LA PAGINA – Peppe Caridi Live News

La pagina è il mio campo, su cui posso scrivere valorosamente; la penna il mio aratro; le parole la mia semente

“Messina è ancora un verminaio”: università nel mirino di Reubblica, ma il Rettore risponde

Posted by peppecaridi su 17, ottobre, 2008

http://www.meteoweb.it/images/Tomasello.JPGdi Peppe Caridi – E’ peggio di una doccia fredda l’articolo pubblicato a tutta pagina da Repubblica nell’inserto “Sicilia” del venerdì, in cui l’inviato Francesco Viviano parla esplicitamente di appalti pilotati e affari non certo trasparenti. L’Università di Messina è in subbuglio perchè vede scricchiolare quella figura del rettore Francesco Tomasello che è ormai da tempo il punto di riferimento forte e capace dell’ateneo.

Nell’articolo di Repubblica, che è anche nel sommario della prima pagina del giornale, si evidenzia l’inchiesta giudiziaria che vede indagata per concorso in corruzione la dottoressa Carmela “Melitta” Grasso, moglie del Rettore Tomasello.

La dottoressa Grasso è indagata nell’inchiesta sull’appalto relativo ai servizi di vigilanza al Policlinico di Messina, e a dire il vero la notizia non è certo uno scoop: l’indagine risale all’autunno scorso (2007) e già la stampa locale ne parla da appunto 12 mesi circa in modo specifico e dettagliato.

Per questo motivo la tempistica della pubblicazione del pezzo sopra linkato ha insospettito il Rettore che ha subito indetto una conferenza stampa con i giornalisti in cui è apparso calmo e sereno: “la conferenza stampa del  27 giugno – ha dichiarato Tomasello – è stata  profetica; già in quell’occasione avevo anticipato questa mossa, parlando della presenza di opportunisti che vogliono distruggere il lavoro di 4000 dipendenti e 40000 studenti”.

Tomasello ha parlato di “attacco volgare e scomposto nei miei confronti e della mia famiglia” ed entrando nel dettaglio dell’indagine ha evidenziato come “per quanto riguarda il Policlinico, ad aprile 2007, è stata fatta una scelta precisa, con l’istituzione di una commissione e di un commissario per controllare e far luce su tutta la gestione e l’organizzazione. Mi rendo conto che ad alcuni non va bene che un professionista svolga la sua attività senza trarne alcun beneficio, ma queste persone appartengono a un pianeta che io non conosco. I miei conti correnti e quelli della mia famiglia sono corrispondenti al lavoro che svolgiamo. Una mole di inesattezze quelle contenute  nell’articolo, in cui si indica erroneamente mia moglie come dirigente del Policlinico, neurochirurgo, dottore; falsità segno della profonda disinformazione di cui è intriso questo articolo.
Ma noi andiamo avanti, senza esitazione e metteremo a nudo l’Università. Mi è pervenuta proprio ora la relazione del Commissario Pecoraro sullo stato del Policlinico, la sottoporremo al Senato e Consiglio di Amministrazione. Il malaffare
– ha concluso il Rettore – agisce dando informazione sgangherate, segno che a qualcuno non va bene che questa Università abbia intrapreso un percorso di massima trasparenza”.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 226 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: