LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Reggio, nuovo episodo della crisi al Comune. Nuove scintille nel centrodestra mentre il centrosinistra chiede la convocazione di un consiglio comunale

Posted by peppecaridi su 26, agosto, 2010

http://www.meteoweb.it/images/Reggioalace.jpgEvoluzione politica ancora complessa, Palazzo San Giorgio non riesce a venir fuori dal tunnel della crisi - La crisi politica del Comune di Reggio Calabria continua a caratterizzare gli eventi del mondo politico anche nel giorno della bomba al procuratore Di Landro. L’udc ha diffuso una nota di responsabilità in cui i vertici del partito centrista affermano che «il perdurare della crisi al Comune di Reggio Calabria instaura di fatto una instabilità che indebolisce la città che sta pagando un prezzo altissimo a causa del vuoto politico ed amministrativo delle ultime settimane. Alla luce degli avvenimenti delle ultime ore, con il gravissimo attentato ai danni del Procuratore della Repubblica Di Landro, che colpisce non solo la magistratura ma anche il contesto sociale e politico dell’intera comunità reggina, le Istituzioni hanno l’obbligo di costituire un corpo unico nel fronteggiare e arginare tutti coloro i quali tentano con mezzi violenti di minare l’agibilità democratica della nostra collettività. In questo contesto riteniamo non più differibile il permanere della grave situazione di stallo che riguarda Palazzo San Giorgio. Da qui scaturisce il nostro fermo, deciso ma accorato appello a tutte le forze politiche, affinché si produca ogni sforzo possibile per addivenire nel più breve periodo ad una soluzione condivisa della crisi comunale, ritrovando le motivazioni dello stare assieme per il bene della Città. Superiamo, quindi, insieme le logiche di una sterile contrapposizione che produce solo divisioni non utili alla crescita di Reggio e lavoriamo per dare una amministrazione in grado di essere al servizio della cittadinanza. Su questo terreno l’Udc di Reggio Calabria si dichiara disponibile a qualsiasi iniziativa utile per chiudere questa, certamente non piacevole, parentesi che i cittadini di Reggio vivono con grande disagio».
Il partito centrista ha indicato nella figura di Demetrio Porcino il componente di Giunta che Raffa aveva chiesto, con la speranza di una «rapida risoluzione della crisi comunale al fine di garantire quella continuità amministrativa da tutti invocata».

Ma il Pdl e il Pri non mollano e non fanno passi indietro rispetto al braccio di ferro delle ultime settimane.
Il Pdl in modo particolare, è impegnato a capire cosa succede sul fronte interno dopo il comunicato a firma di 11 esponenti provenienti da Forza Italia che criticavano duramente l’operato del Coordinatore Tuccio. Nella giornata odierna, molti di quegli esponenti hanno seccamente smentito di aver firmato o mai saputo nulla di quel documento, e Tuccio s’è nuovamente infuriato: «nessuna componente facente riferimento al partito di appartenenza originario è ormai da quasi due anni contemplata e riconosciuta all’interno del panoramica dialettico culturale del Popolo della Libertà. Raccolgo, invece e ben volentieri, l’invito di convocare il Coordinamento di Grande Città, certo che – come sempre – l’assise sarà caratterizzata dal loro interessante contributo politico culturale. La frenetica intensità dei giorni della crisi non ha consentito, purtroppo, la tempestiva convocazione del Coordinamento, nella consapevolezza che i membri si riconoscano nell’operato dei Coordinatori. Mi permetto, invece, stigmatizzare la tempestività e la modalità della richiesta di convocamento da parte dei membri sottoscrittori, che ben poteva avvenire per le vie brevi e non a mezzo stampa, guarda caso nei giorni in cui si dialoga per il componimento della crisi politica cittadina. Sono felice, infine, che gli stessi si siano riconosciuti nell’operato dell’amico coordinatore vicario Demetrio Berna, con il quale ogni atto è stato sottoscritto congiuntamente ed ogni azione politica è stata previamente e serenamente condivisa e comunque finalizzata a creare coesione tra la maggioranza politica del Popolo della Libertà, nell’interesse della Città; fuggendo, invece,da qualsivoglia logica personalistica finalizzata alla attuazione di politiche di autocompiacimento e strumentalizzazione da parte di chicchessia».

Un comunicato firmato da Amato, Barbaro e Scarfone del Pdl reggino, inoltre, getta ulteriormente benzina sul fuoco: «La misura ormai è colma. Dopo un brillante periodo dell’amministrazione targata Scopelliti che ha segnato in positivo la città e i cittadini, premiando alle urne la coalizione di centrodestra con oltre il 70% dei consensi, ci si ritrova adesso coinvolti in una querelle del tutto personale in cui alcuni componenti del Pdl invece di pensare al bene della città stanno sperperando un patrimonio culturale, politico e amministrativo costruito durante ben otto anni di attività governativa. È inconcepibile, a tutt’oggi, comprendere il motivo reale e il significato concreto di questa manovra politica. Ci chiediamo, per questo, quale possa essere la strategia e, più in generale, il fine ultimo dell’intera vicenda che ha stimolato la fanta-politica cittadina. Troviamo strano e fuori luogo che una parte dei rappresentanti del coordinamento piddiellino di Reggio, invece di inneggiare all’unità del partito di centrodestra, si autodefinisca, ancora, ex componente FI creando, con questo atteggiamento, un’ulteriore spaccatura interna. È del tutto normale richiedere a breve una convocazione del coordinamento comunale in quanto un confronto costruttivo non può che far crescere ed arricchire il nostro partito di valori e di nuove proposte. Ma l’identità deve essere una ed una sola. All’avvocato Luigi Tuccio, coordinatore comunale Pdl Grande Città di Reggio Calabria, va un plauso per l’impegno, la tenacia e la risolutezza con cui si prodiga nel trovare una giusta sintesi all’interno del partito e della coalizione di governo cittadino nel solco della continuità. Senza, però, dimenticare le doti di mediazione messe in campo dal vice coordinatore vicario, Demetrio Berna. I cittadini hanno ormai ben chiaro chi siano i responsabili e gli artefici di questo “atroce” periodo di mancata amministrazione, le urne daranno il giusto giudizio e prima ancora i partiti dovranno dare segnali concreti. Tutti i reggini sono innamorati della propria Reggio e chi ama non dimentica».

Intanto i consiglieri comunali di centrosinistra continuano a chiedere la convocazione di un consiglio comunale dopo una riunione di coalizione avvenuta proprio poche ore fa: «Nel corso della riunione dei Consiglieri Comunali del Centro sinistra è stata presa in esame la gravissima emergenza istituzionale e sociale che sta attanagliando la città. I consiglieri si sono innanzitutto soffermati sul gravissimo atto intimidatorio al Procutarore Generale dott. Di Landro, una vicenda che lascia sgomenti e senza parole. Purtroppo non si tratta di un fatto isolato: dall’inizio dell’anno si sono verificati ripetuti attacchi criminali che hanno riguardato il dott Di Landro che quotidianamente opera con impegno e abnegazione in una realta’ complessa come Reggio Calabria. C’è la convinzione unanime che il Dott Di Landro e gli altri magistrati non si lasceranno intimidire e proseguiranno nella loro azione di giustizia e legalita’. Lo Stato deve garantire il controllo e la sovranità in zone del Paese dove è presente una delle piu’ pericolose organizzazioni deviate come è appunto la ‘ndrangheta. Occorre, in particolare, interrompere ogni forma di commistione e connivenza ad ogni livello. L’illegalità e la cultura correlata vanno combatutte alla radice con determinazione e senza ambiguità. I Consiglieri, alla luce della grave situazione emergenziale creatasi in città, ritengono come sia assurdo consentire il protrarsi della crisi al Comune determinata dalla maggioranza di centro destra chiamata ad amministrare la città. Ribadiscono, pertanto, l’urgente necessità di convocazione del Consiglio Comunale, sede istituzionalmente appropriata. I rappresentanti del centro sinistra in Consiglio rilevano a tale proposito che la precedente richiesta di convocazione datata 6 agosto 2010, sottoscritta unitariamente da tutti gli 11 consiglieri, non è stata seguita da disposizione di convocazione da parte della Presidenza del Consiglio nei termini previsti dallo Statuto».

About these ads

6 Risposte to “Reggio, nuovo episodo della crisi al Comune. Nuove scintille nel centrodestra mentre il centrosinistra chiede la convocazione di un consiglio comunale”

  1. Piero Marcianò said

    Non sono ancora riuscito a capire da cosa nasce la convinzione che gli otto anni di Giunta Scopelliti abbiano cambiato la Città al punto tale da poterla definire “modello”
    La dichiarazione che: “il modello Reggio non è un modello autoreferenziale, autarchico e senza libertà d’azione” può provenire soltanto, ovviamente, da una fazione di parte e rimane un fatto fine a se steso, ma non si può pretendere che i Reggini svincolati da qualsiasi legame o appartenenza a gruppi politici accettino come oro colato una presuntuosa supposizione basata soltanto sul fatto di appartenere oggi, allo schieramento di governance. Pretendere un plebiscito in merito sarebbe come voler pensare che i Reggini siano tutti degli imbecilli incapaci di intendere e volere, e sopratutto di giudicare in totale libertà.
    Senza entrare nel merito della vicenda Raffa, la quale fa soltanto vomitare. Voglio puntualizzare per l’ennesima volta(visto che spesso ho utilizzato questo blog per dissentire su alcune dichiarazioni faziose)che: agli occhi di chi vive la Città come semplice cittadino le cose appaiono completamente iverse da come con enfasi si vogliono far apparire. La gestione Scopelliti è stata un disastro,(solo fumo negli occhi) e “Dati alla mano” potrei elencare e commentare i disservizi di questa Città, in buona sostanza, l’unica cosa che funzionea è la strafottenza di chi gestisce la Res Publica. Il turismo e il lavoro a Reggio, contraiamente a quanto si vuol far credere sono una chimera.Il volto della Città è cambiato cosi male a tal punto che non si riconosce più e, per quanto riguarda le Società di Servizi, meglio stendere un velo pietoso.
    Il Campanilismo è un sentimento nobile e naturale per gli indigeni, ma siamo serii, cercando di non calpestare la dignità e l’intelligenza di chi vive questa Città e soffre quotidianamente della strafottenza e dell’incapacità di chi la governa.

    • DE BENEDETTO VINCENZO said

      E’ MANCANZA DI PREPARAZIONE E CULTURA POLITICA
      non ci si deve offendere, è la realtà reggina!

      OSSERVATORIO di Roma.DBV

    • Città di Novara said

      La vicenda Raffa ha del ridicolo, ma che la gestione Scopelliti sia stata un disastro non è un dato di fatto. Da Reggino anche io, penso proprio in modo inversamente proporzionale al Suo, definire negativo l’operato del Governatore presuppone che Reggio sia tale e quale a quella degli anni ’80/’90 e tutti, anche i turisti si sono resi conto dell’esatto contrario. Coloro i quali che, come Lei, sono pronti a puntare il dito contro non hanno mai proposto qualcosa in ALTERNATIVA e, tenendo conto che il vecchio modo di essere “reggini” abina ad ogni cervello “un tribunale” è chiaro e palese che determinate affermazioni scaturiscono più da “un partito preso” che altro. Cioè dire che pur di fare polemica non ci si accorge di quanto buono ci sia in un gruppo di persone che perlomeno provano a fare meglio di quelli che hanno governato la città negli ultimi 50 anni. Lentamente la mentalità dei reggini sta cambiando ma, per accorgersi di questo, bisogna osservare parecchio e dare atto ai fatti che, nell’insieme, fanno storia. Se continuiamo solo a lamentarci e non fare delle proposte alternative difficilmente contribuiremo ad un miglioramento. Non sono più i tempi in cui si scarica sul governo e su chi dirige, adesso ognuno di noi deve essere parte integrante del cambiamento. Non ci va una cosa? proponiamo un’alternativa valida viceversa lasciamo fare a chi perlomeno si prende la briga di volersi relazionare.

  2. Fausto said

    Anche io sono un reggino e quello del sig. Piero Marcianò mi sembra davvero un comportamento arrogante.
    Io non sono di destra, non avevo mai votato a destra fino al 2007 nè ho mai votato il partito di Berlusconi, però alle comunali del 2007 ho votato Scopelliti e anche alle Regionali di pochi mesi fa.
    Scopelliti è stato un grandissimo Sindaco per Reggio, e io – come “Città di Novara” – vedo tutto esattamente all’opposto rispetto a quello che scrive Piero Marcianò. Eppure sono reggino anche io, come il 72% di miei concittadini che hanno votato Scopelliti alle Comunali, e il 74% che l’ha fatto alle Regionali nel nostro Comune.
    Qui a Reggio tutti (o quasi) amiamo Scopelliti, che è stato per tre anni il Sindaco più amato d’Italia. E tutti lo stimano e lo apprezzano per quello che ha fatto.
    Ha cambiato la Città davvero “da così a così” con opere pubbliche importanti (basti guardare tutte le piazze del centro, piazza castello, piazza carmine, piazzetta orange, largo calopinace, o anche il tapis roulant, il lungomare di pellaro, il centro civico di ravagnese, e molte altre opere in corso come il lungomare di gallico, il palazzo di giustizia), ha aperto la Città al mondo della cultura (teatro cilea, villa zerbi, castello aragonese), ha valorizzato il lungomare (lidi, spettacoli, rtl, notti bianche, musica e molto altro), ha portato avanti con grande successo il progetto turistico rilanciando l’immagine della città, con risultati evidenti nel turismo e nell’economia, tanti altri progetti partiranno nei prossimi mesi, il nuovo corso garibaldi, il nuovo waterfront, ha contribuito a rilanciare l’aeroporto e l’università per stranieri con progetti validi e ambiziosi, ha rinnovato l’illuminazone di tutta la città, ha fatto fontane, abellito varie zone, piantato verde, messo alberi, asfalto, rotonde, fontane e molto altro …
    Sono stati davvero 8 anni indimenticabili per Reggio, e secondo me Scopelliti ha fatto anche meglio di Falcomatà.
    Adesso speriamo di trovare un degno successore, altrimenti sarebbe un peccato perdere quanto bene è stato fatto negli ultimi 16 anni…

  3. Fausto said

    ah … per quanto riguarda i servizi.
    A Reggio funzionano benissimo, oggi, finalmente.
    La Città è pulita e ordinata, la spazzatura viene raccolta con ordine e puntualità, nonostante ancora bisogna combattere con i vandali e gli incivili che sporcano come e dove gli pare senza logica.
    Inoltre siamo una delle città del sud più avanzate nelle percentuali di raccolta differenziata.
    Anche il trasporto pubblico è molto migliorato da quando c’è l’isola pedonale sul corso e la corsia preferenziale.
    E’ indubbio che la Città negli 8 anni di gestione Scopelliti ha fatto tantissimi passi avanti.
    Solo chi ha il prosciutto sugli occhi può negare quest’evidente realtà.
    E certo non saranno le buffonate di Raffa e di altri uominculi del Pdl a infangare Scopelliti: le grandi cose le fanno gli uomini, non i partiti. E nel Pdl ci sono tanti “scasacani”, ma Scopelliti è stato un grande e speriamo che adesso continui a fare bene da Governatore…

  4. Città di Novara said

    “le grandi cose le fanno gli uomini, non i partiti”, caro Fausto basta solo questa frase per supportare e rafforzare entrambi gl’intervanti che hai realizzato. Solo con l’obiettività e con l’essere propositivi è possibile migliorare se stessi e di riflesso la collettività e, le tue parole, sono l’esempio lampante di come tantissimi reggini ne sono già parte integrante. La vicenda Raffa è un dato di fatto ma è palese che tutti i reggini o quasi sono scottati ed arrabbiati in quanto quest’uomo si destreggia di testa sua non considerando l’elettorato che ha dato gran voce all’amministrazione Scopelliti, grande uomo, o meglio, onesto reggino che ha dato il massimo di se stesso. Sono contentissimo di aver letto quanto hai scritto e scusa se ti ho dato de tu ma mi trovo in pieno accordo con il tuo modo di pensare.

    Con stima
    Alessio Marrari
    http://www.cittadinovara.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 226 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: