LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

Gheddafi è a Roma: “Ora siamo amici” Niente aula del Senato per il colonnello

Pubblicato da peppecaridi su 11, giugno, 2009

http://www.meteoweb.it/images/gheddafi.jpghttp://www.ilgiornale.it/ – Tra Italia e Libia è stata avviata “una nuova stagione di pace, amicizia e collaborazione” dopo anni di “rapporti difficili a causa dell’eredità coloniale” che ha causato “sentimenti di dolore nel popolo libico”. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi nel corso di una conferenza stampa a villa Madama insieme a Muammar Gheddafi. “Ci voleva una grande volontà per uscire da quella situazione e avviare una nuova stagione di pace, amicizia e collaborazione”. Riconosco nel leader Gheddafi una “profonda saggezza”, ha detto il premier sottolineando di essere legato al colonnello da “vera e profonda amicizia” coltivata in questi ultimi quindici anni. Il capo del governo, dopo aver sottolineato che con il colonnello c’è “vera e profonda amicizia”, ha ribadito che il leader libico interverrà ai lavori del G21 all’Aquila, in rappresentanza dei paesi africani. Siglati quattro accordi “Oggi abbiamo firmato quattro accordi siglati a Bengasi lo scorso anno, che prevedono una vera e propria partnership e una collaborazione molto stretta tra i nostri due Paesi, una comune presa di posizione delle vicende internazionale e stretta collaborazione nel settore economico”, ha ricordato il Cavaliere. Berlusconi ha infine dato il “benvenuto al leader dal popolo e dal governo italiano”. “Sono assolutamente certo che a questa visita ne seguiranno altre – ha concluso – e che i nostri due paesi potranno utilmente collaborare nell’ambito internazionale, dove la Libia ha una posizione importante ed è nel consiglio di sicurezza Onu”. http://www.meteoweb.it/images/gheddafi1.JPGGheddafi: Berlusconi uomo coraggioso Silvio Berlusconi è “un uomo di ferro – ha detto il leader libico – che con determinazione e coraggio” ha preso la “decisione storica di chiedere scusa” al popolo libico per i danni del colonialismo e quindi di “risarcirlo”. “Un’era è chiusa – dice Gheddafi – non nego che i Governi precedenti non abbiano tentato, ma hanno fallito. Il trattato è stato firmato da Berlusconi”. Lo sbarco a Ciampino Il colonnello Gheddafi è arrivato a Roma per la prima visita di ufficiale nel nostro paese. Il leader libico, in alta uniforme, i consueti occhiali da sole, è sceso lentamente lungo la scaletta dell’aereo e, ultimati gli scalini, è stato abbracciato dal premier italiano con il quale ha scambiato qualche battuta. Infine Berlusconi e Gheddafi hanno ascoltato l’esecuzione degli inni nazionali, davanti a un picchetto militare interforze. Quella foto sul petto Muammar Gheddafi non rinuncia al gusto della provocazione e, nonostante gli attuali ottimi rapporti con l’Italia, ha scelto di caratterizzare sin dal suo esordio la visita in Italia con chiari riferimenti all’epoca buia del colonialismo italiano. La curiosità si è subito focalizzata su una grande foto in bianco e nero che il leader libico sfoggiava all’altezza del petto sulla sua alta uniforme militare, così come sulla sua lentissima discesa dalla scaletta dell’aereo che lo ha portato a Roma, mentre il premier Silvio Berlusconi lo attendeva per salutarlo. Alle sue spalle scendeva con estrema fatica un anziano in abito tradizionale che Gheddafi attendeva con grande deferenza. Si tratta di un personaggio famoso in Libia perchè discendente dell’eroe che combattè gli italiani. L’eroe combattente si chiama Omar al Muktar, soprannominato il leone del deserto. Fu il leader della resistenza libica contro gli italiani agli inizi degli anni 30. E il personaggio che seguiva Gheddafi si chiama Mohamed Omar al Muktar, ultimo discendente dell’eroe. Oltre ad aver portato a Roma il parente del “leone del deserto”, Muammar Gheddafi si è voluto presentare alle telecamere di tutto il mondo con una singolare fotografia sul petto: quella dell’arresto operato da parte di squadroni fascisti, l’11 settembre del 1931, proprio di Omar al Muktar. http://www.meteoweb.it/images/gheddafi2.JPGStretta di mano con Napolitano Alle 13 in punto il leader libico Muammar Gheddafi è giunto, a bordo di una limousine bianca, al Quirinale. Gheddafi è stato ricevuto dal consigliere del presidente della Repubblica per gli affari militari, generale Rolando Mosca Moschini, e poi è salito al primo piano del Palazzo dove si intratterrà a colloquio con il capo dello Stato Giorgio Napolitano. Insieme a Gheddafi, in alta uniforme, tutta la delegazione libica. Il Capo dello Stato ha accolto il leader libico nella sala del Bronzino, stringendogli la mano prima dell’inizio dei colloqui. Berlusconi: “Si è chiusa una lunga pagina dolorosa” “Si è chiusa una lunga pagina dolorosa”. Così, a quanto apprende l’Adnkronos, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si è rivolto al colonnello Gheddafi al suo arrivo all’aeroporto militare di Ciampino. Il premier e Gheddafi si sono appartatati in una saletta del 31° stormo dell’Aeronautica. Qui c’è stato uno scambio di saluti e il benvenuto da parte di Berlusconi al leader libico. “Si è chiusa una lunga pagina dolorosa”, ha detto Berlusconi a Gheddafi, che ha assentito. Berlusconi ha poi brevemente illustrato al Colonnello il programma della visita nella Capitale. Faccia a faccia con Napolitano “Salutiamo questa generazione di italiani per aver risolto con estremo coraggio le questioni del passato”. Lo ha detto il leader libico al termine dei colloquio con il presidente della Repubblica. Questo “ha portato alla firma dell’accordo di amicizia” tra Italia e Libia, ha aggiunto Gheddafi. “Si è voltata la pagina del passato e si è aperta una nuova pagina di amicizia”. Il capo dello Stato saluta la “nuova fase” che si è aperta nei rapporti tra Italia e Libia con la firma del Trattato di amicizia. Napolitano spiega che la prima visita del Colonnello in Italia avviene all’indomani del trattato di amicizia che “ha chiuso definitivamente il doloroso capitolo del passato ed espresso la ferma volontà delle parti di costruire una nuova fase del rapporto bilaterale” che sarà caratterizzata “da un forte e ampio partenariato politico, economico e in tutti i restanti settori della collaborazione”. Città blindata per tre giorni L’aeroporto di Ciampino è blindato da questa mattina. Rigide le misure di sicurezza predisposte nello scalo romano, con i controlli di polizia e carabinieri che cominciano già sulle strade di accesso all’area. Rinforzato anche il presidio all’ingresso, dove le vetture in entrata sono controllate scrupolosamente a vista. La piazzola di sosta dinanzi alla sala di rappresentanza del 31° Stormo dell’Aeronautica militare, dove verrà fatto parcheggiare l’aereo del leader libico, è sotto l’occhio di tiratori scelti posizionati sui tetti delle palazzine ed in altri punti sensibili. La tenda beduina: incensi, divanetti e poltrone dorate Come da tradizione, il colonnello alloggerà in una tenda “beduina” di 60 metri quadrati di superficie allestita nello splendido parco di Villa Pamphilij, Gheddafi che inizia oggi la sua storica visita di tre giorni a Roma. All’interno la tenda è arredata con 12 poltrone dai piedi dorati, divanetti, lampade al neon, tavoli, stufe elettriche in caso di freddo e grandi incensieri per profumare l’ambiente. Ma la tradizionale tenda nella quale Gheddafi è solito ricevere i suoi ospiti non sarà però usata per il suo pernottamento: all’interno del parco da 180 ettari, il rais verrà infatti ospitato nei locali della splendida villa seicentesca, oggi completamente restaurati e resi adatti ad accogliere capi di Stato e di governo. http://www.meteoweb.it/images/gheddafi3.JPGGHEDDAFI NON PALERA’ IN AULA SENATO, VINCE LA PROTESTA. MEDIAZIONE SCHIFANI DOPO NO DELLE OPPOSIZIONI; PD SI ERA DIVISO  (di Corrado Sessa – ANSA) – ROMA, 10 GIU – Aula del Senato preclusa al leader libico Muhammar Gheddafi, che terra’ domattina il suo discorso nella sala Zuccari a palazzo Giustiniani dopo le proteste delle opposizioni che erano andate crescendo durante la giornata. La decisione e’ stata presa all’unanimita’ dalla Conferenza dei capigruppo, convocata in serata, per evitare che l’intervento del Colonnello in Aula diventasse un delicato caso politico-diplomatico vista la sollevazione dei senatori dell’opposizione contrari a far parlare in ”un’Aula parlamentare, tempio della democrazia, un dittatore che calpesta i diritti umani”. Renato Schifani ha svolto un ruolo di mediazione per arrivare ad un soluzione condivisa da tutti i gruppi al termine di una giornata convulsa. Si era avuta anche, in mattinata, una spaccatura nel gruppo del Pd che inizialmente aveva dato il proprio assenso all’intervento di Gheddafi in Aula. A fine serata, oltre alla soddisfazione dell’Idv che con Belisario ha condotto una battaglia contro Gheddafi a palazzo Madama fino a minacciare l’occupazione dell’Aula, e’ soddisfatta anche Anna Finocchiaro che ha parlato di ”migliore soluzione possibile”. La protesta era montata dalla mattina ed era stata soprattutto l’Idv a stigmatizzare, all’inizio della seduta, la decisone presa ieri dalla conferenza dei capigruppo, con il solo voto contrario del partito di Antonio Di Pietro, di consentire a Gheddafi di parlare nella veste di presidente di turno dell’Unione Africana. Ma anche alcuni senatori del Pd, tra cui Paolo Giaretta e Anna Maria Carloni, erano intervenuti in Aula per criticare quella scelta, contestando di fatto il via libera espresso ieri a nome del Pd dal vicepresidente del gruppo Nicola Latorre, che sostituiva nella riunione Anna Finocchiaro. Il gruppo del Pd si era subito riunito per dibattere su quella scelta e, secondo quanto si e appreso, una quindicina di senatori avrebbero messo sulla graticola Latorre chiedendo lumi sul suo assenso alla proposta avanzata dal capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri. Al termine della riunione, definita da alcuni partecipanti come una sorta di ”processo” al braccio destro di Massimo D’Alema, era emersa la decisione di non essere presenti in Aula con l’invito ad Anna Finocchiaro di riportare al presidente Schifani il no dei senatori democratici con l’invito a cercare un’altra soluzione. Latorre, pero’, aveva smentito di esser stato messo sul banco degli accusati: ”Ci sono stati interventi che hanno manifestato disagio ma non c’e’ stata alcuna contestazione nei miei confronti. Se ci saranno le ascoltero’, forse le dicono prima a voi che ad altri”, aveva obiettato ai cronisti che gli riferivano dei dissensi nel gruppo. In difesa di Latorre, era intervenuto Massimo D’Alema che vedra’ il leader libico in un incontro promosso alla camera dalla Fondazione Italianieuropei. ”Il Senato concede solo l’Aula. Pertanto mi sembra una polemica insensata”, aveva osservato l’ex ministro degli Esteri. Stessa posizione dall’ex presidente del Senato Franco Marini. ”La decisione su dove debba parlare Gheddafi spetta al presidente Schifani – aveva detto – Ma io sono interessato ad ascoltarlo. Quindi, in Aula o in un’altra sala, io ci saro”’. Mentre Walter Veltroni dichiarava di ”condividere la posizione del Pd al Senato” contro l’intervento in aula del colonnello libico. Maurizio Gasparri aveva risposto alle proteste ricordando che la decisione della Conferenza dei capigruppo era stata ”condivisa da tutti tranne che dall’Idv” e che ”anche in altre occasioni era stata offerta l’Aula per manifestazioni di vario genere”. ”Al Dalai Lama, Nobel della pace, non fu consentito rivolgere un messaggio all’Aula e a chi non sa neanche cosa sia un Parlamento si”’, aveva replicato il capogruppo dell’Idv Felice Belisario minacciando azioni di protesta clamorose dei dipietristi domani in Senato. Anche i sentori dell’ Udc avevano fatto sapere che non sarebbero stati presenti se rimaneva la decisione di far parlare il leader libico in Aula. Al fronte del no dell’opposizione si era anche registrata qualche perplessita’ nella maggioranza, soprattutto tra i leghisti. Alla fine, passa la mediazione e resta l’attesa per vedere domani la reazione del colonnello libico. ITALIA-LIBIA: PDL SU GHEDDAFI, ALEMANNO RISPETTA VOCAZIONE CITTA’ Roma, 10 giu. – (Adnkronos) – ”Roma citta’ universale, luogo di incontro tra culture, religioni e tradizione diverse tra loro e questo non accade oggi, fa parte della sua storia millenaria. La nostra citta’ ha aperto le sue porte a tutti e in questi giorni lo fa anche con Gheddafi cosi’ come lo ha fatto in passato con altri personalita’ altrettanto scomode con le quali c’erano vicende e contenziosi aperti con il nostro paese o che potevano avere ripercussioni su alcuni rapporti internazionali, vedi Fidel Castro e Arafat per finire con il grande gesto del sindaco Alemanno di concedere la cittadinanza onoraria di Roma al Dalai Lama”. Lo dichiara Federico Rocca Consigliere Comunale del Pdl. ”Roma continuera’ a svolgere questo ruolo che la storia gli ha affidato, e’ un compito non facile ma al quale non vogliamo sottrarci, per questo apprezzo il coraggio del sindaco Alemanno per aver invitato Gheddafi in Campidoglio peraltro su un tema importante ‘il dialogo nel mediterraneo”’, continua. ”Mi auguro che questo incontro possa essere il momento per parlare delle questioni ancora aperte tra la Libia e il nostro paese che partono da lontano con la vicenda dei nostri esuli ed arrivano sino all’attuale fenomeno dell’immigrazione – conclude – Senza il dialogo e’ impossibile pretendere e ricevere rispetto, certo ci deve essere reciprocita’ per farlo, proprio per questo confido nel Sindaco Alemanno e nella sua capacita’ di saper far comprendere a Gheddafi le nostre ragioni”.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 225 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: