della maggioranza da parte dell’Udeur.
Un’agonia politica che ha avuto il suo epilogo la sera di giovedì 24 gennaio 2008, quando il Senato ha sfiduciato l’esecutivo.

Una crisi senza rimedio, visto che – dopo il tentativo fallito da Franco Marini – il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha sciolto le Camere, e ha fissato nuove elezioni per il13 e il14 aprile.

«Duro perché faccio», aveva detto il Presidente del Consiglio.
Ma che cosa ha fatto in venti mesi il Governo guidato da Romano Prodi in tutte quelle materie che Benedetto XVI ha definito “non negoziabili”?
Converrà che a parlare siano i fatti.
Governo PRODI: per non dimenticare
da
http://www.iltimone.org/
Vita, morte e nessun miracolo dell’ esecutivo di centro sinistra.
Dalla tutela della vita umana e della famiglia naturale ai rapporti con la Chiesa: un
bilancio fallimentare.
Il Timone ha raccolto per voi le prove.

Maggio 2006: Comunisti e Radicali al potere. La formazione di Governo è sostenuta da 21 partiti, e conta 103 membri tra ministri e sottosegretari: è l’esecutivo più numeroso di sempre.
Ma, soprattutto, è il primo governo della storia repubblicana a vedere la partecipazione diretta di Rifondazione Comunista e dei Radicali italiani, divenendo così l’unico governo sostenuto dall’intera sinistra parlamentare, cosa che non accadeva più dal 1947.
Maggio 2006: la sperimentazione sugli embrioni. Non sono ancora trascorsi quindici giorni dalla nascita dell’esecutivo, che il ministro dell’Università e della Ricerca Fabio Mussi ritira, a Bruxelles, l’adesione italiana a una moratoria nell’uso degli embrioni come cavie di laboratorio, voluta dal governo Berlusconi insieme a Germania, Polonia, Slovenia, Austria e Malta. È il 30 maggio 2006. Mussi auspica apertamente «il cambiamento della legge 40».
Infuria la polemica politica. Ma, pur di salvare la ghirba del Governo, i cattolici che sostengono la maggioranza bocciano una mozione presentata dall’opposizione, nella quale la tutela dell’embrione è affermata in maniera inequivocabile.
Giugno 2006: l’anticamera dell’eutanasia. I partiti di governo lanciano nella mischia il senatore Ignazio Marino, “cattolico”, che il 27 giugno 2006 presenta – insieme alla capogruppo dell’Ulivo al Senato Anna Finocchiaro – un disegno di legge sul “Testamento biologico”, anticamera dell’eutanasia. Questa iniziativa – guardata con approvazione anche da settori dell’opposizione – sembra destinata al successo, e viene fermata solo dalla caduta del Governo.
Settembre 2006: al Papa ci pensino le Guardie Svizzere. Romano Prodi è a New York per intervenire all’Onu. È il 19 settembre e un giornalista gli domanda che cosa ne pensi dell’allarme lanciato da Ali Agca, che ha parlato di pericoli per il viaggio in Turchia del Papa. «Che cosa vuole che sappia, io, della sicurezza del Papa in Turchia? Non so nulla, in proposito, vedranno le sue guardie…» è la sconcertante risposta del premier.
Novembre 2006: la droga raddoppia. Il ministro della Salute Livia Turco, “cattolico”, emana un decreto sul tema delle droghe: viene innalzato da 500 a 1000 milligrammi il quantitativo massimo di cannabis che può essere detenuto per uso personale. È il 13 novembre 2006. Si scatenano aspre polemiche e dopo alcuni mesi il decreto viene affondato da una decisione del TAR.
Febbraio 2007: i Dico per le unioni tra omosessuali. È la sera dell’8 febbraio 2007 quando tutti i principali telegiornali si aprono con le immagini del Ministro delle Pari opportunità Barbara Pollastrini e del Ministro della Famiglia Rosy Bindi che annunciano con toni trionfalistici il disegno di legge sui Dico. La sigla – che significa “DIritti e doveri delle persone stabilmente COnviventi” – indica la volontà del Governo Prodi di riconoscere una serie di diritti alle coppie di fatto, anche dello stesso sesso. È il provvedimento più contestato di tutta la breve vita dell’esecutivo di centro sinistra. Il Ministro Bindi si giustifica dicendo che alla stesura del decreto «hanno collaborato molti giuristi cattolici», guidati da Renato Balduzzi (presidente del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale) e da Stefano Ceccanti (ex presidente della FUCI – Federazione Universitaria Cattolica Italiana). La Chiesa e le opposizioni intervengono duramente, e ne scaturisce una mobilitazione che sfocia nel Family Day, a Roma, il 12 maggio 2007. Anche esponenti della maggioranza prendono poco alla volta le distanze dai Dico, che naufragano.
Il rapporto con la Chiesa cattolica. La vicenda dei Dico porta il Governo al minimo storico nei rapporti fra potere politico e Chiesa in Italia. Alcuni cattolici che fanno parte dell’esecutivo tentano di far credere che i Dico siano compatibili con il Magistero, e vengono apertamente sconfessati dalla Conferenza episcopale. I partiti della sinistra al governo (comunisti, verdi, socialisti) e i radicali aprono il fuoco contro “l’ingerenza del Vaticano nella politica italiana”. I rapporti con la Chiesa resteranno tesi per tutta la legislatura.
Luglio 2007: arrivano i CUS. Di fronte al fallimento clamoroso dei Dico, la maggioranza non demorde e si inventa i CUS (Contratti di Unione Solidale). È il 12 luglio del 2007. I due conviventi, anche dello stesso sesso, ricorreranno al notaio o al giudice di pace. L’ideatore è il senatore Cesare Salvi. L’iter del provvedimento sembra più facile di quello toccato ai Dico, ma viene bruscamente interrotto dalla fine del governo.
Luglio 2007: attacco alla legge 40 del 2004. Il Ministro della Salute Livia Turco – con l’appoggio di ampie fette della maggioranza – avvia un progetto di riforma delle Linee Guida della Legge 40 sulla fecondazione artificiale. Obiettivo: rendere più permissiva la legge in vigore, aggirando alcuni divieti in essa contenuti. Proprio quando il Ministro sta per pubblicare il regolamento, il governo cade. Ma in queste settimane la Turco potrebbe ancora emanare le nuove regole, che affosserebbero la legge vigente.
Gennaio 2008: il bavaglio al Papa. C’è lo zampino del Governo nella vergognosa vicenda della Sapienza: mentre monta l’ostilità contro la visita del Papa, Prodi e i suoi ministri tacciono. Parleranno soltanto quando il Pontefice annuncerà di aver rinunciato. Il Ministro degli interni Giuliano Amato – rivela Andrea Tornielli su il Giornale avrebbe consigliato il Papa di inventarsi una malattia diplomatica e restarsene a casa.
Che fine hanno fatto i protagonisti? A futura memoria, è interessante ricordare che cosa fanno oggi i protagonisti di questi atti. Romano Prodi ha annunciato che non si ricandiderà. Fabio Mussi e Cesare Salvi sono esponenti di spicco della Sinistra Arcobaleno, che candiderà come premier Fausto Bertinotti. Livia Turco è una dirigente del nuovo Partito Democratico guidato da Walter Veltroni. Rosy Bindi è stata candidata alle primarie del Partito democratico e ne è elemento di spicco. Barbara Pollastrini è uno dei 45 membri del Comitato nazionale per il Partito democratico. Del quale fanno parte anche Ignazio Marino, Giuliano Amato e Anna Finocchiaro.
Conclusioni
Di fronte a fatti così eloquenti, si impongono alcune considerazioni. La prima: il Governo Prodi ha progettato una serie di attentati alla legge naturale e alla libertà di parola della Chiesa, che non si sono concretizzati solamente per la sua fine prematura. Dunque, la caduta del Governo Prodi è stata provvidenziale. Secondo: è la prima volta nella storia repubblicana che è il governo (e non il Parlamento) a farsi direttamente promotore di iniziative così numerose di marca anti-cattolica. Terza e ultima considerazione: il giorno in cui ognuno di noi dovrà andare a votare, sarà bene non dimenticare questi venti mesi di autentico assedio ai valori che contano. La minaccia continua.
Mario PALMARO
IL TIMONE – Marzo 2008 (pag. 12-13)
Advertisements

3 Risposte to “Elezioni 2008: etica e politica”

  1. omnologos said

    E’ appunto perche’ a parlare sono i fatti e non le chiacchiere che si puo’ dire che il Governo Prodi sia stato il piu’ clericale della storia della Repubblica. Non una sola iniziativa e’ arrivata a termine, se i vescovi hanno detto di no.

    Infatti chi e’ il secondo partito clericale d’Italia adesso, se non il PD (dopo l’UDC)? E in quale partito e’ permesso di pensare liberamente sull’etica, se non nel PDL?

  2. luca said

    Infatti nel 2° e 3° governo berlusconi abbiamo avuto i prof. di religione diventati di ruolo, ma gestiti dalla Curia Arcivescovile e diventati di fatto un canale privilegiato di assunzioni in barba a chi spende 2000 euro per frequentarei corsi post-laurea abilitanti e vedersi scavalcato dal prof di religione che avendone i titoli, ma nn avendo vinto nessun concorso chiede il passaggio in ruolo in un altra materia di insegnamento.

  3. Fernando said

    Caro Peppe,
    Non illudiamoci di esserci scaricati di Prodi. Da buon ex DC non lascia facilmente la poltrona. Per ora se ne va perchè Veltroni e gli Italiani non lo vogliono. Sarà messo parzialmente a riposo. Verrà premiato per le ca….te che ha fatto. Giocherà per qualche annetto fuori casa, poi tornerà. Gli Italiani che dimenticano tutto e le grandi Lobies finanziarie che si spostano ora a destra ora a sinistra avranno necessità di riavere di nuovo Prodi e lui tornerà per nostra delizia. Ciao da Fernando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: