LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Posts Tagged ‘co2’

Accordo tra l’Italia e il Sudafrica su energia e riduzione di Co2

Posted by peppecaridi su 24, aprile, 2009

http://www.meteoweb.it/cgi/uploads/sezioni/2078/foto/Taranto_Priolo.jpghttp://www.meteoweb.it/di Aldo Mantineohttp://www.gazzettadelsud.it/ – Al summit di Siracusa che oggi consuma nei suggestivi spazi del Castello Maniace l’atto conclusivo dopo tre giorni di dibattito e confronto sulle principali emergenze ambientali, ieri – sessioni di lavoro sulla biodiversità tutte rigorosamente off limits per cronisti e telecamere – è stato il momento degli Stati Uniti. E gli Usa non c’è dubbio che per quel che rappresentano sono uno dei “motori” di questo processo di alleanza tra Nord e Sud del mondo che si vuol mettere in moto, idea rilanciata proprio da Siracusa, per uno sviluppo globale che sia compatibile con le tante emergenze ambientali.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in Meteorologia, Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

L’aria inquinata ’aiuta’: le piante assorbono più CO2

Posted by peppecaridi su 23, aprile, 2009

http://www.meteoweb.it/cgi/uploads/sezioni/2057/foto/smog.gifhttp://www.meteoweb.it/L’inquinameto dell’aria ha un effetto positivo per la lotta ai cambiamenti climatici perche’ accresce il livello di assorbimento di anidride carbonica da parte delle piante. Da una ricerca pubblicata su “Nature”, e’ emerso che la “produttivita’” globale delle piante e’ aumentata di un quarto dal 1960 al 1999. Cio’ si e’ tradotto in un aumento netto del 10 per cento della quantita’ di anidride carbonica immagazzinata sulla terra. Un gruppo di studiosi di Zurigo, del Met Office Hadley Centre britannico e dell’Universita’ di Exeter ha osservato che, contrariamente a quanto si crede, le piante sono piu’ brave ad assorbire CO2 in condizioni di nebbia e inquinamento piuttosto che sotto un cielo terso.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in Meteorologia, Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

G8 Ambiente: da Siracusa un patto sul clima: seppellire la CO2

Posted by peppecaridi su 23, aprile, 2009

http://www.meteoweb.it/cgi/uploads/sezioni/2051/foto/g8_ambiente_siracusa_N.jpghttp://www.meteoweb.it/Un patto per il clima da ripensare in chiave di eco-tecnologie, a partire dalla cattura e stoccaggio della Co2, alla quale l’Italia ha aderito, ma soprattutto dell’efficienza energetica. Non basta piu’ ridurre le emissioni. Ora la parola d’ordine e’ concentrarsi su forme di finanziamento certe, riconosciute a livello globale, per la crescita sostenibile. L’appello viene dal G8 Ambiente di Siracusa, aperto, nel giorno in cui il mondo e’ mobilitato per l’Earth Day, dal ministro Stefania Prestigiacomo, che ha sottolineato l’ importanza di un accordo globale ’’condiviso’’ sul clima e ha siglato con l’Australia un’intesa per entrare nella rete dei progetti per la cattura e lo stoccaggio della Co2.  Leggi il seguito di questo post »

Posted in Meteorologia, Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

L’obesità inquina: i magri emettono meno gas serra

Posted by peppecaridi su 20, aprile, 2009

http://www.meteoweb.it/cgi/uploads/sezioni/1980/foto/obesita.jpgwww.meteoweb.itEssere in linea fa benissimo non solo alla nostra ma anche alla salute dell’ambiente: infatti riduce le emissioni di gas serra causate dalla produzione di cibo, una delle principali fonti di emissioni, e dall’uso dell’automobile, che risulta proporzionale ai chili di troppo. Lo rivela uno studio di Phil Edwards e Ian Roberts della London School of Hygiene & Tropical Medicine pubblicato sull’International Journal of Epidemiology. I ricercatori hanno calcolato che una popolazione di un miliardo di persone magre emetterebbe ogni anno un miliardo di tonnellate di CO2 in meno rispetto allo stesso numero di persone grasse. L’indice di massa corporea (IMC) del mondo occidentale sta continuando a salire senza freno: tra 1994 e 2004 l’IMC medio in Gran Bretagna e’ salito per i maschi da 26 a 27,3, per le femmine da 25,8 a 26,9 (circa 3 kg di piu’). Inoltre gli esperti hanno calcolato che una popolazione magra come quella del Vietnam consuma il 20% in meno di cibo e produce meno gas serra rispetto a una popolazione in cui il 40% degli individui e’ in sovrappeso, come in America. Non solo chi mangia di piu’ inquina di piu’ perche’ la produzione di cibo e’ la principale fonte di emissioni, ma anche perche’ di solito chi e’ obeso o in sovrappeso preferisce andare in macchina, contribuendo a inquinare anche in questo modo. (ANSA)

Posted in Varie | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Ecco perché possiamo fare a meno di Kyoto

Posted by peppecaridi su 21, ottobre, 2008

http://www.meteoweb.it/images/zichichi.jpgdi Antonino Zichichi * – http://www.ilgiornale.it/ – La paura per le variazioni climatiche nasce dal fatto che il grande pubblico ignora le contraddizioni rigorosamente «scientifico-matematiche» che stanno alla base delle tanto declamate «previsioni» dell’Ipcc (Intergovernmental panel on climate change), un gruppo di 2.500 persone che ha fatto credere all’opinione pubblica mondiale: la Scienza ha capito tutto sul clima. Se fosse vero, il futuro climatologico della Terra sarebbe privo di incertezze e sotto il rigoroso controllo della Scienza. Non è così. Diciamo subito che quanto osservato fino ad oggi sul clima può essere dovuto a cause naturali e che l’uomo potrebbe quindi entrarci poco o niente. Anzitutto una precisazione. L’anidride carbonica è cibo per le piante e non va quindi demonizzata come è invece giusto fare per i veleni che l’industrializzazione selvaggia inietta nell’atmosfera.
Chi scrive è responsabile, con l’allora segretario generale della World meteorological organization (il Professore G.O.P. Obasi), della creazione del comitato scientifico dell’Onu da cui è poi nato l’Ipcc. Di questo comitato faceva parte il più brillante collaboratore di Von Neumann, padre della matematica meteo-climatologica, l’allora giovanissimo Tsung Dao Lee (pupillo di Fermi e Nobel) che introdusse la «terza dimensione» nella matematica meteo-climatologica. Senza questa «terza dimensione» non potrebbero esistere le «turbolenze», proprietà fondamentale di tutti i modelli meteo-climatologici. Leggi il seguito di questo post »

Posted in Meteorologia, Scienza e Natura | Contrassegnato da tag: , , , , , , , , , , , , , , | Leave a Comment »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 226 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: